VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

novembre 2018
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930EC

NEWS ACVV

Giornata di spiritualità per Adulti/terza età
Primo appuntamento per gli adulti e gli adultissimi mercoledì 14 novembre p.v. dalle 9 alle 17 all'Oasi Santa Chiara di Conegliano per un giorno dedicato alla preghiera e all'ascolto della Parola di Dio. La riflessione sul tema "Ospitalità evangelica" sarà di don Andrea Dal Cin. Per iscrizioni e prenotazioni: Ufficio diocesano Ac 0438/940374.

Percorso etico
Il primo incontro del percorso etico 2018/19 dal titolo "Cattolici e politica: generare futuro" si svolge venerdì 16 novembre, alle ore 20.30, nella sala verde di Casa Toniolo a Conegliano. Interviene Marco Zabotti, autore del libro "Le radici: Giuseppe Toniolo. Nella storia il futuro".

Modulo Formativo Educatori
Il primo appuntamento formativo per gli educatori, con almeno 19 anni d'età, che accompagnano gruppi Acr, giovani e adulti è sabato 17 novembre a Sacile (oratorio San Pio X), dalle 15.15 alle 18.00. "AC, un popolo per tutti" il tema.

Love in progress - itinerario per fidanzati
Nato dalla collaborazione dei settori adulti e giovani dell'Ac, è un cammino di due anni e vuole essere occasione per rileggere l'esperienza dell'amore alla luce del Vangelo. Domenica 18 novembre, dalle 15 alle 18, il primo appuntamento nella canonica di Cimavilla, con il tema "Io accolgo te... lo stupore del dono".

Economia e società per il bene comune - La lezione di Giuseppe Toniolo
Sabato 24 novembre a Milano, nell'Università Cattolica del Sacro Cuore, si svolge un convegno nazionale sul pensiero e l'attualità di Giuseppe Toniolo. Per l'occasione viene organizzato il viaggio di andata e ritorno a Milano in pullman in giornata. Costo 30 euro a persona (compreso pranzo a buffet offerto). Info ed iscrizioni: Ufficio diocesano Ac 0438/940374.

EVENTI

Sinodo dei Giovani 2018 Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

SETTORE ADULTI

La paternità del gruppo adulti di AC

 
A pochi giorni dal ricordo della figura di San Giuseppe, vogliamo raccontare il ruolo dei gruppi adulti nel custodire e accompagnare l’associazione parrocchiale. Per questo abbiamo chiesto a due gruppi di raccontarsi: quello di Oderzo attraverso le parole di Giancarla e quello di Colle Umberto con la voce di un giovane papà, Matteo, che è vice adulti parrocchiale insieme a Nadia.
 
 

CHI SIETE?
Siamo il gruppo di Azione Cattolica Adulti della parrocchia di San Giovanni Battista di Oderzo. Ci incontriamo ogni quindici giorni il martedì alle 20.30.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CON QUALE OBIETTIVO/MOTIVAZIONE VI INCONTRATE?
L’obiettivo è sempre lo stesso: preghiera, riflessione e confronto con la Parola di Dio, che diventa per ciascuno Pane di Vita. Ma quest’anno con un taglio nuovo per noi, spinti anche da un invito del nostro parroco Don Pierpaolo: incontrare e confrontarsi con le “periferie” della nostra comunità. Suonava come una “sfida” e l’abbiamo accolta. Dopo un primo momento di perplessità, il cammino ed il modo di procedere si sono fatti più chiari, sostenuti sempre da Don Pierpaolo.
 
COME SI CONCRETIZZA IL VOSTRO CAMMINO DI ADULTI?
Ogni tre incontri di approfondimento sulla Parola, ai quali partecipano gli iscritti di Ac, prepariamo l’incontro che si svolgerà in una famiglia della parrocchia. Qui sono invitati tutti coloro che desiderano condividere un momento di preghiera e di riflessione. I gruppi in famiglia fin’ora sono stati tre nelle diverse zone di Oderzo, e dalla verifica sono risultati essere stati momenti significativi per tutti.
E’ richiesta da parte di ognuno disponibilità, ascolto e non ultima la preghiera allo Spirito Santo perché ci sostenga e ci guidi. Vari i temi trattati anche con alcune testimonianze. Poi, ognuno di noi svolge diversi servizi nella comunità parrocchiale e/o diocesana, nell’animazione della Santa Messa, nell’accompagnamento ai sacramenti, nei centri di ascolto. Durante l’anno associativo si creano occasioni d’incontro e di condivisione con i ragazzi dell’Acr. Momento forte è per tutti “la festa” di conclusione di maggio, dove bambini, adulti, famiglie e simpatizzanti s’incontrano per vivere la gioia, la speranza e celebrare l’Eucaristia.
CHI SIETE?
Siamo adulti di Colle Umberto cresciuti in Ac, associazione che a metà anni ottanta don Giovanni Gava rimise in piedi con l’aiuto di alcuni laici e che ci ha visto coinvolti nei gruppi. Io, Matteo (vice adulti parrocchiale con Nadia), arrivai a Colle giusto allora e iniziai dall’ACR in prima media per continuare il cammino fino ad arrivare all’animazione. Il gruppo si incontra un paio di volte al mese, salvo periodi forti quando ci uniamo alle proposte della parrocchia. Seguiamo il sussidio nazionale per gli adulti. Quest’anno per esempio stiamo approfondendo il Vangelo per riflettere su cosa significa “dare tutto” nei vari ambiti della vita, famiglia, soldi, vita di fede, ecc … Ci aiutano a continuare il cammino giovani preti che abbiamo contattato e il nostro diacono Roberto, incoraggiati anche dal parroco don Arnaldo.
 
CON QUALE OBIETTIVO/MOTIVAZIONE VI INCONTRATE?
Siamo stati invitati a prenderci o riprenderci un impegno in associazione ed abbiamo accettato. Ci teniamo all’associazione e così, nonostante impegni e famiglia, abbiamo deciso di provare a dare un contributo.
 
 
 
 
 
COME SI CONCRETIZZA IL VOSTRO CAMMINO DI ADULTI?
Partecipiamo alla vita associativa sia nell’unità pastorale che negli incontri diocesani, vivendo con entusiasmo anche i momenti di festa. Ci siamo per i vari impegni in parrocchia e nell’animazione della Santa Messa, collaborando specie nella Messa dei fanciulli, una volta al mese, con catechismo, acr, giovani e genitori. Tra i nostri propositi, quello di cercare di coinvolgere di più gli adulti dell’unità pastorale formata da Colle, San Martino di Colle e Menarè, soprattutto i giovani/adulti e anche chi per diversi motivi, non partecipa più, perché siamo convinti che l’associazione sia davvero una risorsa.

 
 
 
 
 
 

 
di Chiara Basei
L’Azione, 1 aprile 2018