VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

marzo 2019
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

NEWS ACVV

Campi estate 2019
Per presentare il calendario dell'estate 2019 e le modalità di iscrizione, i responsabili parrocchiali sono invitati ad un incontro venerdì 8 marzo, alle 20.30, a Cimavilla, nei locali della parrocchia.

EVENTI

XVI Settimana Sociale Diocesana AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

GIORNATA PER LA VITA

Occuparsi della Vita: due giovani al servizio dell’Altro

 
Occuparsi e non preoccuparsi, per lasciare spazio all’ascolto e all’accoglienza dell’altro. In occasione della 41^ Giornata per la Vita appena trascorsa, abbiamo incontrato due giovani di AC che hanno scelto il servizio agli altri come professione: Alessia, 25 anni, e Simone, 23 anni.
 
Cosa fai, in poche parole?
 
[Alessia] Sviluppo progetti di riabilitazione e socio-educazione per persone con problemi di dipendenza, disturbi mentali, disabilità intellettiva e per coloro che vivono ai margini della società. Attraverso lo strumento del lavoro agricolo viene data un’opportunità di vita migliore all’utenza con un affiancamento quotidiano.
 
[Simone] Sono laureato in terapia occupazionale, che in tre parole significa: autonomia, ovvero l’obiettivo che ci poniamo con il trattamento; occupazione, punto cardine per la persona che non può svolgere determinate attività; speranza, perché affrontiamo il trauma del paziente, che perde tante sicurezze e deve capire come vivere una nuova condizione.
 
Perché hai scelto il tuo percorso professionale/di studi?
 
[Alessia] Ho sempre avuto una forte propensione verso le persone, soprattutto i più deboli. A 18 anni, grazie anche all’AC e al volontariato, ho capito che il mio senso era “servire”. All’università mi sono scontrata con le nuove povertà sociali e i loro mille interrogativi. Volevo diventare strumento e sostegno per chi è ai margini e non riesce a rivestire un ruolo attivo all’interno di una società sempre più individualista.
 
[Simone] Al mio percorso ci sono arrivato un po’ per caso. Ho continuato e finito questo percorso di studi, proiettato a una carriera di lavoro, per la consapevolezza di poter aiutare le persone. Creare un percorso di autonomia per dare vita nuova a chi si incontra è una dimensione importante e particolare, che avvicina molto al paziente.
 
In quali aspetti del tuo percorso emerge il valore della Vita?
 
[Alessia] Incontro il valore della vita quando mi vengono affidate persone. Lo ritrovo in un racconto struggente, nei fallimenti, nella solitudine, nell’abbandono, perché da tutto ciò nascono la forza e positività che spingono a riprovarci ancora, a scegliere di vivere. Riscopro la vita in un sorriso gratuito, un abbraccio inatteso, una confidenza, un litigio, una condivisione.
 
[Simone] Il valore della vita emerge quando capisci che viene messa in discussione e sembra quasi perdere di senso. Quando qualcuno affronta una malattia o un trauma, le certezze crollano e il futuro si allontana. Serve trovare nuovi stimoli e le ragioni per risollevarsi, per continuare a credere nei propri desideri e scoprire le potenzialità di un nuovo stile di vita.
 
A quali “scoperte” personali ti ha condotto questa realtà?
 
[Alessia] A prescindere dalle condizioni in cui si viene al mondo, ho scoperto come ognuno meriti di trovare il proprio dono e di regalarlo. Ho imparato a guardare oltre l’apparenza, a conoscere e apprezzare le persone per come sono, a cogliere la bellezza collaterale di ogni giorno, oltre gli ostacoli quotidiani. Chiunque merita una possibilità di vita migliore.
 
[Simone] Durante il tirocinio, ho incontrato persone di tutte le età e ho compreso che nulla è scontato. Cose per noi normali e semplici, possono diventare ostacoli difficili da superare per altri. Tuttavia, la forza e la determinazione giocano un ruolo fondamentale: la motivazione del paziente e della famiglia ha un grande impatto sulla riabilitazione, oltre le terapie e i metodi. È una sfida anche per noi terapisti, per vivere a nostra volta con un atteggiamento positivo.
 
___
 
Occuparsi della vita è una sfida quotidiana, perché, come ha suggerito Alessia, “è il margine che fa la pagina” (cit. Jean-Luc Godard).

 
di Lara Corsini
L’Azione, 10 febbraio 2019