VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

febbraio 2019
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728EC

NEWS ACVV

Feste della Pace
Due le feste della Pace foraniali ancora in calendario, a conclusione del Mese della Pace: domenica 10 febbraio a Gaiarine per Pontebbana, sabato 16 febbraio a Col San Martino per QDP e Vallata.

Modulo formativo per educatori
Dedicato a tutti gli educatori che accompagnano un gruppo ACR, giovani o adulti, con almeno 19 anni di età, si svolge domenica 17 febbraio, dalle 9 alle 12, nell'oratorio di Lutrano il secondo incontro del modulo formativo che avrà come tema: "Ac, un popolo per tutti". Introduzione di Michele Azzoni, consigliere nazionale Giovani, di Vicenza.

EVENTI

XVI Settimana Sociale Diocesana AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

ESTATE ECCEZIONALE 2018

Dalle Marche a Cimacesta

 
Accogliere per alimentare la speranza: con questo spirito l’estate di Cimacesta vivrà, nelle prossime settimane, un momento nuovo e particolare. Dal 14 al 21 agosto, la casa dell’Azione Cattolica ospiterà un gruppo di trenta persone provenienti da Force, un piccolo comune in provincia di Ascoli Piceno, colpito dal sisma che ha sconvolto il Centro Italia nel 2016.
 
Ma come mai un gruppo che viene da così “distante” passerà con noi una settimana di vacanza in fraternità? L’amicizia e la vicinanza dell’Ac di Vittorio Veneto nei confronti di questo paese nasce da ben lontano. Dopo il primo sisma avvenuto nell’agosto del 2016, l’ACR ha lanciato l’Operazione Sip (Spezziamo il Pane) con l’obiettivo di avvicinare i bambini, i giovani educatori e gli adulti delle nostre parrocchie alle persone di Force e Montemonaco, due paesi appartenenti al territorio del marchigiano, coinvolgendo tutti in un progetto di solidarietà.
 
Nella primavera del 2017 abbiamo preso contatti con l’Azione Cattolica di San Benedetto del Tronto, diocesi a cui appartengono le parrocchie di Force e Montemonaco. L’obiettivo era trovare le modalità più utili e concrete per destinare l’importo raccolto nell’Operazione SIP e nelle giornate dei genitori a Cimacesta e decidere insieme una proposta per ospitare nei nostri campi estivi alcuni abitanti di quelle comunità.
 
Così ci siamo conosciuti di persona. Nel settembre scorso una piccola delegazione formata da Mirko, Daniele e Silvia, si è recata nelle Marche per conoscere la realtà diocesana e i paesi di Force e Montemonaco. Abbiamo stretto un bel legame di amicizia e fraternità e visto da vicino i danni e le problematiche ancora irrisolte causate dal terremoto. Abbiamo avuto l’opportunità di visitare direttamente la parrocchia di Force, conoscere alcuni suoi abitanti e vedere da vicino la struttura temporanea dell’asilo di Montemonaco.
 
Confrontandoci con il sindaco di Montemonaco e con il personale dell’asilo siamo riusciti a soddisfare la richiesta di un computer portatile e di altro materiale didattico necessario e finanziato interamente un corso di psicomotricità per i bambini, che si è svolto nella primavera di quest’anno.
 
E ora, finalmente, potremo accogliere a Cimacesta un gruppo di adulti, giovani e famiglie del Comune di Force che ha organizzato, con l’aiuto dell’associazione parrocchiale, il soggiorno di una settimana ad Auronzo.
A Gemma, la presidente parrocchiale dell’Ac, che si è presa a cuore questa proposta, abbiamo chiesto quali sono le aspettative con le quali intraprendono questo viaggio. Ci ha risposto che il loro desiderio, oltre a conoscere da vicino la nostra realtà, è quello di riconciliarsi con la Natura che, in questo ultimo periodo, è stata poco benevola con le loro vite, e di riallacciare e ricreare quei legami che danno senso e rendono bella la loro comunità.
 
Siamo certi che la settimana che trascorreranno ad Auronzo non sarà un semplice soggiorno di villeggiatura. La bellezza dei luoghi che circonda Casa Cimacesta e l’atmosfera ricca di vita, generosità e speranza alimentata da tutti i volti che l’hanno abitata e l’abitano, aiuteranno davvero i nostri amici marchigiani a riconciliarsi con la Natura e tornare a casa con maggior serenità e speranza per il futuro delle loro famiglie e del loro paese.

 
di Mirko Chiaradia
L’Azione, 5 agosto 2018