VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

MESE DELLA PACE

La pace soffia forte
La scelta religiosa dell’AC

 
Durante il Mese della Pace, i ragazzi dell’Acr sono invitati a cogliere la ricchezza che deriva dal vivere la pace. Anche se talvolta sceglierla costa fatica, la pace regala un valore aggiunto all’esistenza. Quest’anno i ragazzi saranno aiutati a porre l’attenzione sul territorio e su come ne vivono l’appartenenza, scoprendo l’importanza di seguire delle regole condivise.
 
Come io bambino dell’Acr o io educatore posso aiutare la realizzazione del bene comune? Riconoscendo l’importanza dell’impegnarmi assieme agli altri per un qualcosa che è fondamentale per tutti e non solo per me stesso. Questo sarà l’obiettivo che accompagnerà il percorso del mese della pace, obiettivo raggiungibile anche attraverso la consapevolezza di come le piccole scelte di tutti i giorni sono rilevanti per la realizzazione di qualcosa di bello per tutti.
 
Il mese culmina con la Festa della Pace foraniale, momento in cui diventiamo testimoni attraverso le nostre voci, i nostri volti e gesti, e rendiamo visibile a chi ci sta attorno il nostro credere nella pace, e di come questa sia possibile sempre, proprio partendo dal piccolo. Il nostro stile di vita è strumento di pace, dipende da come viviamo in famiglia, a scuola, con il gruppo di amici, nella comunità parrocchiale e nella società a cui apparteniamo.

 
di Chiara Basei
L’Azione, 12 gennaio 2014