VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa. Mercoledì 4 luglio al via il terzo campo per Casa Cimacesta. Ottantadue sono i ragazzi di prima e seconda media che vi partecipano, provenienti da venticinque diverse parrocchie della diocesi, nove gli educatori guidati dal capocampo Roberto Amadio e dall'assistente don Andrea Dal Cin, con Mariuccia Nardin capocasa e AnnaRita Barzan cuoca.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

Spiritualità quotidiana

 
Mi faccio spesso delle domande, a cui cerco di dare risposte ogni giorno. La mia fede è una pratica esteriore e sociale per tradizione, o qualcosa che accompagna dall’interno il mio vivere ed agire? E’ una relazione personale con il Cristo vivente? Questa relazione è la sorgente che dà una qualità nuova di risorse, atteggiamenti, prospettive e opere da compiere ogni giorno?
 
Ho avuto la fortuna, dopo sposata, di poter fare la scelta di essere casalinga a “tempo pieno” e di dedicare quindi tutto il mio tempo alla famiglia e non solo, coltivando relazioni significative e profonde. Certamente la fonte della spiritualità è la preghiera, l’ascolto della Parola, la celebrazione della liturgia. Ma non solo. Durante la giornata ho altre opportunità per alimentare la mia spiritualità.
 
Il silenzio innanzitutto mentre compio i lavori di casa. Silenzio che mi porta a tu per tu con me stessa prima ancora che con Dio. Un silenzio interiore prima che esteriore. E’ un silenzio operoso, attivo, indispensabile per capire come sono dentro e preparare lo spazio perché Lui parli.
 
Un’altra opportunità di crescita spirituale è la disponibilità all’accoglienza, all’ascolto e al dialogo con chi mi sta accanto, marito e figli, ma anche con chi entra nella mia casa o incontro durante la giornata. E’ fondamentale avere tempo a disposizione per fare le cose con calma, decidere con serenità, fermarsi ad ascoltare e non mettere fretta a chi ha bisogno di aprirsi. Questo dare tempo mi arricchisce e mi fa crescere spiritualmente.
Per accogliere ci vuole ordine: ordine dentro di me, cura dentro e fuori casa. Chi arriva, ad iniziare dai familiari, deve sentirsi a suo agio, a casa sua, e ogni persona deve poter dire: sono accolto con gioia!

 
di Graziella Tomasella
L’Azione, 17 febbraio 2013