VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Domenica 25 Giugno

NEWS ACVV

Campi Estate 2017
Mercoledì 14 giugno si apre l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo che vede la presenza di 58 ragazzi di quarta e quinta elementare. Provenienti da 17 parrocchie, conosceranno da vicino le vicende di Davide, cantautore di Dio. Saranno guidati dal capocampo Daniele e dall'assistente don Adriano, con Lorenzo come cuoco e Stefano capocasa. Mercoledì 21 giugno è partito il secondo campo dell'estate che vede la presenza di 81 ragazzi di prima e seconda media, provenienti da 25 parrocchie. Sono guidati dalla capocampo Silvia, dall'assistente don Angelo, con Lisetta cuoca e Nicolò capocasa. Mercoledì 28 giugno 85 bambini di quarta e quinta elementare riempiranno Casa Cimacesta per il loro camposcuola. Provenienti da 16 parrocchie avranno Stella come capocampo, don Federico assistente, Annarita cuoca e Valerio capocasa.

Nuovo indirizzo email
Il nuovo indirizzo di posta elettronica dell'Azione Cattolica diocesana che è: "segreteria@acvittorioveneto.it". Sostituisce il precedente.

EVENTI

#AC150FuturoPresente Chi Ama Educa 2017 Tempo Estate Eccezionale 2017 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

PRESIDENTE AC DI VITTORIO VENETO

Intervista a Emanuela Baccichetto

 
Emanuela Baccichetto, 52 anni, è donna abituata alle novità di vita. Quando si è sposata, nel 1985, ha lasciato il paese natale di Negrisia per trasferirsi a Fontanelle. Non ha lasciato solo la famiglia e gli amici ma anche l’impegno nell’Azione cattolica. Arrivata a Fontanelle piano piano si è inserita, sempre insieme al marito Nicolò Marchetto, nelle attività parrocchiali dell’Ac. Nel frattempo la famiglia è cresciuta con l’arrivo di ben cinque figli. Questo ha comportato anche una svolta lavorativa: per seguire i figli, Emanuela ha deciso di esercitare la professione di fisioterapista come libera professionista. E ora che i figli sono svezzati e iniziano ad andare per la propria strada, l’Azione cattolica diocesana le ha chiesto di succedere a Diego Grando nella presidenza per il triennio 2014-2017.
 
Emanuela, come ha conosciuto l’Azione cattolica?
 
«Da bambina ho iniziato a frequentare l’Acr nella mia parrocchia di origine, Negrisia (diocesi di Treviso ndr). Facevamo i campiscuola a Lorenzago e Cadolten. Quando sono cresciuta sono diventata animatrice. L’Ac fa parte della storia della mia famiglia, mio padre è stato presidente parrocchiale».
 
Quando è avvenuto l’inserimento nell’Ac della diocesi di Vittorio Veneto?
 
«Quando ci siamo sposati, nel 1985, io e mio marito ci siamo trasferiti a Fontanelle. Nicolò, infatti, è medico di base e allora la normativa prevedeva l’obbligo di residenza nel paese in cui si trovava l’ambulatorio. Il parroco don Piero Zanardo ci ha accolto nella nuova comunità invitandoci a proseguire l’impegno nell’Ac. E così è stato. Ad aiutarci nell’inserimento è stata l’allora responsabile Anna Cester».
 
Quali sono stati i suoi impegni nell’associazione?
 
«Ho seguito il percorso “classico”: animatrice, presidente parrocchiale, coordinatrice foraniale, vice-adulti».
 
E ora presidente
 
«È abbastanza normale pensare ai vice-adulti per la presidenza. Alla scelta della mia persona si è giunti al termine di un percorso. C’erano altri, anche più validi di me, ma in questo momento per impegni familiari, lavorativi, personali non erano nella condizione di assumersi la responsabilità. Ho accettato non confidando sulle mie forze ma sull’aiuto di Dio e la collaborazione di tutta l’associazione. A tutti coloro che si congratulano con me, chiedo una preghiera, perché il Signore mi faccia sentire la sua vicinanza».
 
Presidente con cinque figli. Come farà?
 
«I figli ormai sono grandi. Federico ha 28 anni ed è prossimo alla laurea, Riccardo ha 24 anni e già lavora da tempo, Edoardo, 23 anni, sta per terminare gli studi di tecnico radiologo, e poi ci sono Beatrice di 16 e Carlo Emilio di 14».
 
Nel percorso che ha portato alla sua nomina è stata fatta un’analisi della situazione dell’associazione e della Chiesa. Cosa è emerso?
 
«Abbiamo individuato tre bisogni: la formazione di persone con coscienze pensanti, dotate di senso critico, e quindi capaci di scelte significative; la crescita della dimensione della fraternità, mediante solidi legami tra le persone e la costruzione di una vera comunità; l’apertura al mondo, la missionarietà, il sentirci responsabili di tutti».
 
C’è un settore che la preoccupa più di altri?
 
«Sì, i giovani (18-30 anni). Non tanto dal punto di vista associativo (per problemi di numeri e adesioni) ma per la condizione odierna dei giovani in generale: molti sono demotivati per la situazione sociale ed occupazionale e quindi a noi adulti è richiesto uno sforzo suppletivo per dare loro speranza».
 
Lei succede a Diego Grando. Cosa ha imparato lavorando al suo fianco?
 
«Diego ha una grandissima qualità: aiuta le persone a tirar fuori il meglio di sè. E poi ci ha trasmesso una forte tensione all’unità perché per lui l’AC è una famiglia, una palestra di vita ecclesiale (in cui non vi devono essere conflitti “generazionali”). Infine è stato un presidente che ha infuso fiducia, affidandosi più a Dio che a se stesso e chiedendoci di mostrare la nostra profezia».

 
di Federico Citron
L’Azione, 30 marzo 2014