VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Sabato 22 Settembre
settembre 2018
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

NEWS ACVV

Chiusura per ferie dell'Ufficio
L'ufficio diocesano di Azione Cattolica di Vittorio Veneto chiude per ferie dal 10 al 21 settembre. Riaprirà regolarmente lunedì 24 settembre.

Avvio del nuovo anno associativo
Per vivere insieme e nella gioia l’inizio dell’anno associativo, questi gli appuntamenti: venerdì 28 settembre alle 20.30, a Conegliano, nelle aule parrocchiali di Madonna delle Grazie, la presentazione dei cammini formativi di adulti, giovani e ragazzi. Sabato 6 ottobre dalle 17.30 a Pieve di Soligo, Patronato Careni: SPIRIT HAPPENING, Happening diocesano dei giovani. sabato 6 ottobre alle 20.30, auditorium Battistella Moccia di Pieve di Soligo: Premio Giuseppe Toniolo III edizione. "Pace e cooperazione internazionale: il grande sogno di Giuseppe Toniolo, l'impegno quotidiano di uomini e donne di buona volontà". Domenica 7 ottobre alle 11.00, nel Duomo di Pieve di Soligo, solenne Celebrazione Eucaristica presieduta da S.Em. Mons. Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

Incontro di inizio anno del MSAC
Il Movimento studenti di Azione Cattolica è pronto per ripartire! Invitiamo tutti gli studenti che hanno a cuore la propria scuola e vogliono viverla in maniera attiva e propositiva all'incontro di inizio anno, sabato 22 settembre a Pieve di Soligo, Collegio Balbi, dalle 15.30 alle 17. Sarà un'occasione per conoscersi e far conoscere in modo divertente cos'è il MSAC, presentando anche le idee che abbiamo per il nuovo anno scolastico appena iniziato. Per info: Carlo 349/6927995; Federico 342/098697.

EVENTI

Sinodo dei Giovani 2018 Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

INCONTRO UNITARIO AC

Custodire

 
Nel pomeriggio di sabato 30 settembre, a Mareno di Piave, l’Ac dà avvio al nuovo anno associativo con l’usuale incontro unitario. Interverrà Luca Bortoli, 35 anni, già vice giovani a Padova e consigliere nazionale di Ac, ora giornalista del settimanale diocesano “Difesa del Popolo” di Padova. Gli abbiamo chiesto di anticipare qualcosa della sua relazione sul tema: “Custodire la gioia del dono“.
 
Si fa presto a dire “custodire”. Il verbo che l’Azione cattolica ci consegna per questo primo anno del triennio associativo 2017-2020 ha un sapore antico e intimo. Materno, quasi. Custodire oggi non è di moda, anzi, va forte il suo contrario: condividere. Oggi tutto corre nella rete, immediatamente. Fatti belli e brutti, giornate storte oppure illuminate: tutto di noi tende al pubblico dominio in un amen. E poi le bici in città sono condivise e il car sharing prende piede sempre più.
 
E allora, che senso ha custodire, oggi? Una domanda scomoda, a cui tentiamo di rispondere insieme questo sabato all’incontro unitario dell’Ac vittoriese. A ben pensarci c’è tutto un mondo là fuori che ha bisogno di custodi. Sentinelle attente a quel che accade, persone che oltre a guardare riescono pure a vedere.
 
C’è una custodia dalla quale dipende la nostra stessa vita. Ed è quella che il Signore esercita su di noi, figli. Una presenza talmente discreta che tendiamo a non percepirla, se non in quegli attimi in cui ci chiediamo come abbiamo fatto a superare una prova, o da dove venga un dono così grande. È allora che scorgiamo, sulla sabbia, accanto alle nostre, le impronte di qualcun Altro.
 
E poi viene la nostra custodia. Un fatto che rimanda direttamente alla responsabilità come una delle quattro mete del progetto formativo della nostra associazione. Una responsabilità che sento forte verso me stesso, per preservare il mio tempo e la mia energia per ciò che più conta oggi: Sabrina, mia moglie, e Gioele e Francesco, i miei gemellini di tre mesi. Ci sono poi relazioni da custodire proprio nell’associazione: senza uno sguardo rivolto al Vangelo e una mano tesa a tutti nella comunità, che cosa diventerebbe l’Ac? Infine la prudenza, l’elemento che oggi più di tutti mi sento di custodire per il mio lavoro di giornalista: dare notizie precise e documentate, anteponendo sempre le persone coinvolte alla foga di arrivare prima, nel costante tentativo di avvicinarsi il più possibile alla verità.

 
di Luca Bortoli
L’Azione, 1 ottobre 2017