VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

aprile 2018
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30EC

NEWS ACVV

Consiglio diocesano
Lunedì 23 aprile, alle 20.30, a Cimavilla, si incontra il Consiglio diocesano. All'ordine del giorno continua la riflessione su "Responsabili e custodi del... futuro", per ripensare e rinnovare la nostra presenza.

Convegno nazionale delle Presidenze
Dal 27 al 29 aprile, a Roma, nella Domus Pacis, si svolgerà il Convegno Nazionale delle Presidenze diocesane dal tema: "Un popolo per tutti" a cui parteciperanno quattro membri della presidenza di Vittorio Veneto. All'interno del convegno ci saranno tre ambiti di riflessione su: la Religiosità popolare, la Parrocchia popolare, un'Ac popolare.

EVENTI

Toniolo 100 Giuseppe Toniolo. La storia è Futuro Chi Ama Educa 2018 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

Matteo Truffelli è stato confermato Presidente nazionale dell’Azione Cattolica Italiana per il triennio 2017-20. Il Consiglio permanente della Cei lo ha scelto all’interno della terna di nomi presentata dal Consiglio nazionale dell’Azione Cattolica Italiana al termine della XVI Assemblea nazionale. Emiliano, 47 anni, Matteo è sposato con Francesca Bizzi e vive a Parma. È docente di Storia delle Dottrine politiche presso l’Università di Parma. E’ presidente dei Comitati direttivi dell’Istituto Paolo VI, Vittorio Bachelet e Giuseppe Toniolo.

AZIONE CATTOLICA ITALIANA

Matteo Truffelli confermato Presidente Nazionale

A Matteo, per la familiarità che i legami associativi creano, abbiamo fatto una breve intervista, dalla quale sono emerse anche indicazione importanti per l’Ac che è in Vittorio Veneto.
 
Quali le “eredità” dell’esperienza triennale da poco conclusa?
Credo che il triennio che si è concluso ci consegni la consapevolezza di essere un’Azione Cattolica vitale, bella, creativa. Lo abbiamo potuto toccare con mano, innanzitutto, in occasione degli incontri con i presidenti parrocchiali di tutt’Italia vissuti nelle diverse regioni. È stato molto bello misurare la passione e generosità con cui in contesti tanto diversi, da una parte all’altra del Paese ma anche dentro le stesse regioni e persino nelle medesime diocesi, la nostra associazione sa trovare strade nuove e diverse per camminare in maniera responsabile e intensa dentro il percorso di ciascuna Chiesa locale, per accompagnare e alimentare la fede di ragazzi, giovani e adulti.
 
Il Papa nell’incontro del 30 aprile ci ha parlato dell’Ac come di “un sogno, nato dal cuore di due giovani”. Qual è il sogno del “cuore giovane” di Matteo Truffelli?
È quello che ho raccontato a Papa Francesco proprio quel giorno, a nome di tutti: quello di fare sempre più della nostra associazione uno strumento, semplice ma importante, attraverso cui contribuire in maniera consapevole e appassionata alla costruzione di quella Chiesa in conversione missionaria che Francesco ha disegnato nell’Evangelii gaudium.
 
Siamo stati anche invitati ad “amare profondamente la storia che abitiamo” sull’esempio dei testimoni come il “nostro” Giuseppe Toniolo.
Nei suoi centocinquanta anni di vita l’Azione Cattolica è sempre stata profondamente partecipe delle vicende del proprio tempo. Il Papa ci ha chiesto di continuare a spenderci dentro di esso con rinnovato slancio, vivendo in esso con l’atteggiamento di chi vuole bene alla realtà di cui è parte, ha stima degli uomini e delle donne che la abitano, condivide con loro speranze e timori, desiderio di bene e ricerca della felicità, pur non concordando su alcune idee o alcune scelte. Ci ha chiesto di non smettere di impegnarci nella ricerca di un bene comune da realizzare insieme, in comune, per una società più giusta, più fraterna, più umana. Consapevoli che, come si legge al n. 181 dell’Evangelii gaudium, «la vera speranza cristiana, che cerca il Regno escatologico, genera sempre storia».
 
L’Ac di Vittorio Veneto che festeggia insieme all’Ac nazionale i 150 anni, ha ricordato solo un anno fa i suoi 120 anni di storia. Quale l’augurio?
Quello di fare anche oggi quello che abbiamo sempre fatto nella nostra storia: cambiare per rimanere fedeli a noi stessi. L’augurio è che insieme, attraverso un autentico esercizio di discernimento comunitario, riusciate a capire di che cosa veramente ha bisogno la Chiesa diocesana e, più a monte, quali sono le attese di bene delle persone che vivono nel vostro territorio, avendo il coraggio se necessario di modificare proposte e iniziative per potervi fare carico di esse.

 
L’Azione, 11 giugno 2017