VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Domenica 26 Gennaio
gennaio 2020
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031EC

NEWS ACVV

Consiglio diocesano
Alle date già stabilite in calendario si aggiunge un incontro del consiglio diocesano giovedì 9 gennaio 2020, alle 20.30, nell'oratorio di Lutrano. All'OdG l'approvazione del bilancio 2018/19.

Orchestriamo la Pace
Anche quest'anno l'Azione Cattolica di Vittorio Veneto propone una serata in cui giovani e adulti si scambiano idee e speranze di pace attraverso i segni e i suoni del mondo musicale. L'appuntamento Orchestriamo la Pace, giunto alla sua nona edizione, è sabato sera 11 gennaio 2020, nell'aula magna del Seminario a Vittorio Veneto.

Assemblee foraniali
Seconda tappa del percorso verso la XVII assemblea elettiva, nel mese di gennaio vengono eletti i cordinamenti foraniali. Queste le date fin qui stabilite: forania Sacilese venerdì 10 gennaio a Sacile; forania La Vallata, lunedì 13 gennaio a Valmareno; forania Opitergina, lunedì 13 gennaio ad Oderzo; forania La Colonna, lunedì 13 gennaio a Vazzola; forania Mottense, venerdì 17 gennaio, a Cessalto. Per tutti: inizio alle 20.30.

Percorso etico
Secondo incontro del percorso etico 2019/2020 "Abitare la vita. Dal concepimento alla morte naturale". L'appuntamento è ad Oderzo, sala del Campanile, giovedì 23 gennaio, ore 20.30. Sul tema: "Le buone pratiche di chi accoglie, cura e accompagna la vita" intervengono suor Carmelita Follador della Casa Mater Dei di Vittorio Veneto, Francesco Benazzi, direttore generale AULSS 2 Marca Trevigiana, Paola Paiusco, direttore UOC Cure Palliativa AULSS 2, Maria Eufrasia Valori, vice presidente ADVAR Treviso. Coordina Marco Zabotti, direttore scientifico Istituto Beato Toniolo. Le vie dei Santi.

EVENTI

Cammino Assembleare 2020 Orchestriamo la Pace 2020 Mini-Campo 18enni e Giovani 2019 ACRcinquanta AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Instagram AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

ICONA DEL BEATO TONIOLO

Un dono per l’AC di Vittorio Veneto

 
L’ha regalata all’Azione Cattolica diocesana in memoria di Gianni De Polo, quel cognato, già presidente dei giovani di Ac, mai conosciuto perché morto martire nella guerra di resistenza tra le colline di Refrontolo nell’ottobre 1944.
Nikla De Polo ha pregato e scritto l’icona del beato Toniolo con un triplice contenuto: ritrattistico, agiografico, spirituale-mistico. Valendosi della documentazione fotografica e testimoniata del periodo in cui era in vita, l’icona riproduce i tratti somatici del Beato, i lineamenti fondamentali del suo volto perché esso sia riconoscibile. È infatti vietato agli iconografi il ricorso all’immaginazione per eseguire l’icona di un santo.
 
L’aspetto agiografico ci fa percepire il beato Toniolo come un uomo vissuto in tempi e luoghi conosciuti. Di esso sono noti il genere di vita, il profilo biografico, gli scritti, la sua missione di educatore, il suo essere padre di famiglia, il modo con cui si rese celebre nel condurre una vita ispirata totalmente agli insegnamenti del Vangelo, il genere di morte, il miracolo ottenuto per sua intercessione. L’icona perciò presenta la figura di un laico giunto alla santità attraverso una vita protesa nella sforzo costante di aderire a Dio in ogni situazione della vita quotidiana.
 
Anche gli abiti conservano la foggia del suo tempo e riflettono il costume dell’epoca in cui visse, oltre al ruolo di docente svolto per tutta la vita.
Il terzo livello è quello che può essere definito mistico e spirituale. Toniolo è proposto come Personaggio vivente nella sua realtà gloriosa nel cielo, nella comunione dei Santi.
Il suo aspetto è quello di un uomo purificato, trasfigurato, divenuto icona vivente di Dio.
Il volto del Beato è tutto accoglienza, presenza, trasparenza silenziosa, tutto sguardo, tutt’occhio: esso sottolinea lo slancio verso l’eterno, verso il mistero dell’amore di Dio che già contempla faccia a faccia.
 
Le tonalità del colore del volto sono un altro dei simboli di cui si vale l’icona per evidenziare la trasfigurazione e la santità del Beato Toniolo: dalla tonalità bruna molto dolce, come di terra illuminata dal sole interiore, la carnagione risplende come la luce di un corpo glorioso e risorto. Nel volto, gli occhi immensi e luminosi perché ricevono luce dall’interno, ci invitano ad entrare nel sacrario interiore del nostro cuore, scoprirvi la presenza di Dio e invocarlo: “nella tua luce noi vediamo la luce”.
Le arcate sopraccigliari mentre sottolineano l’espressione degli occhi, evidenziano la spaziosa fronte, sede della vera sapienza che è dono di Dio.
La bocca, di cui è visibile solo il labbro inferiore, è chiusa nel silenzio della contemplazione.
Il capo del Beato Toniolo è attorniato dall’aureola della santità che porta incise le tre virtù da lui perseguite nel suo cammino di fede: umiltà, pazienza, obbedienza.
L’icona ci propone il Beato Toniolo come modello di santità nella vita laicale, santità che è possibile realizzare nella concretezza e nella quotidianità della nostra piccola storia inserita in quella più vasta della società del nostro tempo.
 
Attraverso l’icona il Beato Toniolo ci parla di quell’armonia che era il suo ideale, a partire dal principio unificante della fede… e di quella speranza che ha animato la sua vita rendendola feconda allora come oggi…
Ci insegna “…come la sobrietà e l’essenzialità diventano segno della ‘vita buona’ del Vangelo che sa confrontarsi in modo critico con le sfide dei tempi…

 
L’Azione, 6 ottobre 2013