VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Sabato 20 Aprile
aprile 2019
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930EC

NEWS ACVV

ISCRIZIONI CAMPI ESTATE 2019
Sono aperte le iscrizioni ai campi per i ragazzi e i giovani iscritti all'Azione Cattolica. Vi attendiamo, nel desiderio di accogliere al meglio ogni richiesta di partecipazione ai campi, perché questo è l'obiettivo del Tempo Estate Eccezionale!

A Susegana adorazione eucaristica nella notte del Giovedì santo
Anche quest’anno l’Azione Cattolica di Susegana e Crevada propone l’Adorazione Eucaristica notturna, dopo la Messa del giovedì Santo, 18 aprile, nella chiesa di Susegana, dalle ore 22 alle 7 del mattino successivo. Il tema “Dio chiama chi ama..." aiuterà ad approfondire diversi episodi del Vangelo, in particolare alcune chiamate fatte da Gesù. Spunti e riflessioni sono proposti dai giovani.

Si riapre Casa Cimacesta
Al via, nei weekend 25-26 maggio e 1-2 giugno a Cimacesta, gli interventi per riaprire la Casa dell’Azione Cattolica diocesana. Chiunque volesse rendersi disponibile lo comunichi in ufficio. tel 0438.940374 o e-mail: segreteria@acvittorioveneto.it. Grazie.

EVENTI

Festa Unitaria 2019 - Sapore di Sale Estate Eccezionale 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

ESTATE ECCEZIONALE 2018

Dal Campanile al Cortile:
giro di boa a Casa Cimacesta

 
162 parrocchie, 12 foranie, 53 comuni, 4 provincie, 2 regioni.
 
Questi i numeri della Diocesi di Vittorio Veneto, dal cui territorio ogni anno centinaia di ragazzi, giovani e adulti scelgono di spostarsi per radunarsi in una Casa comune a Cimacesta. La struttura di Auronzo è fulcro dell’Estate Eccezionale in AC e attorno a essa ruotano persone con esperienze e percorsi spesso molto diversi, accomunati dalla voglia di incontrarsi lungo il cammino.
 
A metà luglio, giro di boa della stagione, otto Campiscuola sono già passati tra le mura di Cimacesta, con ben 46 parrocchie all’appello e tante storie da raccontare. C’è chi torna dopo anni di assenza, chi affronta per la prima volta il passaggio dal campanile parrocchiale alla dimensione diocesana in veste di educatore.
Il cortile di Cimacesta ha infatti accolto molti giovani animatori che si sono messi in gioco con i ragazzi.
 
Michela è reduce da un campo Medie, per il primo anno vissuto come educatrice. “È stata un’esperienza fantastica sotto tutti i punti di vista. Dal tema del campo, #iostoconGesù, con cui abbiamo ripercorso gli incontri di Gesù lungo il suo cammino, fino al rapporto con il gruppo educatori e l’assistente, e infine con tutti i ragazzi. Il clima che si vive al camposcuola è difficile da spiegare in poche righe, bisogna provare a viverlo in prima persona!
 
Paolo ammette invece di aver scoperto un’altra misura del tempo rispetto a quella dell’orologio, proprio grazie alla sua “prima” a Cimacesta. “Sono partito un po’ distratto dalle varie cose della vita di sempre e in un attimo mi sono ritrovato immerso in questa realtà, con una percezione del tempo totalmente diversa. Al momento in parrocchia non sto seguendo un percorso di gruppo, ma non ho incontrato grosse difficoltà nell’ambientarmi. Ciò che di sicuro mi ha segnato di più e che porterò con me, è stato il sentirmi parte di qualcosa, il poter essere a servizio di un corpo vivo che è quello della Chiesa e dell’AC.
 
Federica, alle prese con i ragazzi delle elementari, si è lasciata arricchire dall’esperienza. “La settimana di campo mi ha permesso di ricordare la semplicità con cui i bambini affrontano ogni momento della vita, sia quello ludico, o più serio, come per esempio le attività in gruppo. Mi sono sorpresa del legame che è nato con i bambini che hanno partecipato, che ha ricompensato appieno gli sforzi fatti insieme al gruppo educatori, capocampo e capocasa.
 
Sara, giovanissima educatrice, ha raccolto qualcosa di speciale a sua volta. “Penso ci si senta chiamati a dare il meglio di sé, in soli sette giorni e con un gruppo educatori nuovo. Nei piccoli gruppi della parrocchia, ci si conosce già tutti, mentre un animato delle medie che incontra per la prima volta un educatore al campo rimane spiazzato. Sforzandosi di conoscere ogni carattere, si scoprono modi di vedere e ragionare completamente diversi. Quando un ragazzo, poi, si fida a tal punto da volersi confidare con te, vuol dire che sei riuscito ad abbattere il muro di diffidenza. È un’esperienza talmente speciale che riesci a dare nomi nuovi a nuove emozioni, raccontate dai ragazzi stessi.
 
Con ancora 9 campi all’appello e il CampAnAC, Cimacesta continua a essere la Casa per tutti e a nutrire la dimensione associativa diocesana, la stessa che ognuno raccoglie nel proprio bagaglio sulla strada del ritorno. Un insieme di esperienze che motivano il vivere ancora più intensamente i percorsi nelle nostre parrocchie, nei mesi dell’anno.

 
di Lara Corsini
L’Azione, 22 luglio 2018