VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

gennaio 2019
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031EC

NEWS ACVV

Orchestriamo la Pace
Giunta all'ottava edizione, l’Azione Cattolica di Vittorio Veneto propone una serata in cui giovani e adulti si scambiano idee e speranze di pace attraverso i segni e i suoni del mondo musicale. L'appuntamento Orchestriamo la Pace è sabato 19 gennaio 2019 in patronato a Motta di Livenza. L'evento, che quest'anno si avvale della collaborazione con il Centro Studi La Pira, inizia alle ore 20.00 con un buffet aperto a tutti per proseguire poi con lo spettacolo musicale a partire dalle 21.00. Le esibizioni musicali e le forme artistiche presentate avranno come sfondo il tema del messaggio del Papa per la giornata mondiale per la Pace “La buona politica al servizio della pace". Ingresso libero.

Feste della Pace
A conclusione del Mese della Pace, vengono organizzate le feste foraniali per la Pace. Questo il calendario: domenica 20 gennaio: a Campodipietra per Mottense - Torre di Mosto e a Cordignano per Pedemontana. Sabato 26 gennaio a Vazzola per La Colonna. Domenica 27 gennaio a Sacile per Sacilese e a Piavon per Opitergina. Domenica 10 febbraio a Gaiarine per Pontebbana. Durante le feste verrà proposta l'iniziativa "Abbiamo riso per una cosa seria" che sostiene progetti che promuovono l'agricoltura familiare dei contadini del nord e del sud del mondo, contro lo sfruttamento del lavoro e del territorio. Ci saranno a disposizione delle confezioni sottovuoto di riso da 500 grammi.

Incontro Coordinamento foraniale e presidenti della forania Opitergina
I presidenti parrocchiali e il coordinamento della forania Opitergina si incontrano con la presidenza diocesana giovedì 31 gennaio, alle 20.30, nella parrocchia di Lutrano, sale dell'oratorio.

EVENTI

Incontro Presidenti Parrocchiali Triveneto OrchestriAmo La Pace 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Cosa è L’Azione Cattolica?

 
Possono le parole trasmettere le emozioni che suscitano i colori di un paesaggio incantevole, le fragranze di un profumo inatteso, il sapore di un cibo raffinato o la gioia di un’incontro fraterno? Possono le parole che seguono raccontare chi siamo noi di Azione Cattolica senza correre il rischio di descrivere una struttura associativa piuttosto che la vita, le esperienze, le gioie e le difficoltà che caratterizzano il cammino di chi ha scelto un’esperienza capace di coinvolgere tutti gli ambiti della propria vita?
 
In fondo noi di AC siamo semplicemente dei laici cristiani che hanno scelto di mettersi insieme per capire meglio il valore del vivere da cristiani nel mondo. Stare in AC è il nostro modo di essere Chiesa e di servire la Chiesa, perché a noi – come a tutti i battezzati – spetta il compito di annunciare che in questa storia complessa Dio è presente con il suo amore e continua ad essere vicino ad ogni donna e ad ogni uomo per attrarre ciascuno verso il progetto di un’umanità piena e felice. Un compito, o meglio una vocazione, che abbiamo letto nella radice stessa del nostro Battesimo e che a noi piace porre a fondamento della nostra scelta associativa: la laicità.
 
I pilastri su cui poggia la nostra esperienza associativa sono la condivisione del fine apostolico della Chiesa e la collaborazione con la Gerarchia ecclesiastica. Ciò significa che l’AC fa proprio il fine della Chiesa e contribuisce alla sua realizzazione attraverso la condivisione con i Pastori dei propri carismi associativi.
 
La formazione è stata da sempre il cuore del nostro servizio: formazione vissuta non come acquisizione di elementi teorici ma come momento e luogo in cui insieme si ascolta la vita e si interroga la fede. Nelle associazioni e nei gruppi di Azione Cattolica si impara alla scuola della Parola di Dio e del magistero della Chiesa a prendere familiarità con il mistero di Dio, a vivere da discepoli del Signore, ad amare la Chiesa e a servire la domanda di vita di ogni persona.
 
Abbiamo deciso di darci una struttura democratica che implica il coinvolgimento diretto dei soci nella gestione dell’Associazione a tutti i livelli: parrocchiale, diocesano e nazionale.
La parrocchia è il luogo nel quale normalmente le persone di AC trovano il punto di riferimento della loro vita e del loro servizio; il luogo dove prendere slancio per una testimonianza evangelica in ogni ambiente di vita; il luogo in cui ogni socio vive la propria appartenenza attraverso gruppi che si dividono per archi di età: ACR (Azione Cattolica dei Ragazzi), Giovani e Adulti.
 
La nostra lunga storia – oltre 130 anni – non ci impedisce di continuare a trovare la nostra esperienza fresca e giovane: per questo abbiamo accettato la provocazione a ripensarci, a rinnovarci, come ha fatto la Chiesa durante il Concilio Vaticano II. Il Concilio è il nostro programma, il punto di riferimento della nostra esperienza di Chiesa, modello per un amore alla vita di oggi carico di simpatia e di forza critica.
 
Che cosa è l’Azione Cattolica? Ne abbiamo parlato molto, ma mi pare che sia soprattutto una realtà di cristiani che si conoscono, che si vogliono bene, che lavorano assieme nel nome del Signore, che sono amici: è questa rete di uomini e donne che lavorano in tutte le diocesi, e di giovani, e di adulti, e di ragazzi e di fanciulli, che in tutta la Chiesa italiana, con concordia, con uno spirito comune, senza troppe ormai sovrastrutture organizzative, ma veramente essendo sempre più un cuor solo e un’anima sola, cercano di servire la Chiesa. E questa è la grande cosa. Perché noi serviamo l’AC non poi perché ci interessa di fare grande l’AC; noi serviamo l’AC perché ci interessa di rendere nella Chiesa il servizio che ci è chiesto per tutti i fratelli.
 

[Vittorio Bachelet, saluto conclusivo alla II Assemblea nazionale dell’ACI]

 
La storia dell’Azione Cattolica Italiana…
L’Azione Cattolica di Vittorio Veneto…
Documenti Associativi.