VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa. Mercoledì 4 luglio al via il terzo campo per Casa Cimacesta. Ottantadue sono i ragazzi di prima e seconda media che vi partecipano, provenienti da venticinque diverse parrocchie della diocesi, nove gli educatori guidati dal capocampo Roberto Amadio e dall'assistente don Andrea Dal Cin, con Mariuccia Nardin capocasa e AnnaRita Barzan cuoca.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

INTERVISTA A FRANCO MIANO

«L’AC sia sempre più scuola di vita cristiana»

 
Domenica 2 febbraio, a due settimane dalla XV assemblea diocesana dell’Ac, il Presidente nazionale, Franco Miano, incontra in Seminario, alle ore 15.30, il Consiglio diocesanoo, i nuovi presidenti parrocchiali e i coordinamenti foraniali da poco eletti. Gli abbiamo chiesto, al termine dei sei anni alla guida dell’Azione Cattolica, di raccontarci qualcosa della sua esperienza, dei suoi desideri, dei suoi sogni per la Chiesa e l’Associazione.
 
Cosa rappresenta e come ha inciso nella sua vita l’Azione Cattolica?
Ho iniziato a vivere l’Azione Cattolica nella mia parrocchia, appena dopo la Prima comunione, intorno ai 9 anni, nella semplicità di un’esperienza di una parrocchia del Sud (io sono della diocesi di Nola e il mio paese è Pomigliano d’Arco). Nella normalità di un’esperienza in cui l’Azione Cattolica rappresentava – e ancora rappresenta – una proposta viva per tutte le età. Una proposta di fede e di servizio alla comunità. Franco Miano
Nel corso degli anni, anche grazie alla partecipazione alla vita dell’Azione Cattolica diocesana e all’esperienza a livello nazionale, ho avuto modo di incontrare tanti sacerdoti e laici di Ac la cui testimonianza di un impegno libero e gratuito, attento soprattutto ai più piccoli e ai più giovani, ha segnato indelebilmente il mio cammino di vita. Credo che sempre, nella fede, siamo aiutati da persone che ci aprono le porte e ci spalancano gli orizzonti.
Voglio però citare la testimonianza, anzi il martirio di Vittorio Bachelet, che non ho conosciuto di persona, ma di cui ho approfondito la figura significativa di uomo del Concilio, che ha contribuito fortemente al ripensamento dell’Azione Cattolica sulla base dell’insegnamento conciliare, e di testimone fino in fondo nella vita delle istituzioni, per il bene comune.
Anche i miei figli sono partecipi di questa esperienza in Azione Cattolica, e quindi anche di un impegno ecclesiale diretto. È in un qualche modo tutta la famiglia, sia io che mia moglie, attualmente presidente diocesana di Nola, che i ragazzi, ad essere impegnata e a vivere l’AC.
 
In un tempo di radicale cambiamento come l’attuale, come l’AC potrebbe divenire forza propositiva e propulsiva per un presente e un futuro aperti alla speranza per la Chiesa e per il mondo?
L’Azione Cattolica deve intensificare il suo essere a servizio dell’uomo, per onorare la dignità personale con i suoi valori irrinunciabili, a cominciare dalla vita e dalla pace, dalla famiglia e dall’educazione, per camminare accanto a tutti e a ciascuno, per tessere insieme una trama viva di relazioni fraterne.
È proprio dei laici di AC l’essere chiamati a tenere insieme una “doppia cittadinanza”: la cittadinanza terrena e quella celeste. È proprio dei laici associati, che amano la Chiesa e si mettono al suo servizio, vivere con passione il proprio territorio, guardare con attenzione e competenza alle vicende del Paese, lasciarsi interrogare dalle grandi dinamiche che interconnettono il mondo intero per portare il Vangelo negli spazi e nei tempi della vita umana. Ogni socio di Azione Cattolica è consapevole che vivere una fede incarnata significa spendersi per la giustizia, la pace, la solidarietà, la tutela del creato e della vita, il diritto al lavoro e per tutto ciò che attiene la promozione della dignità umana.
 
Lei è stato vicino all’AC vittoriese in tanti momenti e noi sentiamo che con lei si è creato un legame particolare. Quale il suo augurio per la nostra associazione e il suo sogno per l’AC nazionale?
L’AC di Vittorio Veneto, a me particolarmente cara per gli amici di oggi e di ieri, e cara per il suo impegno vivo a tutto campo, ha storia e tradizione e un presente ricco della passione di tante belle persone che amano il Vangelo e la Chiesa e si spendono generosamente, nel solco della testimonianza di Giuseppe Toniolo.
Il mio augurio, per l’AC di Vittorio Veneto come per l’AC nazionale, è che l’associazione sia sempre più scuola di vita cristiana. Dove impariamo a vincere la tentazione che è più facile fare da soli, apprendiamo invece che è molto più fecondo essere, crescere, impegnarsi insieme; dove riscopriamo quel senso vivo e significativo di una vocazione inclusiva dell’Italia, posta forse non a caso al centro del Mediterraneo: la vocazione italiana (dunque degli italiani) all’accoglienza delle persone, all’incontro e al confronto fra le culture.
Credo e spero in un’AC dove impariamo che la ricerca e il desiderio di Dio (le ragioni della fede) non solo non si oppongono ma sono strettamente congiunte alla bellezza della cultura, al senso vivo della novità di ogni opera autenticamente umana.
Un’associazione di donne e uomini spinti a continuare a cercare il Signore sempre e tutti, muovendo dalla vita quotidiana, e con la gioia nel cuore; capaci di incontrare quella ricerca di Dio che ogni persona in un modo o in un altro vive, a volte provocandola, altre volte lasciandosene provocare, sempre più imparando a percorrere la pluralità dei sentieri della vita.

 
L’Azione, 2 febbraio 2014