VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

luglio 2020
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031EC

NEWS ACVV

PRESIDENTE DIOCESANO
E' con gratitudine che accogliamo la comunicazione del Vescovo Corrado relativa alla nomina di Enrico Ioppo quale presidente diocesano di Azione Cattolica per il triennio 2020-23. Ringraziamo Enrico per la disponibilità data all'associazione, ci impegniamo a vivere nella corresponsabilità il servizio alla Chiesa e all'AC diocesana con generosità e dedizione. Buon lavoro e buon cammino a tutti noi! Emanuela con don Andrea.

IL NOSTRO IMPEGNO
E' in lavorazione il primo numero del 2020 de "Il Nostro Impegno", il giornalino dell'Ac diocesana arrivato al suo 54esimo anno. Conterrà nomi e volti dei nuovi responsabili parrocchiali, foraniali e diocesani per il triennio 2020-23. Sarà strumento indispensabile per il collegamento all'interno, e non solo, dell'associazione.

TEMPO ESTATE ECCEZIONALE
lentamente e con prudenza stiamo facendo i primi passi per ricostruire nelle nostre comunità e associazioni parrocchiali opportunità di incontro e confronto. Il Consiglio diocesano di Azione Cattolica ha valutato la possibilità di aprire Casa Cimacesta all'esperienza estiva dei campiscuola, parte fondamentale dei nostri cammini formativi per piccoli e grandi. E' con grande tristezza che sospendiamo la proposta di calendario estivo elaborata per i mesi di giugno e luglio. Siamo in attesa di condizioni e disposizioni più vicine alle potenzialità di uso degli spazi della casa, per prendere in considerazione una eventuale apertura a famiglie e giovani nella seconda parte dell'estate. Prossimamente riceverete altre comunicazioni da parte delle commissioni circa proposte per attività estive alternative e fattibili fin d'ora. Voi stessi siete chiamati ad usare la vostra fantasia e creatività per promuovere tutto quello di cui c'è bisogno per fare del tempo estivo un tempo eccezionale per vivere l'amicizia, la formazione, l'essere Chiesa a partire dalle nostre parrocchie.

EVENTI

Estate Eccezionale 2020 Cammino Assembleare 2020 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Instagram AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

EMERGENZA CORONAVIRUS COVID-19

La preghiera al tempo del Covid19

 
Ci siamo scoperti, più o meno, esperti nella comunicazione interpersonale usando tutti i canali per poterci stare accanto in questo periodo inquieto. E la preghiera? Tutti quei gesti, che di solito riempiono le nostre celebrazioni, gli sguardi e le parole che non abbiamo vissuto, ci hanno lasciato un vuoto? c’è da essere saldi nella fede!
 
Portare in casa e nel nostro poco ordinario la preghiera non è cosa facile ma necessaria.
È l’esperienza di Lucia Varago, residente a Sernaglia “L’isolamento e la preoccupazione per nonna Angelina ricoverata per il coronavirus e la zia in quarantena per lo stesso motivo ci ha uniti davanti ad uno schermo! Tutto è nato da un’idea dello zio Mariangelo, di Godega, perché ci teneva a mantenere vivo e visibile il contatto tra le famiglie. Così scarica l’app, trova l’inquadratura per starci tutti, all’appuntamento, rispondi e in un attimo un primo collegamento indimenticabile, per mezz’ora –sorridendo sottolinea Lucia- a salutarci: un migliaio di ciao! È stato strano, in qualche minuto siamo a casa di uno o dell’altro, ora siamo distanti anche dal più vicino. Anna, mia sorella, vedendo che la cosa funzionava, ha proposto il Rosario: chi in muto, avendo i bimbi piccoli per casa, chi si collegava durante la recita, perché doveva terminare nella stalla, così viviamo un pezzetto di oggi insieme. Il pensiero corre dalla nonna, è da lei che la famiglia si ritrova per far festa di solito. È l’umanità che rischia di andare a rotoli, ciò ci spinge verso la preghiera, mille cose possono sollevare e distrarre un po’ ma mai come lo stato di grazie che vivi in preghiera. Ora si collega un sacco di gente, da Sernaglia, passando per Godega, Col San Martino, Sarano fino a Cascina Nuova (MI)”.
 
La preghiera in casa, però, rischia di essere frettolosa, poco curata o addirittura dimenticata.
La famiglia Nardi di Farra si è organizzata! Sonia, Silvio e i loro quattro figli si sono ritagliati del tempo per la preghiera: sul tavolo il cero e, orchestrati dal piccolo Stefano che ama organizzare i lettori e magari anche scegliere le preghiere, si riuniscono per stare alla presenza del Padre. “All’inizio -ci racconta Sonia- usavamo il sussidio diocesano quaresimale, don Brunone l’ha distribuito poco prima dell’isolamento, poi s’è fatto necessario arricchire con qualcosa di più adeguato ai ragazzi. Per loro non è sempre facile, a volte sbuffano ma poi c’è la serenità nelle loro voci mentre leggono. Un vecchio calendario bisestile -continua Silvio- ci dava la frase del giorno, abbiamo preso spunti da ogni condivisione nei gruppi parrocchiali, poi le catechiste hanno preparato la Via Crucis per i ragazzi e le parole di Papa Francesco in “La preghiera sulla punta delle dita” ci sono state di grande aiuto. Un cero non ci è bastato! Ad un certo punto preghi per tutto, senti la comunità che si allontana, ti manca il tuo vicino di banco in chiesa. Anche se ci faceva piacere vedere i volti dei nostri don sui social, piuttosto delle celebrazioni per tv, non ci bastava, sapevamo che per la famiglia ci doveva essere un momento racchiuso”.
 
Le parole ci raggiungono trovando uno spazio in noi, come quelle che ci rivolge il Papa da Santa Marta durante la Messa del mattino “…sento in me una tale intimità spirituale ed ecclesiale, speriamo si posso assistere anche dopo la pandemia!” ci ha confidato Francesca da Farra di Soligo .
 
Tutte esperienze che lasceranno il segno, quello buono che ci farà bene se ne faremo memoria.

 
di Chiara Marcandella
L’Azione, 19 aprile 2020