VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

gennaio 2019
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031EC

NEWS ACVV

Orchestriamo la Pace
Giunta all'ottava edizione, l’Azione Cattolica di Vittorio Veneto propone una serata in cui giovani e adulti si scambiano idee e speranze di pace attraverso i segni e i suoni del mondo musicale. L'appuntamento Orchestriamo la Pace è sabato 19 gennaio 2019 in patronato a Motta di Livenza. L'evento, che quest'anno si avvale della collaborazione con il Centro Studi La Pira, inizia alle ore 20.00 con un buffet aperto a tutti per proseguire poi con lo spettacolo musicale a partire dalle 21.00. Le esibizioni musicali e le forme artistiche presentate avranno come sfondo il tema del messaggio del Papa per la giornata mondiale per la Pace “La buona politica al servizio della pace". Ingresso libero.

Feste della Pace
A conclusione del Mese della Pace, vengono organizzate le feste foraniali per la Pace. Questo il calendario: domenica 20 gennaio: a Campodipietra per Mottense - Torre di Mosto e a Cordignano per Pedemontana. Sabato 26 gennaio a Vazzola per La Colonna. Domenica 27 gennaio a Sacile per Sacilese e a Piavon per Opitergina. Domenica 10 febbraio a Gaiarine per Pontebbana. Durante le feste verrà proposta l'iniziativa "Abbiamo riso per una cosa seria" che sostiene progetti che promuovono l'agricoltura familiare dei contadini del nord e del sud del mondo, contro lo sfruttamento del lavoro e del territorio. Ci saranno a disposizione delle confezioni sottovuoto di riso da 500 grammi.

Incontro Coordinamento foraniale e presidenti della forania Opitergina
I presidenti parrocchiali e il coordinamento della forania Opitergina si incontrano con la presidenza diocesana giovedì 31 gennaio, alle 20.30, nella parrocchia di Lutrano, sale dell'oratorio.

EVENTI

Incontro Presidenti Parrocchiali Triveneto OrchestriAmo La Pace 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

8 DICEMBRE

Festa dell’Adesione, molto più di un “flash mob”

 
Il prossimo 8 dicembre, su tutto il territorio nazionale, l’Azione Cattolica festeggia la giornata dell’adesione, un appuntamento che vede coinvolti ragazzi, giovani e adulti, da nord a sud del nostro Paese, ciascuno nella propria parrocchia di appartenenza.
L’AC è presente in tutte le diocesi d’Italia, quasi ad essere un vero e proprio “lievito nella pasta” che il giorno dell’Adesione si rende visibile simultaneamente per rinnovare i propri, tanti, “sì” alla vita della Chiesa, nel servizio alle comunità.
 
Spesso non ci si pensa, ma è così: l’Azione Cattolica è parte viva del tessuto sociale, lo aiuta a tenersi insieme contro le tante forze centrifughe che, oggi come in passato, provocano la disgregazione, sulla breve come sulla lunga distanza.
Ecco che la festa dell’Adesione diventa il momento in cui tutti gli aderenti, all’unisono, confermano pubblicamente la propria appartenenza all’associazione, mostrando alla comunità civile e religiosa, che essere di AC significa vivere la corresponsabilità, al di là dei tanti limiti e ostacoli che si possono incontrare.
Vista da fuori, la giornata dell’Adesione potrebbe assomigliare ad un “flash mob” di massa in cui si inscena un’azione fuori dal quotidiano e tutto finisce lì. Non è così.
 
Una storia di 150 anni ha un di più di senso, di partecipazione, di vissuti, di storie personali e comunitarie che dicono la profondità di un gesto semplice: ricevere la propria tessera attraverso la comunità.
È un gesto che ogni anno viene ripetuto nella stessa giornata più di trecentomila volte. È il gesto che rende orgogliosi i piccoli perché si rendono conto di far parte dell’associazione dei grandi. È il gesto che rende consapevoli i grandi della responsabilità educativa verso i più piccoli. È il gesto che rende evidente ciò che nel nascondimento della vita quotidiana si vive: la corresponsabilità ecclesiale.
Vivere la giornata dell’Adesione, allora, non significa riproporre semplicemente un gesto esteriore, ma far in modo che il gesto esteriore formi e trasformi la vita interiore di ogni aderente e ogni anno si possa sentire il sostegno, l’incoraggiamento, l’accompagnamento nel cammino di crescita umana e cristiana che ciascuno è chiamato a compiere per vocazione.

 
di Stefano Uliana
L’Azione, 9 dicembre 2018