VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

maggio 2014
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

NEWS ACVV

ISCRIZIONI CAMPI ESTATE 2019
Sono aperte le iscrizioni ai campi per i ragazzi e i giovani iscritti all'Azione Cattolica. Vi attendiamo, nel desiderio di accogliere al meglio ogni richiesta di partecipazione ai campi, perché questo è l'obiettivo del Tempo Estate Eccezionale!

A Susegana adorazione eucaristica nella notte del Giovedì santo
Anche quest’anno l’Azione Cattolica di Susegana e Crevada propone l’Adorazione Eucaristica notturna, dopo la Messa del giovedì Santo, 18 aprile, nella chiesa di Susegana, dalle ore 22 alle 7 del mattino successivo. Il tema “Dio chiama chi ama..." aiuterà ad approfondire diversi episodi del Vangelo, in particolare alcune chiamate fatte da Gesù. Spunti e riflessioni sono proposti dai giovani.

Si riapre Casa Cimacesta
Al via, nei weekend 25-26 maggio e 1-2 giugno a Cimacesta, gli interventi per riaprire la Casa dell’Azione Cattolica diocesana. Chiunque volesse rendersi disponibile lo comunichi in ufficio. tel 0438.940374 o e-mail: segreteria@acvittorioveneto.it. Grazie.

EVENTI

Festa Unitaria 2019 - Sapore di Sale Estate Eccezionale 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

ELEZIONI EUORPEE 2014

L’Europa vicina a noi

 
Le stelle gialle della bandiera europea si stagliano su di un cielo sempre più plumbeo, agitato dai forti venti populisti ed antieuropeisti che spirano nelle varie nazioni. Nei vortici dell’austerity si sta perdendo la voce di tanti ragazzi che come “generazione erasmus” affermano con forza che l’Europa può e deve essere una grande opportunità di crescita umana, culturale e professionale.
 
Personalmente, ho vissuto sulla mia pelle i tanti vantaggi di questa Europa, nell’ambito della libera mobilità delle menti, delle idee e delle professionalità, nel 2006 con un esperienza Erasmus in Spagna e nel 2008 e nel 2013 con delle esperienze lavorative in Germania e Inghilterra.
 
Ho visto quanto semplice ed immediato era ottenere un conto in banca in Germania ed un libretto sanitario personale in Inghilterra. Continuo a sperare in questa Europa, intesa come armonia di popoli, come opportunità di crescita e di realizzazione per i sogni di ognuno di noi. Perché la strada di questo progetto politico è scritta nel testo del suo inno, che non inneggia a prevaricazioni od attriti culturali ma che celebra la gioia, la gioia di essere europeo.

 
di Giuseppe Marson
L’Azione, 18 maggio 2014

 
 

DAL DOCUMENTO DELLA PRESIDENZA NAZIONALE AC

Insieme in Europa

 
Insieme in Europa, ogni giorno
L’Europa è parte della nostra vita quotidiana. Anche quando non ce ne accorgiamo, siamo proiettati in una dimensione politica, legislativa, economica, culturale che va ben oltre i confini della realtà nazionale. Del resto le sfide che sono imposte all’umanità nella cosiddetta “era globale” superano le frontiere e pongono alle nostre generazioni problemi spesso comuni, che richiedono convincenti risposte comuni.
 
…più forti contro la crisi
La pesantissima recessione economica che negli ultimi anni ha investito le economie e i sistemi sociali del Vecchio continente ha colto l’Europa impreparata. La crisi è diventata, così, anche crisi di fiducia nelle istituzioni dell’Ue, rischiando di compromettere il processo di integrazione europea e favorendo il diffondersi di posizioni antieuropee o euroscettiche, prive tuttavia di lungimiranza o di una qualche credibile risposta politica. Dalla crisi si può uscire solo restando insieme.
 
…con un progetto unico al mondo
Pace, solidarietà, promozione dei diritti fondamentali, creazione di un benessere diffuso, valorizzazione delle specificità nazionali in un quadro continentale, aperture al mondo: sulla base di tali valori, riscontrabili anche nella Dottrina sociale della Chiesa, si è realizzata dal secondo dopoguerra la “comunità europea”. Un progetto unico al mondo che fa dell’Europa un sogno per il quale continuare a impegnarsi.
 
…per fare meglio
È necessario che i popoli e gli Stati membri dell’Unione Europea ritrovino uno slancio comune per affrontare e risolvere i “punti deboli” che traspaiono dalla costruzione comunitaria. È ormai sufficientemente condivisa l’esigenza che l’Ue intervenga anche in materia di politica fiscale ed economica, oltre che monetaria. Si tratta di uno sforzo reso più urgente dai nuovi assetti geopolitici venutisi a creare nel Mediterraneo e dalla necessità di dialogo con il mondo arabo-islamico. L’Europa deve assumersi precise responsabilità in termini di promozione della pace, della giustizia e della solidarietà tra i popoli.
 
…dalla parte dei cittadini
La distanza che si è progressivamente venuta a creare tra i cittadini dei 28 Paesi aderenti e le istituzioni europee potrà essere colmata mediante l’evidenza di risultati concreti. A tal fine occorre che i mass media “raccontino” quanto accade nelle sedi comunitarie in modo chiaro, trasparente, onesto. Non di meno le istituzioni scolastiche, le università, le associazioni di volontariato, i circoli culturali, le Chiese possono svolgere un ruolo positivo nel mostrare, il “valore aggiunto” che l’Europa può apportare alla vita dei cittadini.
 
…per generare speranza
L’ACI (che è parte del Fiac, Forum internazionale di Ac) ha storicamente condiviso il “sogno” europeo, facendo propri gli esempi di tanti laici politicamente impegnati, gli insegnamenti della Chiesa cattolica e il magistero dei Papi, rivolti all’edificazione di un’Europa della vita, dei valori, della pace, della giustizia sociale.
 
…per osare il futuro
L’occupazione, la promozione di un modello socio-economico sostenibile, la tutela della salute umana e dell’ambiente, una gestione equilibrata delle migrazioni, il nodo della sicurezza strettamente connesso con i diritti dei popoli, la cooperazione con i Paesi poveri: sono alcune delle nuove frontiere. Per queste ragioni l’AC, in vista del voto per il rinnovo del Parlamento europeo, invita a partecipare in modo consapevole, informato e motivato. Il protagonismo democratico, diritto e dovere dei cittadini, è quanto mai necessario per rinnovare e rilanciare quel progetto politico che ha dato molto nella seconda metà del XX secolo e ancora di più può dare all’Europa e al mondo del XXI secolo.

 
L’Azione, 18 maggio 2014