VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Domenica 18 Febbraio
febbraio 2018
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728EC

NEWS ACVV

Feste foraniali della Pace
Proseguono le feste foraniali della Pace che l'Acr propone a conclusione del mese del pace. Queste gli appuntamenti: domenica 11 febbraio a Cimetta per la Pontebbana e sabato 24 febbraio a Farra di Soligo, per Quartier del Piave e Vallata.

Esercizi spirituali 18enni
Dal pomeriggio di sabato 10 alla cena di lunedì 12 febbraio, a Lentiai, nella Casa Stella Maris, si svolgono gli esercizi spirituali per 18enni (ragazze e ragazzi nati negli anni 1999 - 2000), con la guida di don Andrea Dal Cin. Tema delle giornate: "Bellezza che attrae"

Esercizi spirituali per giovani ed adulti
Dalla sera di venerdì 23 al pranzo di domenica 25 febbraio, a Vittorio Veneto, nella Casa di spiritualità San Martino, si svolgono gli esercizi spirituali per giovani ed adulti, con la guida di don Tony Drazza, assistente nazionale giovani.

Incontro di spiritualità Adulti - Terza età
Mercoledì 28 febbraio, dalle 9 alle 17, nella Casa di Spiritualità San Martino di Tours (Castello Vescovile) a Vittorio Veneto, si svolge una giornata di spiritualità per adulti-terza età. Tema dell'incontro "L'Eucaristia, fonte inesauribile di salvezza". Guida: mons. Piergiorgio Sanson. Segnalate eventuali difficoltà di trasporto. Insieme troveremo una soluzione!

EVENTI

Settimana Sociale Diocesana 2018 Toniolo 100 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

NELLE TERRE COLPITE DAL TERREMOTO

Viaggio a Force e Montemonaco

 
Quest’anno è stato deciso di riservare i fondi raccolti dall’Acr con l’Operazione SIP e le offerte della Santa Messa nelle domeniche dei genitori di Cimacesta a Force e Montemonaco, due paesi dell’Italia centrale colpiti dal sisma lo scorso anno. Ma dove e per cosa destinare concretamente queste offerte? Da “quassù” era abbastanza difficile rispondervi. Per questo, alla proposta di Lorenzo Felici, responsabile ACR della diocesi di San Benedetto, di andare a vedere con i nostri occhi la realtà e a parlare direttamente con le persone del posto colpite dal terremoto, non potevamo che accettare.
 
Così, venerdì 15 settembre noi tre, Mirko vice giovani, Daniele responsabile ACR e Silvia, consigliere diocesano, siamo partiti per una visita di due giorni alla diocesi di San Benedetto del Tronto, arrivando a Grottammare, la parrocchia che ci ha ospitato, all’ora di pranzo. In due giorni, accompagnati da Lorenzo, da Marco, vice giovani diocesano e da Chiara, della Caritas Calabria in missione nelle zone del sisma, abbiamo visitato alcuni paesi, raccogliendo le testimonianze di Francesco, un produttore agricolo di Montemonaco, e di Elisa e Donatella, due giovani dell’Azione Cattolica di Force. Abbiamo incontrato anche Diego, uno studente di 23 anni, che ci ha accompagnato a Castro di Montegallo, la frazione dove abitava, forse distrutta per sempre. Nel suo sguardo la nostalgia dei ricordi e degli amici con cui non potrà più condividere le grigliate nel borgo. Sono sofferenze di persone che non conosciamo, ma che non ci possono lasciare indifferenti.
 
Nei nostri occhi e nei nostri cuori rimane vivo il ricordo di un territorio ferito e di comunità disperse, ma in cui siamo stati accolti come persone di famiglia e in cui ci siamo sentiti a casa. Significativo il pranzo comunitario a Montemonaco!
 
Ma chi e come aiutare? Dopo aver parlato con il sindaco di Montemonaco, si è deciso di destinare parte di quanto raccolto all’acquisto di un computer per l’asilo comunale, attualmente ospitato in un container donato dalla protezione civile di Auronzo, uno dei pochi segni di ripresa per la comunità.
Ci siamo confrontati poi con don Luca, parroco di Force, concordando con lui di riservare il resto delle offerte per accogliere, la prossima estate, a Casa Cimacesta, un gruppo di ragazzi della parrocchia con i loro educatori.
 
Non sono cose che cambieranno radicalmente la situazione di queste comunità, ma siamo convinti che siano segni importanti di vicinanza per le persone e un modo, per noi, per farsi prossimo in una sincera condivisione di umanità.

 
di Daniele, Mirko e Silvia
L’Azione, 15 ottobre 2017