VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Sabato 19 Ottobre
ottobre 2019
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031EC

NEWS ACVV

Incontri con i Presidenti parrocchiali e i Coordinamenti foraniali
La Presidenza diocesana, per presentare il cammino assembleare che porterà l'Azione Cattolica al rinnovo delle responsabilità per il triennio 2020-2023, desidera incontrare i Presidenti Parrocchiali e i coordiamenti foraniali. Lunedì 14 ottobre, alle 20.30, ad Oderzo, nella sala sotto il campanile, sono attesi i presidenti parrocchiali e i coordinamenti foraniali di: Sacile, Mottense, Torre di Mosto, Opitergina e Pontebbana Venerdì 18 ottobre, alle 20.30, a Conegliano, nell'oratorio dell'immacola di Lourdes, sono attesi i presidenti parrocchiali e i coordinamenti foraniali di: La Vallata, Quartier del Piave, La Colonna, Conegliano, Vittorio Veneto e Pedemontana.

Lectio divina
Lunedì 21 ottobre, nella chiesa parrocchiale di Gaiarine, alle 20.30, don Andrea Dal Cin approfondirà, con una lectio divina, il tema dell'anno: "Lo avete fatto a me" (Mt 25,31-46).

EVENTI

ACRcinquanta Estate Eccezionale 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Instagram AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

INCONTRI FORANIALI

Spettatori no. Giocatori sì!

 
Nove appuntamenti foraniali in quindici giorni intensi, per avvicinare parrocchie e incontrare persone. Responsabili dell’Associazione che hanno accolto l’invito della presidenza diocesana di prendersi un tempo per vedere come si è percorsa, in questo triennio, la strada dell’evangelizzazione, nell’incontro con Gesù Cristo, nella sua Chiesa. Per poi, attivando la facoltà dell’immaginazione, delineare un futuro possibile. Verificare e progettare. Realtà e sogni da concretizzare.
Che cosa ha caratterizzato questi incontri? Cosa abbiamo sperimentato?
 
Esercizio di umiltà
Lo sforzo di una sincera lettura della realtà, senza giudizi, ma aperta alle potenzialità. Limiti, fatiche, fragilità, nodi. È stato veramente un esercizio di umiltà. Ma proprio quando si riconosce la propria debolezza, si fa spazio alla forza provvidente di Dio-Padre. Ecco allora lo slancio di nuovi atteggiamenti, propositi, progetti. Nascono quelle passioni gioiose che spingono verso l’alto, danno energia, fanno agire e amare. Passioni solidali che cercano la condivisione e tessono legami, che guardano avanti anche se occorre sacrificarsi, perché le cose grandi che fanno crescere in umanità non sono a costo zero.
 
Esercizio di cura
La capacità di prendersi cura si è rivelata nel dire che “questo mi riguarda”, nell’assumersi la responsabilità di risposte concrete. Dal partecipare scaturisce la sollecitudine, che non è solo risposta ad una richiesta di servizio, ma è conseguenza del sentirsi parte di una comunità sempre, anche quando non si è in prima fila.
 
Esercizio di ascolto
Sentirsi accompagnati perché c’è chi ascolta. Un ascolto reciproco da cui nasce fiducia e stima, carica energetica di chi decide di mettersi in gioco, sporcarsi le mani e mettere la propria faccia dentro a situazioni che interpellano la nostra umanità e ci fanno essere quei samaritani che molto banalmente fanno il bene, semplicemente perché è giusto fare così.
 
Esercizio di gratitudine
Quanta gratitudine da riconoscere! Chi ha dato tutto quello che poteva dare ha compiuto un gesto di carità senza misura, perché ciò che si dona, tempo, talenti, carismi, è rivoluzionario di per sé, in un mondo dove sembra dominare solo la legge di mercato e tutto ha un prezzo.

 
di Emanuela Baccichetto
L’Azione, 2 novembre 2013