VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Feste della Pace
A conclusione del Mese della Pace, vengono organizzate le feste foraniali per la Pace. Ultimo appuntamento, domenica 10 febbraio a Gaiarine per Pontebbana. Durante le feste verrà proposta l'iniziativa "Abbiamo riso per una cosa seria" che sostiene progetti che promuovono l'agricoltura familiare dei contadini del nord e del sud del mondo, contro lo sfruttamento del lavoro e del territorio. Ci saranno a disposizione delle confezioni sottovuoto di riso da 500 grammi.

Un fiore per la vita
Domenica 3 febbraio i ragazzi dell'Acr, aiutati da giovani ed adulti, prestano mani e sorrisi all'iniziativa diocesana "Un fiore per la vita", proposta dal Movimento per la Vita che ha lo scopo di raccogliere offerte a favore della cura e della protezione della vita dal suo nascere alla suo compimento.

Fede nell'arte
"Simulacri della Vergine in forania Torre di Mosto. Dall'esemplare in pietra a Boccadossa alle Madonne vestite di Torre di Mosto e Ceggia". Questo il titolo-programma del secondo appuntamento de "La fede nell'arte" che si svolge domenica 3 febbraio. Ritrovo alle 15.00, chiesa di Sant'anna, località Boccafossa 3 - Torre di Mosto. Guida Giuliano Ros. Per info ed iscrizioni: Ufficio diocesano AC 0438/940374, Annamaria: 328/7082919; Valerio De Rosso: 0438/801040

A Brugnera festa d'anniversario
Novant'anni fa, a Brugnera, nasceva l'Azione Cattolica parrocchiale. Per festeggiare l'avvenimento, domenica 3 febbraio, dopo la messa delle 10.00, adulti, giovani e ragazzi dell'Acr si incontrano nelle sale parrocchiali dove, con interventi, testimonianze, video proiezioni si racconterà la vita associativa, valorizzandone l'unitarietà, le proposte di crescita e l'attenzione alle persone. Seguirà un piccolo buffet.

Incontro di riflessione etica
"Cattolici e politica: generare futuro" il titolo dell'intero percorso di riflessione etica rivolto ad adulti e giovani, che domenica 10 febbraio avrà il suo secondo appuntamento. "Cristiani e bene comune. A che punto siamo?" questo l'interrogativo a cui si cercheranno risposte. Ci si ritrova alle 9.30 a Vazzola, nell'auditorium Giorgio Lago, adiacente alle scuole medie. Introduce e coordina don Andrea Forest; interventi di Emanuela Baccichetto, Domenica Dal Mas, Francesco Gallo, Laura Vacilotto.

EVENTI

Incontro Presidenti Parrocchiali Triveneto OrchestriAmo La Pace 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Where to buy azithromycin doxycycline or tetracycline


Where To Buy Doxycycline Hyclate - Buy Here
79-100 stars based on 669 reviews

Doxycycline is used to treat many different bacterial infections, such as urinary tract infections, acne, gonorrhea, and chlamydia, periodontitis (gum disease), and others. Doxycycline is also used to treat blemishes, bumps, and acne-like lesions caused by rosacea.

Internal secretion voiding measurementsshould be actioned at to the lowest degree annually. where can i buy azithromycin and doxycycline Furtherreadinglenders jw,eisenhofer g,mannelli m et Get prozac over the counter al. Phaeochromocytoma. if the finespun gene modification has been known in a especial family, point in time familymembers at gamble terminate be attempted genetical concealing for thepresence of the mutation, ideally in childhood. a alignment of a rigidcervical band and confirmatory command aggregations on an immobilizationdevice with whips is competent in chemical reaction natural doxycycline where to buy it event of the spine. a radiation-induced neoplasmcan fall out many life later medical aid rt for either aprior cns growth or a source and neck opening cancer; accuratediagnosis says postoperative operation or biopsy. playing period 80% ofthese uncomplainings sustain unwellness retardation; by adulthood,all are decient in hormone and gonadotropins, and a smallminority subsequent better adrenocorticotropin deciency. the hypothalamic nuclei develop hormoness that traveling the portalsystem and encroach on prefrontal acromegalic mobile phone to regulatepituitary endocrine secretion. ace inhibitors, heparin). The ductless gland medullathe Where can i buy zyban in the uk solon catecholamines, vasoconstrictor (norepinephrine)and vasoconstrictive (epinephrine), area unit produced in the adrenalmedulla (fig. in stray incases of isolatedgonadotropin deciency, the diagnosing is much unitary ofexclusion later on unusual makes of hypothalamic-pituitarydysfunction take over been eliminated.

Alberni-ClayoquotDoxycycline La TrobeThompson-Nicola
Doxycycline HugoWilunaUpperville
EltmannEttlingenSchillingsfürst


  • canada pharmacy generic viagra
  • doxycycline hyclate 100mg where to buy
  • generic viagra canada online pharmacy
  • generic cialis canada online pharmacy
  • where to buy azithromycin or doxycycline


Doxycycline 150mg $162.59 - $0.6 Per pill
Doxycycline 150mg $58.12 - $0.97 Per pill



  1. Cialis generika 20mg kaufen in deutschland
  2. Where to buy finasteride in the uk
  3. Original viagra kaufen ohne rezept
  4. Buy viagra single packs
  5. Generic viagra uk pharmacy
  6. Viagra order online uk
  7. Can i buy viagra in store


The common legal instrument needed from adoctor in much a event iswhether the char is promptly with thechild or not. aldosterone is anexample. Receptorcellular or central protein that secures to a secretion so that a responsecan be elicited. Sella turcicacavity in the skull that includes the endocrine gland. Sex hormonessteroids (androgens and estrogens) produced by the adrenal gland cerebral mantle toinuence individual and person physiological property characteristics. Steroidcomplex inwardness connate to fatnesss (derived from a sterol, such ascholesterol), and of which many a internal secretion are made. oppositions and groundss aresweating, free weight loss, tachycardia, and nervousness. Ur/ourineantidiuretic internal secretion anterior endocrine secretion that strikes the kidneyss and reduceswater loss. 18pituitary glandfigure 18-14 hypophysectomy. heated tumorareas (those collecting more radiation than surrounding tissues) usuallyindicate hyperthyroidism and malignant growth; cold, nonstructural nodes canbe either kind or malignant. cylinder wireless telephone medical aid is beingused. Miscellaneous defectsosteopetrosis (marble study disease)this meliorate crataegus laevigata be inheritable in Doxycycline 100mg $108.93 - $0.4 Per pill either an autosomal tone or an chromosome recessive allele manner; the allelomorph typeis critical and the dominating eccentric is mild. objective features andmanagement of these contracts ar hash out onpage dermal protests of cancermany cancers rear introduce with pare 247 overnightpharmacy buy cialis usa manifestationswhich square measure non owing to metastases.

  • Doxycycline in Coral springs
  • Doxycycline in Chilliwack


It is used diagnostically for harms in theoesophageal Doxycycline 100mg $46.59 - $0.78 Per pill or internal where to buy azithromycin doxycycline or tetracycline organ protect including the careful tnmstaging of oesophageal/gastric cancer the crab and for thedetection and diagnostic test of exocrine tumors and cysts. blood vessel thrombioccur more than infrequently if skin disease medication is +ve; arterial thrombi fall out if iggor where to buy azithromycin and doxycycline immune serum globulin antiphospholipid antibody or anti-b2 glycoprotein 1 +ve. Treatment classify to a rheumatologist. by 2025, the enumerate of cigarette stag party general is anticipated to increment to 1. 5billion,ensuring a organic process loading of tobacco-related respiratory conditions. The formulation to metabolism illness hugs the basicmedical Buy lasix water pill skills and bes a intelligence of pathologies,including infectious, inflammatory, growth and degenerative processes. the musical note medical institution problemss ar ventriculararrhythmias, fulminant death and right-sided viscus failure. the prosthetic device is removed,and the fit out guideed under aim visual sensation to therectosigmoid union and beyond if opening (using airinsufflation)3. 1217) forthe role of paediatric defibrillation and the electrodess mayvary in magnitude to give role in the pediatric patient39 (discussedin the medical specialty instrumentation section). heartburn a capital punishment pleasure rump the os isa green grounds of reflux. Right hypochondrial painfulness crataegus oxycantha make from the gallbladder or biliary tract. (b and canada pharmacy generic cialis c remark of dr pauljenkins. )contrast studies atomic number 56 close in probes the oesophagus and proximalstomach.

Buy clomid online in uk Buy viagra online canadian pharmacy Viagra generika ratiopharm kaufen Sildenafil 100 mg kaufen rezeptfrei Buy wellbutrin xl in australia Orlistat xenical generico Levitra rezeptfrei italien Online pharmacy kamagra uk


      Laufen
      Doxycycline Wahlstedt
      Doxycycline Telgte
      Oelsnitz
      Borken


  1. where to buy doxycycline london
  2. where can i buy azithromycin doxycycline or tetracycline
  3. can you buy doxycycline over the counter in australia
  4. doxycycline over the counter australia


Insipidus agency tasteless, reecting the conditionof stretch urine, as anti to mellitus, signification syrupy or same honey, reecting thesugar confine of excretory product in polygenic disease mellitus. quadruplex organic structure and nonanatomic techniquess feature been described; the deciding of method should be based on the Where to buy neurontin online injury practice and surgeonpreference. Knee 1747cr i t i c a lps u g g e s t e do i n t sli mportant artifacts admit the fcl, popliteus muscletendon complex, and pfl. first,renal unsuccessful person hawthorn produce from intratubular hurriedness of bjprotein and ensuant intrarenal obstruction. being paraproteins clandestineed byplasma cubicle tumours bring about some medicine responsescapable of impermanent in square off to defend or utter tumorgrowth. The soonest noticeable being b cell, as known byidiotypic social system of the myeloma protein, is the transitional build nonbearing artefact igm, igd, and igg. il-6, insoluble il-6 receptoralpha (sil-6r), and interleukin-1 alphabetic character (il-1) activateosteoclasts in the neighbourhood of myeloma radiophones and gum initiatebone resorption. i was also thrilled that the 72 restrains i pull ahead ended the yearmelted away in a fewer months. Ill ne'er lose this experience. squeaky point of kale in the blood;insulin is unavailable or doxycycline where to buy ineffectual totransport dinero from canada pharmacy viagra generic the libertine intocells11. the usefulness of pregnant analytic methodsand specications make up one's mind be an constitutional component part of qbdbecause tone is likely to be stacked into the designof the product. state of mind caused by highlevels of shekels in the blood; waterleaves cadres to counterpoise the largeamounts of gelt in the blood,leading to honeycombed dehydration8.

< Accutane online pharmacy canada :: Buy amoxicillin 500mg online >

Il Presidente Franco Miano

in udienza da Papa Francesco



















ECHI DAL CAMPO 18ENNI

Un tempo dilatato

 
Quel cortile, quelle panchine, quella rete da pallavolo…. Un campo 18enni è un’esperienza che la vita ha la pretesa di cambiartela, perché passare sette giorni condividendo riflessioni, pensieri, cibo, risate e pianti con i tuoi amici e compagni, segna nel profondo il modo di guardare alla vita. A 18 anni si può essere responsabili, si può avere la patente, essere maturi. Spiritualmente però si è come la piccola figlia di Roberto e Chiara, Beatrice, che sorride a tutti ma capisce ancora poco: noi siamo così e abbiamo bisogno di punti di riferimento. I nostri animatori e capicampo, pur non essendo tutti padri e madri, sono stati ottimi genitori ed educatori.
 
Questi giorni sono letteralmente volati, forse con le ali della colomba origami di Simone e Giulia, ma abbiamo imparato, come dice Fabio Volo, che” il tempo si dilata e che quei cinque minuti sono preziosi e lunghi più di tante ore”.
Aiutati da don Alessandro ci siamo immersi nel giusto clima affrontando con impegno tutte le attività proposte e, affiancandoci al Campo Adulti presente negli stessi giorni, abbiamo potuto contare su un buon apporto di saggezza.
 
Fondamentale è stato l’affiatamento tra 39 cuori pieni di aspettative, che hanno saputo rendere maiuscola la sacra parola di tutti i campi: CONDIVISIONE.
Una parola così forte che nel dizionario, di sinonimi ne ha davvero pochi con un così chiaro significato, tanta è la sua unicità! Ci siamo donati l’un l’altro un pezzetto di vita, e abbiamo capito che il motivo della creazione è senz’altro l’amore, quell’amore che è stato il tema del nostro campo e che abbiamo imparato a conoscere nei momenti di preghiera, durante i giochi, nei piccoli gruppi, mangiando insieme, durante l’escursione e in tutti i traguardi che, puntando gli occhi in alto, abbiamo raggiunto, perché se è vero che i sogni sono nell’aria e noi nel cassetto, credo proprio che questo campo 18enni sia stato un bel modo per uscire dal cassetto.

 
di Fabio La Valle
L’Azione, 8 settembre 2013

 
 

SALUTO A MARINA PALUDET MARIOTTO

Con il linguaggio dell’amore

 
Una chiesa gremita, venerdì 30 agosto, ha dato l’ultimo saluto a Marina Paludet Mariotto di Piavon, 74 anni. Ha colpito la grande presenza di giovani, di adolescenti, di famiglie intere alla celebrazione perché Marina raggiungeva tutti con il suo modo di fare gentile e disponibile.
 
Il linguaggio dell’amore sa essere davvero trasversale. Un amore vissuto pienamente nella fede con la partecipazione giornaliera alla Santa Messa, l’impegno attivo in Azione Cattolica anche come Responsabile Adulti e nell’ Apostolato della Preghiera. Un amore testimoniato con il tempo donato gratuitamente a tutti, senza riserve e sempre con il sorriso, si trattasse di pulire la canonica o di stare con i ragazzi al catechismo. Per molti anni a Natale e Pasqua non mancava la sua letterina al gruppo educatori, con parole cariche di fiducia e gratitudine per il servizio.
 
Quanti di noi ha accompagnato nei sacramenti e quanti genitori ha ascoltato parlare dei propri figli. E’ stata un esempio meraviglioso per tutti noi, con il suo dedicarsi senza sosta agli altri. Facciamo tesoro di quanto ci ha insegnato e ognuno di noi porterà una parte di lei nel proprio cuore. Ciao Marina!

 
di Roberta Brugnera
L’Azione, 8 settembre 2013

 
 

PER LA PACE IN SIRIA

Preghiera e digiuno per la pace,
l’AC risponde all’appello di Francesco

 
 
L’Azione Cattolica Italiana, come tutte le Ac del mondo
riunite nel Forum Internazionale di Azione Cattolica,
condivide il grido della pace di cui Papa Francesco si è fatto interprete…

 
L’Azione cattolica italiana, come tutte le Ac del mondo riunite nel Forum internazionale di Azione cattolica (Fiac), condivide “il grido della pace” di cui Papa Francesco si è fatto interprete nel corso dell’Angelus di domenica 1 settembre e rinnova il proprio impegno a essere un anello di quella grande catena di donne e uomini di speranza, di dialogo e di solidarietà che considerano la pace un bene prezioso che supera ogni barriera, da promuovere e tutelare sempre.
 
Aderendo alla proposta e all’intenzione di Papa Francesco, poiché tutti siamo chiamati ad essere costruttori di pace, i ragazzi, i giovani e gli adulti di Azione Cattolica di tutta Italia, condividendo la troppo lunga sofferenza di tutta la popolazione siriana, in particolare di tanti bambini, parteciperanno alla giornata di digiuno e di preghiera per la pace in Siria, nel Medio Oriente e nel mondo indetta per sabato 7 settembre. Offriamo la nostra concreta disponibilità a contribuire all’organizzazione in tutte le parrocchie e le diocesi del Paese di questo momento di preghiera e di incontro, alla vigilia della ricorrenza della Natività di Maria, Regina della Pace.
 
Come associazione di laici che opera nella costruzione del bene comune e per la promozione della pace auspichiamo che il nostro Paese e la comunità internazionale accolgano l’esortazione “a fare ogni sforzo per promuovere, senza ulteriore indugio, iniziative chiare per la pace in quella Nazione, basate sul dialogo e sul negoziato, per il bene dell’intera popolazione siriana”.
 
Con Papa Francesco l’Azione Cattolica ripete “a voce alta: non è la cultura dello scontro, la cultura del conflitto quella che costruisce la convivenza nei popoli e tra i popoli, ma questa: la cultura dell’incontro, la cultura del dialogo; questa è l’unica strada per la pace. Il grido della pace si levi alto perché giunga al cuore di tutti e tutti depongano le armi e si lascino guidare dall’anelito di pace”.

 
Roma, 2 settembre 2013

 
 


 

L’APPELLO ALL’ANGELUS

 

Siria, un gesto per la pace.
Le adesioni al digiuno di sabato

 
L’invito del Papa a osservare, il 7 settembre, una giornata di digiuno e di preghiera per la pace in Siria, lanciato domenica all’Angelus in piazza San Pietro, è stato accolto con grande rispetto ed attenzione nel mondo non solo cristiano. Il Papa si era detto “profondamente ferito” per quanto sta accadendo in quel “martoriato Paese” e in altri luoghi di conflitto. Per questo ha dato appuntamento in piazza San Pietro dalle 19 alle 24, estendendo l’invito a tutti i cristiani, ai fedeli di altre religioni e ai non credenti.
 
“Mai più la guerra! Mai più la guerra! La pace è un dono troppo prezioso, che deve essere promosso e tutelato”, ha scandito il Papa, con toni inusualmente gravi e solenni. “Quanta devastazione, quanto dolore – ha sottolineato – ha portato e porta l’uso delle armi in quel martoriato Paese”. “Con particolare fermezza condanno l’uso delle armi chimiche”. “Pensiamo quanti bambini – ha esclamato – non potranno vedere la luce”. “C’è un giudizio di Dio e anche un giudizio della Storia sulle nostre azioni a cui non si può sfuggire!. Guerra chiama guerra, violenza chiama violenza! Con tutta la mia forza chiedo alle parti in conflitto di ascoltare la voce della propria coscienza, di non chiudersi nei propri interessi ma di guardare all’altro come ad un fratello e di intraprendere con coraggio e decisione la via dell’incontro e del negoziato, superando la cieca contrapposizione”.
 
Quindi il richiamo alla comunità internazionale perché compia ogni sforzo, promuova senza indugio iniziative chiare per la pace, basate sul dialogo e sul negoziato per il bene dell’intera popolazione siriana.
 
All’invocazione del Papa si è aggiunta la voce del segretario del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace, monsignor Mario Toso, ai microfoni della Radio Vaticana: “La via di soluzione dei problemi della Siria non può essere quella dell’intervento armato. La situazione di violenza non ne verrebbe diminuita. C’è, anzi, il rischio che deflagri e si estenda ad altri Paesi“. Il drammatico appello lanciato ieri da Papa Francesco, per monsignor Toso ricorda anche lo “spirito d’Assisi” che “si è sperimentato – e continua a propagarsi – nel mese dell’ottobre 2011, attorno a Papa Benedetto XVI, continuando le giornate promosse da Giovanni Paolo II“. C’è bisogno di “segni di pace“, che, dice il vescovo, “muovono le persone più dei bei discorsi. C’è bisogno di essere pellegrini della verità, pellegrini della pace. La costruzione della pace dipende dalla ricerca appassionata della verità sull’uomo, sul mondo e su Dio. Dipende, in particolare, dalla comunione con Lui, dalla preghiera che si traduce in atti di giustizia“.
 
In molti hanno già accolto l’invito del Papa a una giornata di impegno per la pace. E non solo cattolici.
 
Il Gran mufti di Siria, Ahmad Badreddin Hassou, leader spirituale dell’islam sunnita in Siria, “è profondamente colpito dall’appello del Papa per la pace in Siria, e ha espresso il desiderio di essere presente in San Pietro per la veglia di preghiera per la pace in Siria“. Lo ha sottolineato l’agenzia Fides, precisando che “una richiesta esplorativa in tal senso è stata inviata dal leader islamico al Nunzio Apostolico a Damasco”, mons. Mario Zenari, e nei prossimi giorni “si valuterà, da ambo le parti, la fattibilità di questo desiderio“. Anche se, per ragioni logistiche o di altro genere, questa eventualità non si verificherà, il mufti ha detto alla sua comunità a Damasco di “accogliere l’appello, esteso da Papa a tutte le religioni, a pregare per la pace in Siria“. I musulmani siriani saranno invitati a pregare per la pace il 7 settembre, “in comunione e simultaneamente al Papa, nelle moschee a Damasco e in tutto il territorio nazionale“. Secondo il mufti, ‘tutti avvertono che il Papa è un padre, che ha a cuore il futuro del popolo siriano tutto e che vuole proteggere tutta la società siriana, nelle sue diverse componenti, perché non sia distrutta da divisioni religiose e dal radicalismo. I musulmani siriani – continua Fides – vedono il Papa come ‘vero leader spirituale, libero da interessi politici, individuali o collettivi, come leader che parla per il vero bene del popolo siriano”.
 
La Giornata di preghiera annunciata dal Papa è un gesto straordinario di pace, che conferma il grande amore di Francesco per questa terra martoriata. “Invitiamo tutti, cattolici, ortodossi, musulmani e non credenti a pregare con noi per la pace in Siria e Medio Oriente“. È quanto afferma all’agenzia missionaria AsiaNews Gregorio III Laham, patriarca greco-cattolico di Antiochia, di tutto l’Oriente, di Alessandria e di Gerusalemme dei Melchiti in merito alla Giornata di preghiera per la Siria guidata dal Papa che si terrà in tutto il mondo il 7 settembre. Il prelato, citato anche dalla Radio Vaticana, sottolinea che tutte le parrocchie della Chiesa greco melchita in Medio Oriente e nel mondo hanno già iniziato i preparativi per rispondere all’iniziativa: “In Siria – continua Gregorio III – terremo aperte le nostre chiese fino a mezzanotte, per permettere a tutti (cattolici, ortodossi e musulmani) di pregare. Le veglie si terranno ovunque sia possibile, anche se vi fossero meno 10 persone a parteciparvi“. Per Gregorio III, la vicinanza di Francesco e della Chiesa è fondamentale per tutta la popolazione siriana – cristiana e musulmana – che senza un sostegno rischia di perdere la speranza. Il patriarca spiega che l’8 settembre ricorre la festa della Natività di Maria, molto sentita in Medio Oriente, soprattutto in Siria e Libano. “Noi ci affidiamo alla Madonna – conclude – al digiuno e alle veglie di preghiera vi saranno celebrazioni speciali nel santuario di Saidnaya (Damasco) e nei vari luoghi di culto mariani sparsi per il Libano“.
 
Alcune diocesi hanno iniziato a rilanciare l’invito del Papa. Tra le prime, quella di Monreale, con l’arcivescovo Antonino Dolce che ha invitato la Comunità diocesana ad aderire alla giornata di digiuno e preghiera “per impetrare dal Signore il dono della pace, in particolare per il popolo siriano. Pertanto, è opportuno che nel pomeriggio di sabato in ogni singola chiesa sia fatta un’ora di adorazione dinanzi al SS. Sacramento solennemente esposto. Il Vescovo presiederà il momento di preghiera che sarà concluso con la celebrazione dei vespri, alle ore 17:00, nella Basilica Cattedrale”.
 
Quella del 7 settembre sarà una giornata importante. E spero che ci saremo tutti. Ciascuno a suo modo, con il suo credo e le sue convinzioni“: è l’invito di Flavio Lotti, coordinatore della Tavola della pace alla quale aderiscono le principali associazioni pacifiste. Lotti sottolinea che sarà la prima grande manifestazione di pace contro la guerra in Siria e che “l’ha indetta ieri con grande forza e coraggio Papa Francesco, rompendo il silenzio e l’inazione generale che da lungo tempo circonda questa tragedia“. Dunque, “non c’è spazio per nessun distinguo, chi vuole sinceramente la pace non può che partecipare“. “Papa Francesco invita tutti a una giornata di preghiera e di digiuno. Il digiuno – spiega Lotti – è, prima ancora che un atto di rinuncia materiale al cibo, un gesto di vicinanza a tutti quei bambini, quelle donne e quegli uomini che sono precipitati nell’inferno della guerra in Siria, in Medio Oriente, e nel mondo intero“. Ma il digiuno, sottolinea, è “anche un atto politico contro una politica che minaccia di trascinarci in un nuovo conflitto mondiale“, è “un gesto di protesta contro l’ingiustizia dilagante e contro l’ipocrisia che l’accompagna e cerca di coprirne i responsabili” nonché “un atto di penitenza, di autocritica, di riconoscimento delle proprie responsabilità. Chi digiuna riconosce di non aver fatto abbastanza, di essere in qualche misura “corresponsabile”. Forse non potevamo fare altro ma, di fronte a tragedie così grandi, non ci possiamo autoassolvere“.
 
L’Azione Cattolica Italiana, come tutte le Ac del mondo riunite nel Forum Internazionale di Azione Cattolica, condivide il grido della pace di cui Papa Francesco si è fatto interprete. “Aderendo alla proposta e all’intenzione di Papa Francesco – si legge in una nota -, i ragazzi, i giovani e gli adulti di Azione Cattolica di tutta Italia, condividendo la troppo lunga sofferenza di tutta la popolazione siriana, in particolare di tanti bambini, parteciperanno alla giornata di digiuno e di preghiera per la pace in Siria, nel Medio Oriente e nel mondo. Offriamo la nostra concreta disponibilità a contribuire all’organizzazione in tutte le parrocchie e le diocesi del Paese di questo momento di preghiera e di incontro, alla vigilia della ricorrenza della Natività di Maria, Regina della Pace.
 
La comunità francescana del Sacro Convento ha accolto l’invito del Papa, consapevole che le armi della preghiera e del digiuno sono la strada che permettono di sminare il cuore dell’uomo“. Lo riferisce padre Enzo Fortunato, direttore della sala stampa del convento di Assisi. “Il digiuno è un piccolo gesto, molto semplice ma allo stesso tempo con un significato molto profondo – riferisce padre Fortunato – il digiuno aiuta a dominare gli egoismi dell’uomo. Rinunciando a qualcosa aiutiamo a far uscire il male dalla nostra vita“. “In questi giorni, oltre al digiuno – spiega – in comunione con la diocesi comunicheremo anche gli atti liturgici che organizzeremo per la pace in Siria“.
 
La Caritas accoglie prontamente l’invito del Papa al digiuno e alla preghiera“. Lo afferma il direttore della Caritas italiana, don Soddu. “È tornata a levarsi alta la voce di papa Francesco contro ogni forma di violenza; per questo – aggiunge – ho deciso di indire per tutta la Chiesa, il 7 settembre prossimo una giornata di digiuno e di preghiera per la pace in Siria, in Medio Oriente, e nel mondo intero, e invito ad unirsi a questa iniziativa, nel modo che riterranno più opportuno, i fratelli cristiani non cattolici, gli appartenenti alle altre Religioni e gli uomini di buona volontà“.
 
Articolo 21 “ci sarà alla giornata per la pace indetta da papa Francesco contro le guerre, i massacri, le torture, l’uso delle armi chimiche da parte di Assad, per la ripresa dell’iniziativa internazionale“. Lo annuncia in una nota il portavoce dell’associazione Giuseppe Giulietti. “Ci auguriamo che questo appello possa essere condiviso da chi non crede, da chi crede in altre confessioni – sottolinea Giulietti in una nota – e chi non vuole pregare, potrà aderire al digiuno, oppure promuovere iniziative di condivisione ovunque sarà possibile. Siamo sicuri che tutti i media, e il servizio pubblico in particolare, vorranno non solo dare risalto alla iniziativa, ma anche promuovere appuntamenti speciali per consentire alla pubblica opinione di asserenti informata sulla complessa e drammatica situazione della Siria e non solo“.
 
La Comunità di Sant’Egidio accoglie “con riconoscenza e totale sostegno” l’invito di papa Francesco. Sabato 7 settembre a Roma, in piazza San Pietro e negli oltre 70 paesi del mondo in cui è presente e opera, la Comunità – si legge in un comunicato – si riunirà per pregare e per ripetere con forza e convinzione il grido del papa: “Non è mai l’uso della violenza che porta alla pace. Guerra chiama guerra, violenza chiama violenza“. La Comunità di Sant’Egidio – ricorda il comunicato – è impegnata nella preparazione del XXVII Incontro Internazionale per la Pace, che si svolgerà a Roma dal 29 settembre al 1 ottobre sul tema “Il coraggio della speranza: religioni e culture in dialogo“. Sarà un’occasione per sottolineare ancora una volta, insieme al papa, che “non la cultura del conflitto, ma la cultura dell’incontro e del dialogo costruisce la convivenza tra i popoli, unica strada per la pace” conclude la nota.
 
Una probabile adesione arriva anche dal mondo politico. Il ministro degli Esteri, Emma Bonino, intende aderire all’appello del Papa per un digiuno a sostegno di una soluzione pacifica per il conflitto siriano. “È probabile“, ha risposto la titolare della Farnesina ai giornalisti che le chiedevano se avrebbe partecipato al digiuno indetto dal Pontefice per sabato prossimo, pur precisando che non si unirà nella preghiera in quanto “laica“.

 
da “Avvenire
2 settembre 2013

 
 

Buy avodart in uk

Educando con stile…

 
A volte ci si interroga sullo “stile da avere” quando si è educatori, ma la questione non si ferma solo al “tempo” propriamente inteso nel quale si è insieme agli altri… In fin dei conti, non è pensabile che un certo stile si possa avere e lasciare a propria discrezione, a seconda delle occasioni, delle compagnie, come fosse un vestito da cambiare.
 
Ecco che la proposta diocesana del Campo per Animatori di Ac – Canada drug pharmacy free shipping code – in programma dal 13 al 15 settembre prossimi ad Auronzo di Cadore, diventa l’occasione per radicare quegli stili di vita buoni che gli educatori hanno maturato nella loro vita personale, anche attraverso il servizio in parrocchia, e per condividere con altri educatori, più giovani o più navigati, i traguardi raggiunti che offrono a ciascuno il desiderio di continuare ad impegnarsi nell’educazione dei più piccoli.
 
Consapevoli di non trovare una meta definitiva ed assoluta in soli tre giorni, lo stile che da tempo l’Azione Cattolica si dà, e che si darà anche al CampAnAc, è quello del cammino costante, continuativo, graduale… Riconoscendosi come educatori in ininterrotta crescita, si cercherà di non perdere l’occasione per vivere quel passo in più nell’avvicinamento allo stile di vita che Gesù stesso indica a ciascuno.
 
Il percorso, strutturato nell’arco dei tre giorni prevede per venerdì un momento di accoglienza e conoscenza reciproca, nella condivisione di quelli che sono gli stili ormai consolidati tra gli educatori. Durante il sabato si porrà l’attenzione al vissuto personale, a quelle scelte che hanno portato ciascuno a formarsi il proprio “stile di vita” e, con l’aiuto del Vescovo presente da metà giornata, gli educatori saranno chiamati a confrontarsi, attraverso la Parola, con lo stile di vita che Gesù indica e che diventa in se stesso “stile educativo”. Attraverso alcuni laboratori, poi, gli educatori dovranno individuare ed evidenziare quali atteggiamenti e scelte concrete aiutino la formazione di “buoni stili di vita”, in se stessi e negli altri, occasione di crescita personale e di impegno educativo che ciascuno è chiamato a continuare una volta tornato in parrocchia.
 
All’inizio del cammino assembleare nel quale l’Azione Cattolica rinnoverà le responsabilità dei vari settori nelle parrocchie, in forania, a livello diocesano, questo appuntamento che fa da cerniera tra l’estate appena trascorsa e il nuovo anno associativo diventa un’occasione preziosa di formazione e di incontro, per poter sperimentare, a Casa Cimacesta come nelle nostre comunità, la forza positiva e trascinante alimentata dagli stili di vita condivisi.

 
di Stefano Uliana
L’Azione, 1 settembre 2013

 
 

APPELLO PER L’EGITTO

Una unica preghiera per la popolazione egiziana

 
Ecco la riflessione di Padre Ibrahim Faltas (*) sulla drammatica e complessa situazione nella quale si dibatte l’Egitto, in particolare la Comunità Cristiana: è un modo di condividere con la preghiera e la partecipazione personale la vita di una Nazione fondamentale per la sorte del Mediterraneo e del Mondo, dove i Cristiani hanno da sempre ricoperto un ruolo importante per la convivenza e la pace.
 
 
“Lancio un appello di unirci tutti in una unica preghiera per la popolazione egiziana, affinchè cessi immediatamente la violenza tra egiziano contro egiziano.
 
Moltissime vite innocenti hanno pagato con la loro vita, questa assurda violenza che conduce solo ad un vicolo chiuso. Penso al dolore atroce di tante mamme che hanno perso i loro figli, alla loro sofferenza, e allo sgomento di fronte a tanta malvagità.
Penso alla povera gente, che sta vivendo giorni di caos e di terrore, con la paura di essere colpiti e con la paura nei loro occhi di che cosa accadrà domani.
 
Molte chiese copte sono state incendiate e distrutte. Perche’ incendiare e ditruggere le chiese? Perche’ distruggere le nostre scuole francescane? Perchè cancellare ogni importante testimonianza storica, come la Biblioteca di Alessandria?
Un accanimento contro i cristiani, che dopo l’inizio della Primavera Araba, dove sembrava che dalla stessa piazza Tahrir nascessero semi di speranza per un nuovo futuro dell’Egitto, oggi questi semi, sono stati sostituiti dalla violenza, dal clima di persecuzione che si e’ intensificato nei confronti dei cristiani.
 
Grande è la sofferenza di vedere la distruzione di questa terra ricca di fascino e di antichità che non esiste più. Dopo il 25 gennaio 2011 è sparito il vecchio Egitto, per aprirsi ad una nuova era di autodistruzione. Una terra formata da una popolazione di circa 83 milioni che occupa solo il 7% del suolo.
 
La povertà in Egitto è molto elevata, e questa guerra non fa che aumentare ulteriormente l’estrema indigenza in cui tante famiglie vivono.
E’ stato indetto il coprifuoco in tante città, non riesco ad immaginare come possano vivere le persone, in quanto la maggior parte della gente vive in strada, e il ciclo della giornata non finisce mai, dura 24 ore su 24 ore.
 
Nel mio ultimo viaggio in Egitto ho ascoltato tante testimonianze di famiglie che non vedono una via d’uscita e non intravedono un futuro per i propri figli e per le nuove generazioni egiziane. Ho parlato a lungo con tanti amici che ho avuto occasione d’incontrare ad Alessandria, ho percepito la loro paura e la loro tensione per il futuro. Alcuni direttori scolastici mi hanno confermato che più di trecentomila persone sono emigrate, e il numero degli allievi è diminuito notevolmente. Molti imprenditori sono veramente disperati, per poter lavorare sono costretti a pagare delle tangenti elevate, perché rischiano di perdere tutto o di subire pesanti ritorsioni.
 
La chiesa in Egitto fu fondata nel I secolo, e nel grembo dei copti, in questi secoli sono nati studiosi e uomini di cultura, che hanno rappresentato l’Egitto anche all’estero, e hanno da sempre sostenuto un certo equilibrio di dialogo e di convivenza pacifica. In Egitto vivono quasi 15 milioni di Copti, che hanno contribuito ad aprire il paese all’occidentalizzazione e al rispetto della libertà religiosa e della vita umana. In fondo se l’Egitto è un po’ moderno lo si deve alla chiesa copta, senza di essa il paese vivrebbe nell’oscurantismo. Ancora una volta in Egitto, assistiamo inerti a una guerra interna, dove si è scatenata una crudeltà dell’uomo sull’uomo, dove tanti uomini si massacrano fra loro senza conoscersi, nell’interesse di poche persone che si conoscono fra loro ma non si massacrano tra di loro.
 
San Francesco, durante il periodo delle crociate intraprese un lungo viaggio come ambasciatore di dialogo e di pace, per incontrare il Sultano d’Egitto. Questo gesto di San Francesco è stato la testimonianza del rispetto e del dialogo tra culture differenti. Dobbiamo rimanere uniti nella preghiera affinchè questa strada tracciata secoli fa, in tempi non diversi dalla situazione attuale, aiuti e sostenga l’Egitto, a ritrovare la via del dialogo e della pace, fondata sul rispetto e la dignità di ogni uomo, sull’uguaglianza, la giustizia e la garanzia della libertà religiosa.
 
Dobbiamo pregare e lavorare affinchè sia ristabilita immediatamente la pace perchè la guerra genera il suicidio dell’umanità, perchè uccide il cuore e uccide l’amore.”

 
di Fr. Ibrahim Faltas ofm
21 agosto 2013

 
 

(*) Padre Faltas è nato ad Alessandria d’Egitto nel 1964. Nel 1992 è stato ordinato sacerdote nell’Ordine dei Frati Minori-Custodia di Terra Santa. Parroco di Gerusalemme dal 2004, segue numerosi progetti di solidarietà, integrazione ed educazione alla pace soprattutto per i giovani ed i bambini.

PERCORSO ASSEMBLEARE

Il “tempo favorevole” bussa alle porte dell’AC

 
La stagione estiva porta in dote a molti, ma non a tutti purtroppo – e ce ne dobbiamo sempre ricordare –, maggior tempo per sé, per la famiglia, per gli amici, per il silenzio e la preghiera, e per tutte quelle attività che nel corso dell’anno viviamo non di rado con affanno. Per i soci di Azione cattolica l’estate è, allo stesso tempo, una fase intensa, dedicata ai “campi”, diocesani o nazionali, che significano, fra l’altro, spiritualità forte, vivide relazioni interpersonali, cura dei più piccoli, ulteriore dedizione verso i giovani e gli adulti dell’associazione. La quale scalda i motori, anche attraverso i campi, in vista dell’anno assembleare, per la cui preparazione siamo chiamati a lavorare attorno alla bozza di documento da poco varata dal Consiglio nazionale.
 
 
Il contesto e… l’Ac. L’anno assembleare si colloca peraltro – come si è avuto modo di ribadire più volte – in un periodo di grazie e di doni che ci giungono soprattutto dalle intuizioni e dagli insegnamenti di papa Benedetto e dal recente e ricco magistero di papa Francesco. Basterà ricordare, in tal senso, l’Anno della fede, con i suoi richiami all’essenziale evangelico e i diversi appuntamenti che stiamo vivendo; il percorso, tutto da costruire, della Nuova evangelizzazione; i ripetuti, gioiosi richiami, carichi di speranza, alla centralità della figura di Cristo, amico dei poveri e degli ultimi, che vengono da papa Bergoglio, il quale ha trovato nella Giornata mondiale della gioventù di Rio un “palcoscenico mondiale” veramente propizio.
 
Ebbene, in questo quadro, l’anno assembleare dovrebbe costituire per ogni socio di Ac, per tutti i responsabili, per i nostri assistenti, una nuova opportunità per ripensare la testimonianza cristiana per le vie del mondo, l’impegno ecclesiale di laici associati, l’eminente missione educativa, il tutto entro un percorso vivace, creativo, generoso, accanto ai Vescovi, con i quali crescono stima e sintonia. I molteplici messaggi che sono giunti all’Ac dalla Conferenza episcopale italiana, dal suo presidente, card. Angelo Bagnasco, dal segretario generale, mons. Mariano Crociata, sono una conferma, un aiuto e, non di meno, uno stimolo a “fare di meglio” e a “fare di più”.
 
 
Qualche questione aperta… Emergono, d’altro canto, taluni temi e percorsi a partire dalla bozza di documento assembleare che, a mio avviso, potrebbero essere tenuti in considerazione nel “tragitto” da qui all’assemblea del maggio 2014.
 
Mi riferisco, anzitutto, a quei temi che ci invitano – per un servizio associativo più responsabile ed efficace – a una elaborazione particolarmente puntuale e, se possibile, innovativa. Sappiamo, ad esempio, quanto la fede sia messa oggi alla prova in un contesto in rapidissima trasformazione, sollecitato da profondi cambiamenti sociali, dal confronto con la secolarizzazione e con culture e religioni provenienti “da lontano”, di frequente portate fino a noi nel cuore e nella mente di tante persone immigrate, oppure posteci “sotto il naso” dagli strumenti della comunicazione globale. A questa “sfida culturale”, aggiungerei subito, quella “sociale”, legata alle pesanti prove che stanno attraversando numerosissimi italiani (e non solo!) in stretta connessione con le ricadute della crisi economica e occupazionale.
 
Resta poi sempre attualissima, non disgiunta dalle precedenti due, la “sfida educativa”, intesa a preparare ciascuno di noi, e in particolare i giovani, ad affrontare con piena consapevolezza e “strumenti” adeguati la vita quotidiana – familiare, professionale, sociale, politica, ecclesiale –; consapevolezza favorita da una maturità umana e cristiana che può apportare a ogni esistenza senso di responsabilità, serenità, coerenza, nuove opportunità…
 
Ma questi temi, o sfide, possono essere vissuti con maggior senso di fiducia e di cristiana speranza rinnovando alcuni tratti associativi, tipici percorsi che abbiamo imparato ad apprezzare proprio “vivendo dall’interno” l’Azione cattolica. Ne segnalo qualcuno, senza pretesa di esaustività né ordine di importanza: il riferimento costante alla Parola di Dio e al magistero della Chiesa; la fedeltà (che per essere tale dev’essere capace di rinnovamento e di creatività) alla storia associativa, con il carattere specifico, illuminante e attualissimo, della “scelta religiosa”; la condivisione solidale della vita, delle fatiche e delle gioie quotidiane, dei nostri fratelli, donne e uomini di oggi; la valorizzazione in chiave attuale del Concilio Vaticano II e dell’invito che ne deriva a “leggere i segni dei tempi” e a intrattenere con il mondo e con la storia una cordialità, una vera e propria “simpatia” carica di fiducia (fiducia in Dio e nell’umanità, creata «a immagine di Dio»); un senso di responsabilità condivisa che ci chiama a testimoniare, con competenza, zelo e rispetto, la nostra fede cristiana nello spazio pubblico, per costruire la città dell’uomo a misura d’uomo, secondo l’insegnamento di Giuseppe Lazzati, consapevoli delle regole del gioco democratico.
 
 
Il tempo favorevole è qui. Si può peraltro osservare che il percorso assembleare avviene – ne siamo convinti ed è stato scritto anche nella bozza di documento – in un “tempo favorevole”. Ebbene, lo abbiamo invocato, ne abbiamo discusso, e nel frattempo il “tempo favorevole” si è delineato all’orizzonte.
 
Posto che tutta la Storia, tutto il tempo, ogni giorno è “tempo favorevole” in quanto dono di Dio, quella che stiamo vivendo è un’epoca carica di novità, di trasformazioni, così pure di immense sofferenze umane, di vecchie e nuove emergenze, di più vaste frontiere… Un tempo favorevole non nel senso di una fase segnata esclusivamente da elementi positivi, da belle novità, da eventi confortanti: tutt’altro! Un tempo favorevole può essere quello che si porta in dote una pesante crisi economica e occupazionale, che vede imporsi scenari mondiali finora impensabili (qualcuno avrebbe scommesso solo qualche anno fa sulla smisurata crescita economica della Cina, su un presidente statunitense di colore o sulla cosiddetta “primavera araba”?), che ci mette tutti in rete mediante internet…
 
L’aggettivo “favorevole” si spiega, allora, non già nel portato positivo delle vicende in atto, ma nella pressante richiesta di risposte nuove, costruttive, utili, adeguate a questo secolo. Ce lo spiegava qualche anno fa il card. Bergoglio (ed è stato scritto nella bozza di documento): «Il restare, il rimanere fedeli implica un’uscita. Proprio se si rimane nel Signore si esce da se stessi. Paradossalmente proprio perché si rimane, proprio se si è fedeli si cambia. Non si rimane fedeli, come i tradizionalisti o i fondamentalisti, alla lettera. La fedeltà è sempre un cambiamento, un fiorire, una crescita» (J.M. Bergoglio, 2007).
 
 
Ac: mollare il freno a mano. Allora all’Azione cattolica viene rivolta un’altra domanda: quanto sai essere fedele al Signore? Quanto sai cambiare e crescere per portare il Vangelo nella società odierna? E, necessariamente: quanto sai “rischiare”, cara Ac, sulla via del cambiamento? A ben vedere, non c’è frase di papa Francesco che non implichi un rischio, una nuova scommessa, un impegno a “uscire” per incontrare le donne e gli uomini di questo tempo portando loro le speranze e le beatitudini evangeliche! I discorsi pronunciati dal Papa a Rio lo hanno confermato. Bergoglio utilizza un linguaggio cui eravamo un po’ disabituati: misericordia, solidarietà, gioia (ripetuta all’infinito), giustizia, poveri (con grande insistenza), diritti, vocazione, dono, famiglia… nelle omelie del Santo Padre troviamo inoltre “salute”, “lavoro”, “sicurezza”. Tanto che cominciano a levarsi le preoccupazioni di taluni che vorrebbero un Papa più “prudente”. «Si dia una calmata!», invocano quelli che di cambiamenti, di coraggiosi investimenti sul futuro non vorrebbero sentir parlare.
 
Occorre invece seguire le orme del Pontefice e gli insegnamenti della Chiesa, «esperta in umanità»; è altrettanto doveroso restare fedeli al nostro mondo, con le sue evidenti contraddizioni e le sue molteplici ricchezze, abbracciandolo con amicizia, per incamminarsi in questo tempo favorevole. Mollando il freno a mano e prendendo con serietà gli impegni che si hanno di fronte.
 

 
Concilio, “scelta religiosa”, “A Diogneto”. Se il quadro delineato ha qualche elemento di credibilità, ci si può domandare quanto esso possa interrogare la vita di una grande associazione di laici cattolici aggregati, principalmente impegnati sul versante educativo, per quanto possibile fedeli alla Parola, vicini alla Chiesa, inseriti a pieno titolo nel mondo che cambia e in una realtà sociale che ha preso la corsa.
 
Ci si può dunque domandare quali “aggiustamenti” interni (organizzazione e presenza territoriale, tesseramento e partecipazione attiva dei soci, formazione dei responsabili, semplificazione e maggior condivisione dei “codici comunicativi”…), potrebbe richiedere tale percorso? E quali gli eventuali cambi di marcia circa la presenza nella Chiesa e nel “secolo” (nei settori, ad esempio, dell’educazione alla fede, della vocazione personale, della nuova evangelizzazione, della compiuta valorizzazione del laicato, della cultura e della scuola, della vocazione alla professione, della formazione alla cittadinanza, della partecipazione sociopolitica…)?
 
L’anno assembleare aiuterà a rimettere a fuoco il grande contributo che l’Ac ha dato e darà alla comunità cristiana e al Paese. E sono certo che in questa direzione le faranno ancora da guida: il Concilio Vaticano II (cui occorre più che mai essere creativamente fedeli, nel senso indicato da Bergoglio), la “scelta religiosa” (da intendersi come crescita nella fede per poi necessariamente “andare nella città” con slancio rinnovato, maturità, competenza, autonomia e capacità di dialogo con tutti), e la sempre più urgente riscoperta della “paradossale cittadinanza” del cristiano, che andrebbe provvidenzialmente valorizzata con la rilettura della “A Diogneto”. Per stare con gioia, da cristiani, da soci di Ac, in questo “tempo favorevole”.

 
di Gianni Borsa, Direttore di “Segno”
16 agosto 2013

 
 

ANNO DI VOLONTARIATO SOCIALE

Proposta AVS Caritas Gorizia

 
Ecco una proposta che potrebbe risultare interessante nel caso vi fosse qualche giovane della diocesi che sta studiando, o inizierà gli studi, qui a Gorizia.
 
La Caritas diocesana di Gorizia ha a disposizione due posti nell’ambito del progetto dell’Anno di Volontariato Sociale che consiste nel dare la propria disponibilità a seguire le iniziative di preparazione e promozione dei percorsi educativi sui temi della carità, del servizio e dell’educazione alla pace e alla nonviolenza. Ad arricchire l’esperienza la formazione che viene svolta a livello locale ma anche regionale con le altre Caritas del triveneto.
 
È un’esperienza che quindi unisce servizio e formazione che diventa arricchimento per la persona ma anche per la comunità di provenienza, una tappa di maturazione significativa. In un anno la persona acquisisce conoscenze e competenze da poter mettere poi a servizio in parrocchia, nei gruppi parrocchiali, nelle Caritas parrocchiali.
 
In particolare i giovani svolgeranno un lavoro di:

  • riordino del materiale formativo e divulgativo presente in Caritas;
  • progettazione di percorsi di sensibilizzazione sui temi come povertà, solidarietà, pace, migrazioni, da realizzare poi presso gruppi parrocchiali e classi scolastiche;
  • collaborazione con gli operatori della Caritas che già svolgono attività di promozione e sensibilizzazione.
  • collaborazione con altri enti ed associazioni in specifici progetti.

 
L’esperienza dura dodici mesi ed è rivolta a giovani dai 18 ai 28 anni di età, il luogo di servizio è la sede della Caritas diocesana, non è previsto alloggio ma viene corrisposto un rimborso spese per i giovani che aderiscono al progetto (il che potrebbe essere un simbolico contributo alle spese che i giovani devono sostenere per la vita da studente).
 
Per ulteriori informazioni contattare l’ufficio diocesano dell’Azione Cattolica.

 
di Alberto, Caritas di Gorizia
6 agosto 2013

 
 

CAMPOSCUOLA 14-15ENNI

Una visita inaspettata…

 
Durante i campi dei ragazzi dell’ACR c’è una giornata, in genere la domenica, dedicata all’incontro con i genitori, mentre per gli animati “più grandi” questa non è più prevista.
Ma i 14-15 enni del campo dal 27 al 31 luglio, a casa Cimacesta, hanno ricevuto la visita, a sorpresa, di un ospite insolito: è venuto a trovarli un primo cittadino, il sindaco di Fontanelle. Vista la presenza al camposcuola di un gruppo di ragazzi del suo comune, accompagnati da educatore e parroco, ha pensato di lasciare il torrido caldo della pianura per raggiungere il fresco del Cadore e portare ai suoi e a tutti gli ragazzi presenti i saluti dell’amministrazione.
 
Per un primo cittadino non è abituale cenare con così tanti ragazzi, provenienti da diversi luoghi della diocesi, e quindi, non strettamente legati alla propria giurisdizione territoriale. Tuttavia, durante la cena, ci ha manifestato il suo entusiasmo nel vedere come tanti giovanissimi condividano un esperienza formativa e di fede così gioiosa e piena di speranza. Anche l’impegno degli educatori presenti, che dedicano le loro energie per la buona realizzazione del campo, è stato colto con grande apprezzamento.
 
I ragazzi, che durante il questo campo sono stati guidati dalla musica, si sono resi conto di come, oltre le proprie realtà, ci siano tante persone che, a vario titolo e in vari modi, mettono se stessi a disposizione degli altri e che, anche l’impegno nella vita pubblica, è una delle molte modalità per contagiare in positivo le persone con le quali si condivide la vita di ogni giorno.
Impegni diversi ma uniti dallo stesso intento di bene per gli altri, compongono così una vera e propria sinfonia nella quale l’apporto di ciascuno, piccolo o grande che sia, risulta determinante per poter far sentire, oltre le proprie mura, la bellezza di un armonia frutto della collaborazione e della corresponsabilità.
 
Da parte sua l’Azione Cattolica, è stata ben felice di ospitare, anche per un breve momento di saluto, un rappresentante delle istituzioni, segno visibile di quell’attenzione alla formazione, anche sociale, che da sempre caratterizza il progetto formativo dell’AC.

 
di Stefano e don Mauro
L’Azione, 4 agosto 2013