VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Sabato 22 Settembre
settembre 2018
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

NEWS ACVV

Chiusura per ferie dell'Ufficio
L'ufficio diocesano di Azione Cattolica di Vittorio Veneto chiude per ferie dal 10 al 21 settembre. Riaprirà regolarmente lunedì 24 settembre.

Avvio del nuovo anno associativo
Per vivere insieme e nella gioia l’inizio dell’anno associativo, questi gli appuntamenti: venerdì 28 settembre alle 20.30, a Conegliano, nelle aule parrocchiali di Madonna delle Grazie, la presentazione dei cammini formativi di adulti, giovani e ragazzi. Sabato 6 ottobre dalle 17.30 a Pieve di Soligo, Patronato Careni: SPIRIT HAPPENING, Happening diocesano dei giovani. sabato 6 ottobre alle 20.30, auditorium Battistella Moccia di Pieve di Soligo: Premio Giuseppe Toniolo III edizione. "Pace e cooperazione internazionale: il grande sogno di Giuseppe Toniolo, l'impegno quotidiano di uomini e donne di buona volontà". Domenica 7 ottobre alle 11.00, nel Duomo di Pieve di Soligo, solenne Celebrazione Eucaristica presieduta da S.Em. Mons. Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

Incontro di inizio anno del MSAC
Il Movimento studenti di Azione Cattolica è pronto per ripartire! Invitiamo tutti gli studenti che hanno a cuore la propria scuola e vogliono viverla in maniera attiva e propositiva all'incontro di inizio anno, sabato 22 settembre a Pieve di Soligo, Collegio Balbi, dalle 15.30 alle 17. Sarà un'occasione per conoscersi e far conoscere in modo divertente cos'è il MSAC, presentando anche le idee che abbiamo per il nuovo anno scolastico appena iniziato. Per info: Carlo 349/6927995; Federico 342/098697.

EVENTI

Sinodo dei Giovani 2018 Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Dal 23 al 25 febbraio, nella Casa di Spiritualità San Martino di Tours a Vittorio Veneto, si svolgono gli esercizi per giovani ed adulti, con la guida di don Tony Drazza, assistente nazionale dei Giovani.
 

ESERCIZI SPIRITUALI

Una carezza per l’anima

 
Abbiamo intervistato don Tony Drazza.
Ciao don Tony, come prima cosa vorrei chiederti una presentazione e sapere come si è incrociata la tua storia con l’AC.

 
Sono Tony Drazza, ho 40 anni e sono prete da quindici. Vengo da Seclì un paesino piccolo della diocesi di Nardò Gallipoli, in Puglia. Ho incontrato l’Ac seriamente da prete. Non sono mai stato tesserato per due motivi: il primo perché nella mia parrocchia non c’era l’Ac e secondo perché sono sempre in stato in seminario. Sono andato in seminario all’età di 11 anni e sono uscito da prete. Come dicevo ho incontrato l’Ac da prete e per me questo incontro ha il volto e le parole di una mamma che al termine di un campo scuola alla mia domanda che farai stasera al ritorno, ho sentito questa risposta che mi ha fatto innamorare dell’associazione. “Stasera quando torno a casa metto in ordine, faccio parecchie lavatrici perché immagino le robe sporche accumulate in una settimana da marito e figli e poi domani mattina torno al lavoro”. È una frase che ha fatto scattare in me un amore per l’Ac perché ho capito che in questa associazione si faceva sul serio con la vita e non era un passatempo. Una mamma che prende le ferie per fare il campo scuola mi ha aiutato molto a rivedere anche il mio modo di essere prete.
 
Il tuo block notes e matita, con la firma “Una carezza”, sui social ti permette di arrivare a molte persone poiché immediato. Dove nasce l’idea?
 
Block notes e matita nasce per caso, senza nessuno progetto particolare. Nasce dal mio amore per la matita. Ho provato e mi sono reso conto che nella tecnologia che avanza tenere qualcosa di molto umano, quasi tremante serve per ricordarci che siamo uomini che hanno bisogno di sentirsi dire che possiamo farcela. Non è esaustivo e spero che mai lo diventi, è solo un gancio, una specie di apri pista. Dalla semplicità del block notes alla capacità di prendere in mano la propria vita. Questo conta e questo mi interessa.
 
Cosa sono per te gli esercizi e, visto che nella domenica in cui sarai a Vittorio Veneto il Vangelo sarà quello delle tre tende, com’è possibile conciliare i nostri tempi con il tempo di Dio? Cioè: come vivere bene gli esercizi senza rimanere per sempre sul monte ma stando nel mondo? Gli esercizi sono ancora una proposta vicina alla vita delle persone?
 
Tutto il tempo è di Dio e noi dovremmo avere la capacità e la forza di ridarglielo. Siamo ormai affannati, pensiamo davvero che tutto dipenda dalla nostra capacità di fare le cose. Dovremmo invece tornare a dare al tempo la giusta dimensione: tutto quello che ci viene donato ogni giorno ci basta per vivere. Il tempo non si moltiplica. Il tempo si vive e dovrebbe bastarci quello che abbiamo.
Gli esercizi non servono ad allontanarci dal mondo o come si dice “per staccare la spina”, gli esercizi servono per attaccarla meglio, per cercare di vivere la nostra vita come una vita spirituale. Nei giorni degli esercizi serve che ognuno trovi gli elementi spirituali della sua vita. Da qui si parte. La nostra storia è una storia che si impasta nel mondo. Nel mondo viviamo la nostra vita e gli esercizi servono solo per rimettere le cose in ordine. Il silenzio, la lentezza dei giorni, le parole che ci vengono donate servono solo per rimettere tutto nel giusto posto.

 
di Giulia Diletta Ongaro
L’Azione, 18 febbraio 2018