VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Sabato 20 Gennaio
aprile 2017
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

NEWS ACVV

Orchestriamo la Pace
Giunta alla sua settima edizione, l’Azione Cattolica di Vittorio Veneto propone una serata in cui giovani e adulti si scambiano idee e speranze di pace attraverso i segni e i suoni del mondo musicale. L'appuntamento Orchestriamo la Pace… looking for peace è sabato 20 gennaio 2018 dalle ore 20.45 alle ore 23.00, nel teatro auditorium di Sarmede (Via Giuseppe Mazzini, 16). Le esibizioni musicali e le forme artistiche presentate avranno come sfondo il tema del messaggio del Papa per la giornata mondiale per la Pace “Migranti e rifugiati: uomini e donne in cerca di pace“. Gli artisti che si esibiranno sono i "Laundry Soul", il coro degli "Sconcertati", Yuri Ninkovic e un giovane gruppo esordiente di Gaiarine. La scuola "Oltredanza" di Fontanelle proporrà delle coreografie di danza collegate al tema della serata. Ingresso libero.

Esercizi spirituali 18enni
Dal pomeriggio di sabato 10 alla cena di lunedì 12 febbraio, a Lentiai, nella Casa Stella Maris, si svolgono gli esercizi spirituali per 18enni (ragazze e ragazzi nati negli anni 1999 - 2000), con la guida di don Andrea Dal Cin. Tema delle giornate: "Bellezza che attrae". Per informazioni ed iscrizioni: Ufficio diocesano Ac 0438/940374; segreteria@acvittorioveneto.it

Esercizi spirituali per giovani ed adulti
Dalla sera di venerdì 23 al pranzo di domenica 25 febbraio, a Vittorio Veneto, nella Casa di spiritualità San Martino, si svolgono gli esercizi spirituali per giovani ed adulti, con la guida di don Tony Drazza, assistente nazionale giovani. Per informazioni ed iscrizioni: Ufficio diocesano Ac 0438/940374; segreteria@acvittorioveneto.it.

EVENTI

Orchestriamo la Pace Toniolo 100 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

CHI AMA EDUCA. “SCUOLA, COMUNITA’, RELAZIONI”

La sfida educativa

 
Nel contesto sociale di oggi, sempre più complesso, dove gli individui tendono ad isolarsi, a cercare soluzioni facili e spesso non condivise, la sfida educativa invita invece tutti a mettersi insieme per essere “comunità educante”, per agire secondo un progetto e non in modo episodico. Centrale in questo senso, è il ruolo della scuola, che rimane una delle ultime comunità educanti, dove ci sono ragazzi e giovani, genitori e insegnanti, comunità civile ed ecclesiale, e dove si vivono tutti i processi di trasformazione che coinvolgono e, sovente, travolgono la nostra società, le nostre comunità, le nostre famiglie. La scuola infatti vive tutte le emergenze della società di oggi quali l’integrazione, la multiculturalità, la perdita dei valori, le sfide di ogni genere.
 
A tal proposito così si esprime il Comitato per la sfida educativa della CEI: “la nostra epoca ha messo in moto alcuni processi che rendono problematico il concetto stesso di educazione. È dunque da qui che bisogna partire, se si vuole affrontare seriamente il problema del ruolo educativo della scuola”. Non dobbiamo prendere paura, e nemmeno dobbiamo arrenderci, di fronte alla “fatica dell’educare” ma avere il coraggio e la consapevolezza che questa è una sfida che si può accogliere. Solo così non è una sfida persa in partenza; solo così si possono porre le basi per nuove prospettive per ragazzi e giovani, e, di riflesso, nuovi orizzonti per il futuro della nostra società. Siamo quindi tutti responsabili di fronte a questa sfida. Ognuno deve fare la sua parte.
 
Su questi temi, l’Azione Cattolica di Vittorio Veneto, in collaborazione con il Servizio Diocesano per la Pastorale Giovanile, il Servizio Diocesano per la Pastorale Scolastica e l’Insegnamento della Religione Cattolica, la FISM di Vittorio Veneto ed il gruppo MSAC di Vittorio Veneto, ha pensato di sviluppare il percorso “Chi Ama Educa” di quest’anno. Al cento delle tre serate, la Scuola, la comunità e le relazioni, e l’ “impegno per una rinnovata cura educativa”.
 
Nella prima serata, venerdì 5 maggio, all’I.S.I.S.S. “M. Casagrande” di Pieve di Soligo, il professor Giovanni Zen, preside del Liceo Ginnasio “G. B. Brocchi” di Bassano del Grappa”, ci aiuterà a riflettere sul tema della partecipazione. Lunedì 8 maggio invece, a Mareno di Piave (centro culturale), il dottor Flavio Pavanello, direttore CFP La Nostra Famiglia, metterà al centro del suo intervento la cura delle relazioni, nodo nevralgico dei temi educativi. Infine, giovedì 11 maggio a Chiarano (l’oratorio parrocchiale) la dottoressa Anna Peiretti, caporedattrice de “La Giostra” e formatrice nel progetto “Nati per leggere”, ci aiuterà a riflettere sul tema dell’accoglienza, soprattutto in relazione alle nostre comunità.

 
di Michele Nadal
L’Azione, 30 aprile 2017

 
 

#ChiAmaEduca2017

 
Anche quest’anno, come in tutto il decennio 2010-2020 che la Chiesa Italiana ha dedicato al tema dell’educazione, l’Azione Cattolica di Vittorio Veneto rinnova la possibilità di fermarsi su questi contenuti, con l’ormai tradizionale appuntamento del “Chi Ama Educa“.

 


 
DOWNLOAD:

 


 
DOWNLOAD:

 


 
GLI ANNI PRECEDENTI:

 
 

“Beato Toniolo. Le vie dei Santi”

 
COMUNICATO STAMPA

Nato il nuovo Istituto Diocesano
“Beato Toniolo. Le vie dei Santi”.

 
Presidente Grando, direttore scientifico Zabotti
FEDE, CULTURA E TERRITORIO NEL SEGNO DEL BEATO TONIOLO
Venerdì 7 aprile p.v. convegno interdiocesano sul turismo religioso a Pieve di Soligo.


 
E’ nato ufficialmente l’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”.
La cerimonia di presentazione è avvenuta a Pieve di Soligo nel corso di una serata presieduta dal Vescovo di Vittorio Veneto, mons. Corrado Pizziolo, presso la sede del Collegio Vescovile Balbi Valier.

 
Dopo quattro anni di intensa attività del gruppo operativo “Beato Toniolo. Le vie dei Santi“, il Vescovo Pizziolo ha comunicato a tutti i convenuti la decisione di dare forma giuridica, autonomia organizzativa e sede istituzionale all’importante percorso diocesano in atto dal 2013 nel segno del grande economista e sociologo cattolico Giuseppe Toniolo (1845 – 1918), sepolto nel Duomo di Pieve di Soligo, proclamato Beato a Roma il 29 aprile 2012 grazie al miracolo avvenuto per sua intercessione a favore del giovane imprenditore pievigino Francesco Bortolini.
 


 
DOWNLOAD: