VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

maggio 2014
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

NEWS ACVV

ISCRIZIONI CAMPI ESTATE 2019
Sono aperte le iscrizioni ai campi per i ragazzi e i giovani iscritti all'Azione Cattolica. Vi attendiamo, nel desiderio di accogliere al meglio ogni richiesta di partecipazione ai campi, perché questo è l'obiettivo del Tempo Estate Eccezionale!

A Susegana adorazione eucaristica nella notte del Giovedì santo
Anche quest’anno l’Azione Cattolica di Susegana e Crevada propone l’Adorazione Eucaristica notturna, dopo la Messa del giovedì Santo, 18 aprile, nella chiesa di Susegana, dalle ore 22 alle 7 del mattino successivo. Il tema “Dio chiama chi ama..." aiuterà ad approfondire diversi episodi del Vangelo, in particolare alcune chiamate fatte da Gesù. Spunti e riflessioni sono proposti dai giovani.

Si riapre Casa Cimacesta
Al via, nei weekend 25-26 maggio e 1-2 giugno a Cimacesta, gli interventi per riaprire la Casa dell’Azione Cattolica diocesana. Chiunque volesse rendersi disponibile lo comunichi in ufficio. tel 0438.940374 o e-mail: segreteria@acvittorioveneto.it. Grazie.

EVENTI

Festa Unitaria 2019 - Sapore di Sale Estate Eccezionale 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

CHI AMA EDUCA 2014

Annunciare il Vangelo in un mondo che cambia

 
Cos’hanno in comune tra loro il settimanale diocesano “L’Azione”, la Tenda TV, un giornalista, un musicista, un medico e whatsapp?! No, non è una barzelletta… semplicemente tutte queste realtà sono legate al linguaggio, alla comunicazione seppure in diverse forme.
 
Se è vero che l’uomo comunica fin dagli albori, è anche pur vero che la comunicazione nel tempo è cambiata e che ogni mezzo scelto per comunicare, persino la non comunicazione, connota la persona e la segna profondamente, a partire dal modo di mettersi in relazione con l’altro. Il linguaggio è infatti una capacità estremamente complessa che segna il divaricarsi del percorso evolutivo della specie umana da quello di altre specie animali poiché padroneggiare una lingua è una competenza strettamente intrecciata con le abilità sociali e comunicative distintive dell’uomo; il quale però a volte non le utilizza per ciò che è bene.
 
I pedagogisti sostengono che una comunicazione efficace realizzi a sua volta apprendimenti efficaci e per questo l’Azione Cattolica ci tiene a ribadire che essa riguarda da vicino chi educa con amore, ovvero chi sa essere generativo nelle relazioni. La buona comunicazione infatti rappresenta una rete estremamente complessa che costituisce l’aspetto dinamico dei rapporti sociali e pertanto riguarda/coinvolge tutti coloro che lavorano nel mondo dell’educazione.
 
L’aspetto della comunicazione come mezzo e strumento educativo si inserisce nella ben più ampia proposta fatta dai vescovi italiani di indire un decennio dedicato all’educazione (2010-2020): “Gli Orientamenti pastorali per il decennio 2010-2020 intendono offrire alcune linee di fondo per una crescita concorde delle Chiese in Italia nell’arte delicata e sublime dell’educazione.” (Cfr. Cardinal Bagnasco).
 
Il percorso Chi Ama Educa è un percorso di impegno dell’AC per una rinnovata cura educativa che, a partire proprio dal 2010, ogni anno sviluppa una tematica riguardante l’educazione, perché, come ci ricorda la CEI: “Annunciare Cristo, vero Dio e vero uomo, significa portare a pienezza l’umanità e quindi seminare cultura e civiltà. Non c’è nulla, nella nostra azione, che non abbia una significativa valenza educativa.”
Quest’anno l’appuntamento associativo del Chi Ama Educa verterà sul tema della comunicazione con il contributo di diverse realtà diocesane e figure di professionisti.
La domanda di fondo che verrà posta è: “come educare nella/alla vasta realtà della comunicazione?” “Come essere efficaci e sviluppare “comunicazioni di bene” e “comunicazioni fatte bene” nella società odierna?” A queste e ad altre domande tenteremo di dare una risposta nei due incontri pensati per affrontare, e certamente non esaurire, il tema della comunicazione con l’auspicio e la voglia di tornare a casa e raccontarlo ad altri.

 
di Giulia Diletta Ongaro
L’Azione, 4 maggio 2014

 
 

ROBERTA E SAMUELE, GENITORI DEL PICCOLO ELIA

Grazie…

 
Ciao,
scriviamo alla Presidenza Diocesana per ringraziare… di tutto!
Grazie per lo spazio dedicato ne l’Azione ad Elia, grazie per la numerosa presenza al funerale, grazie per le parole di conforto, grazie per le preghiere.
 
L’ AC è proprio una famiglia e in questi giorni abbiamo ricevuto tanto Amore, che ci ha sorretto e ci sorregge, e non ci permette di cadere.
 
Elia è nato il Mercoledì delle Ceneri e ci ha lasciato il Venerdì Santo.
Il Vangelo dei discepoli di Emmaus ben racconta il senso di smarrimento, di incredulità e di sconforto che ancora un po’ ci accompagna… “luce in ogni cosa io non vedo ancora ma la Tua Parola mi rischiarerà“.
 
grazie di cuore, siamo fortunati ad essere sostenuti da tutti voi!

 
Roberta e Samuele
5 maggio 2014