VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

aprile 2018
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30EC

NEWS ACVV

Consiglio diocesano
Lunedì 23 aprile, alle 20.30, a Cimavilla, si incontra il Consiglio diocesano. All'ordine del giorno continua la riflessione su "Responsabili e custodi del... futuro", per ripensare e rinnovare la nostra presenza.

Convegno nazionale delle Presidenze
Dal 27 al 29 aprile, a Roma, nella Domus Pacis, si svolgerà il Convegno Nazionale delle Presidenze diocesane dal tema: "Un popolo per tutti" a cui parteciperanno quattro membri della presidenza di Vittorio Veneto. All'interno del convegno ci saranno tre ambiti di riflessione su: la Religiosità popolare, la Parrocchia popolare, un'Ac popolare.

EVENTI

Toniolo 100 Giuseppe Toniolo. La storia è Futuro Chi Ama Educa 2018 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

L’A.C.R. (Azione Cattolica Ragazzi)

 
L’ACR e’…una proposta educativa che crede nella capacita’ dei ragazzi di essere protagonisti della propria crescita umana e cristiana. Attraverso esperienze formative e una vita di gruppo ricca e coinvolgente aiuta i ragazzi: al dono di sè, ad essere responsabili, ad incontrare Gesu’ e a vivere la Chiesa.
 
Il fine principale di un cammino A.C.R. si può semplificare in 4 METE:
1) educare al dono di sè, aiutando il ragazzo ad aprirsi al graduale rapporto con gli altri, curandone lo sviluppo e la qualità.
2) educare alla responsabilità, accentuando il ruolo di soggetto attivo di scelte, di decisioni, di azioni. Di questi suoi atti egli si sente responsabile in quanto dipendono da lui ed è chiamato a risponderne.
3) educare al rapporto personale con Cristo, che ama incontrare ogni uomo, ogni ragazzo, per fargli dono della salvezza. L’incontro va però scoperto, apprezzato, mediante un crescente aprirsi a Cristo da parte del ragazzo. Ciò avverrà attraverso un cammino di fede adatto alla sua età;
4) educare a vivere la Chiesa, facendo in modo che questa appartenenza alla Chiesa si realizzi e si dispieghi secondo un crescendo articolato di atti vitali: la graduale scoperta della comunità, la consapevole appartenenza ad essa, la partecipazione impegnata alla sua vita.
 
 
LE TAPPE DURANTE L’ANNO:
La catechesi rappresenta il primo impegno di cui vive il gruppo A.C.R..
Ce n’è un secondo: l’iniziativa annuale. E’ un insieme articolato di attività proposte ai gruppi che coprono l’intero anno associativo in una serie progressiva di tappe. Queste tappe sono quattro e ciascuna ha un nome significativo.
 
1) Il mese del CIAO
Questa prima tappa dà l’apertura all’anno associativo e coincide con l’inizio delle scuole. L’obiettivo principale è che il gruppo A.C.R., dopo un eventuale rallentamento estivo, riprenda a vivere a pieno ritmo, il secondo obiettivo è che il gruppo si dia da fare per farsi conoscere da altri ragazzi i quali potranno entrare a farne parte.
 
2) Il mese della PACE
L’educazione alla pace offre ai ragazzi dei gruppi iniziative concrete realizzatrici di pace nell’ambiente immediato di vita, tutto ciò con pubbliche manifestazioni che diffondono ideali di pace, o con attività rivolte a persone o ambienti, specie a ragazzi, che vivono problemi e situazioni ove mancano le condizioni elementari della pace.
 
3) Il mese degli INCONTRI
E’ destinato a far incontrare fra di loro i gruppi A.C.R. Gli incontri sono molteplici e crescenti: l’incontro interparrocchiale come appuntamento di gruppi di parrocchie vicine; l’incontro diocesano, al quale partecipano tutti i gruppi della diocesi attorno al Vescovo; incontri anche regionali e talora nazionali. E’ da sottolineare il valore educativo di questi incontri quale momento di festa, di scoperta, di solidarietà, di apertura e di scambio.
 
4) L’estate A.C.R.
I campi estivi organizzati dall’A.C.R. raccolgono i ragazzi in un ambiente adatto fuori parrocchia e offrono loro un’esperienza che, ben condotta, è ricchissima di possibilità. Il campo è spesso autogestito dai ragazzi, per quanto la loro età lo consente e comunque sempre con la presenza attiva degli educatori e del sacerdote. L’esperienza ci dice che questi campeggi realizzano un clima piacevolissimo di avventura e di novità che incide molto positivamente sui ragazzi.