VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

ottobre 2019
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031EC

NEWS ACVV

Incontri con i Presidenti parrocchiali e i Coordinamenti foraniali
La Presidenza diocesana, per presentare il cammino assembleare che porterà l'Azione Cattolica al rinnovo delle responsabilità per il triennio 2020-2023, desidera incontrare i Presidenti Parrocchiali e i coordiamenti foraniali. Lunedì 14 ottobre, alle 20.30, ad Oderzo, nella sala sotto il campanile, sono attesi i presidenti parrocchiali e i coordinamenti foraniali di: Sacile, Mottense, Torre di Mosto, Opitergina e Pontebbana Venerdì 18 ottobre, alle 20.30, a Conegliano, nell'oratorio dell'immacola di Lourdes, sono attesi i presidenti parrocchiali e i coordinamenti foraniali di: La Vallata, Quartier del Piave, La Colonna, Conegliano, Vittorio Veneto e Pedemontana.

Lectio divina
Lunedì 21 ottobre, nella chiesa parrocchiale di Gaiarine, alle 20.30, don Andrea Dal Cin approfondirà, con una lectio divina, il tema dell'anno: "Lo avete fatto a me" (Mt 25,31-46).

EVENTI

ACRcinquanta Estate Eccezionale 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Instagram AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

ORCHESTRIAMO LA PACE

“…per riscoprirci fratelli”

 
Di Pace c’è estremamente bisogno, ora come un tempo. E non è pensabile che la Pace sia competenza di altri, costretti a cercarsi e a realizzarsi la pace lì dove ci sono i conflitti, da soli.
Il messaggio che papa Francesco ha rivolto in occasione della 48^ Giornata mondiale per la pace non lascia equivoci: la fraternità è fondamento e via per la pace. E dentro a questa fraternità ciascuno è chiamato a prendersi cura dell’altro e a guardarlo con gli occhi di fratello.
 
Troppo spesso, per le strade o nei luoghi che viviamo, succede di guardare agli altri con diffidenza, eppure sentiamo il bisogno di riconoscere attorno a noi fratelli, persone con le quali condividere i nostri vissuti, costruire progetti e trovare sostegno. La situazione di “non guerra sul campo” che il nostro territorio italiano vive da molti anni è senz’altro una benedizione, e diventa motivo di forza e impegno nel gettare le basi di un cammino di pace sempre nuovo e sempre vivo. La Pace, allora, va invocata per le regioni del mondo ancora ferite dalla guerra e va costruita e purificata per le vie delle nostre città dove si vive il rischio dell’indifferenza, della solitudine, del nichilismo.
 
Allora il desiderio di “Orchestrare la Pace per riscoprirsi fratelli” non è un’esigenza accessoria alla vita quotidiana! Se, purtroppo, facciamo fatica a riconoscerci fratelli, forse è mettendoci in dialogo reciproco, in ascolto dell’altro e degli altri che scopriamo a noi stessi il fondamento della Pace: tu sei mio fratello, tu sei mia sorella.
In una serata di musica e arte che si terrà al Teatro Da Ponte di Vittorio Veneto il prossimo 24 gennaio, a cent’anni dallo scoppio della prima guerra mondiale, vorremmo guardare insieme, da fratelli, alle molte guerre e schiavitù che ancora oggi feriscono la nostra umanità per riuscire ad ascoltare la voce di quei fratelli lontani e vicini che chiedono a ciascuno un passo in più verso una società e un mondo in Pace

 
di Stefano Uliana
L’Azione, 18 gennaio 2015