VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

VERSO I CAMPISCUOLA ESTIVI

Un augurio a…

 
Un dubbio si insinua in noi quando vediamo persone che, nella gratuità, con il sorriso, dedicano tempo ed energie a servizio del prossimo, spesso senza gratificazione alcuna.
Che cosa le sostiene? Che cosa fa dire loro: “ne vale la pena“?
Molti sono gli elementi che concorrono alla risposta; fra questi, uno spazio va alle esperienze che ciascuno fa nella propria vita: esperienze di servizio, di incontro, di preghiera, di silenzio, di ascolto, di dialogo, di accompagnamento…
 
Fra queste, l’esperienza del camposcuola, variamente vissuta in funzione del “ruolo”, è estremamente preziosa e formante.
A chi parte per un viaggio, si augura che vada tutto bene; anche noi desideriamo lasciare un augurio a quanti si apprestano a vivere una settimana di camposcuola.
 
Un augurio speciale, allora, per tutti gli animati grandi e piccoli, affinché trovino nel camposcuola un luogo e un tempo privilegiato per vivere e raccontare il loro essere felici e il loro essere credenti.
Un augurio non può non andare agli educatori, giovani e adulti, che scelgono di impegnare le loro vacanze e le loro ferie a servizio degli altri; perché la gioia con cui vivono la loro scelta sia esempio di rottura con i modelli di solo tornaconto con cui, ogni giorno, ci confrontiamo.
 
Non può non esserci un augurio anche a chi dona volentieri, con il sorriso, le sue capacità per il buon funzionamento di casa Cimacesta, testimoniando un servizio generoso e competente anche nei ruoli più nascosti di personale di servizio e capocasa.
 
Un altro augurio ai sacerdoti assistenti, a volte impegnati su più turni, veri compagni di strada, che non fanno mai mancare la loro vicinanza discreta, attenta, preziosa per tutti noi, perché è grazie a loro che è data la possibilità di celebrare l’Eucaristia ogni giorno, e perché molte volte ci sollecitano a porci di fronte al senso più profondo della nostra vita.
 
A tutti va l’augurio di un camposcuola che lasci il segno, che doni un sorriso da portare a tutti, di veri cristiani felici e credenti!

 
di Patrizia e Vinicio Sandrin
L’Azione, 12 maggio 2013