VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Domenica 25 Giugno

NEWS ACVV

Campi Estate 2017
Mercoledì 14 giugno si apre l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo che vede la presenza di 58 ragazzi di quarta e quinta elementare. Provenienti da 17 parrocchie, conosceranno da vicino le vicende di Davide, cantautore di Dio. Saranno guidati dal capocampo Daniele e dall'assistente don Adriano, con Lorenzo come cuoco e Stefano capocasa. Mercoledì 21 giugno è partito il secondo campo dell'estate che vede la presenza di 81 ragazzi di prima e seconda media, provenienti da 25 parrocchie. Sono guidati dalla capocampo Silvia, dall'assistente don Angelo, con Lisetta cuoca e Nicolò capocasa. Mercoledì 28 giugno 85 bambini di quarta e quinta elementare riempiranno Casa Cimacesta per il loro camposcuola. Provenienti da 16 parrocchie avranno Stella come capocampo, don Federico assistente, Annarita cuoca e Valerio capocasa.

Nuovo indirizzo email
Il nuovo indirizzo di posta elettronica dell'Azione Cattolica diocesana che è: "segreteria@acvittorioveneto.it". Sostituisce il precedente.

EVENTI

#AC150FuturoPresente Chi Ama Educa 2017 Tempo Estate Eccezionale 2017 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

Settimana Sociale dei Cattolici Italiani

Il contributo dell’Azione Cattolica Italiana

in vista della 47ª Settimana Sociale dei Cattolici Italiani

 
Nell’imminenza della 47ª Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, l’Azione Cattolica Italiana, che già da tempo ha avviato la preparazione a questo importante e significativo evento ecclesiale, raccogliendo l’invito del Comitato scientifico-organizzatore, ribadisce la convinzione che il tema della famiglia è «centrale per il bene comune del Paese», come, del resto, si poteva cogliere in «vari punti dell’agenda proposta alla Settimana Sociale di Reggio Calabria» (Lettera-Invito al cammino di discernimento verso la 47ª Settimana Sociale). L’urgenza di attuare l’agenda messa a punto è stata confermata dal dibattito pubblico maturato in questi tre anni in corrispondenza dell’aggravarsi della crisi, innanzitutto etica, che ha coinvolto il Paese.
 
Nel documento approvato dalla XIV Assemblea nazionale, celebrata il 6-8 maggio 2011, si affermava: «L’Azione Cattolica ha come fine la formazione di laici credenti che, radicati in una forte vita spirituale, considerino essenziale la partecipazione consapevole e il pieno coinvolgimento nella vita del mondo e delle città. Ai laici di AC sono chiesti passione, competenza, interesse, impegno per l’edificazione concreta del bene comune insieme a tutti gli uomini e le donne di buona volontà.
 
Nella comunità cristiana l’AC si impegna affinché la Dottrina sociale della Chiesa cattolica sia incarnata in prassi ed esperienze di valore pastorale, civile e culturale. La testimonianza della propria fede può e deve assumere, in AC, un’indispensabile dimensione pubblica, anche considerando sempre più la formazione al sociale e al bene comune come parte essenziale dei cammini ordinari» (Documento assembleare, I.3). Nello specifico, si chiedeva di «riconoscere, valorizzare e sostenere la soggettività della famiglia, nelle sue diverse stagioni e condizioni di vita, quale luogo primario di annuncio del Vangelo, di accoglienza, di educazione alla vita e alla fede e di responsabilità ecclesiale e civile»

 
Documento assembleare, II.3