VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Domenica 24 Giugno

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

SANTA PASQUA 2013

Risurrezione nelle piccole cose

 
La Settimana Santa a volte diviene sinonimo di Venerdì Santo. La sofferenza e la morte di Gesù sembravano avere il sopravvento sul mistero che apre alla più grande speranza: la risurrezione, sua e nostra. Ma non è facile arrendersi a questa verità che non ha prove tangibili. La Parola è potente, ma la vita interpella e interroga. Oltre la resurrezione promessa dopo la morte, possiamo vivere qui ed ora una sorta di allenamento al “risorgere” nelle piccole cose di ogni giorno?
Al termine di una settimana pesante da rendere curve non solo le spalle, accettare con gratitudine il caffè con pasticcini, offerti da un amico intelligente e saggio. Raccontare frammenti di quotidianità, accoglierne altri e, nella condivisione pacata, la fatica si stempera.
 
Concerto di Pasqua. Il pezzo da presentare è impegnativo e i cantori, in silenzio, si avviano a prendere posto. Prima di iniziare incontrano il volto sorridente della direttrice del coro. È tanto giovane da poter essere figlia, ma il suo sguardo incoraggia e sostiene. E le voci si liberano in un canto armonioso e compatto.
 
Piove; come ieri, e ieri l’altro, e il giorno prima. Finirà mai sto grigio che incupisce l’umore e rende irritabili e stanchi? Dove è andata a finire la primavera? Risponde il trillo di un uccellino, la magnolia carica di fiori ancora chiusi, pronti ad aprirsi al primo sole, il verde dell’erba nuova, che, senza clamori, copre e fa dimenticare la rigida e secca vegetazione invernale.
 
Al telefono racconta della via crucis insolita preparata in parrocchia. Ad un certo punto ognuno riceve una croce di carta ed è invitato a scambiarla con qualcun altro. “L’ho scambiata con mio marito, perché lui è bravo a sostenermi nelle mie croci”. Non servono aggiunte o spiegazioni per raccontare un legame che nutre, conforta, arricchisce.
 
Nel rispondere al saluto serale, la voce è provata, ma intensa, piena: “Ho accompagnato un mio confratello all’incontro definitivo con il Signore. Abbiamo pregato insieme. Si è spento lentamente, senza clamori. E ho pensato intensamente al mistero della morte. Quale mistero!” Nelle parole vibra una sorta di stupore per una realtà totalmente altra dalla vita, pressoché impossibile da immaginare, drammatica ma non tragica. Rimane, forse per osmosi, la sensazione di un cerchio che si può chiudere nella pace.
 
Signore, dacci occhi per vedere e cuore grato nel riconoscere!

 
di Elisa Moretto
L’Azione, 31 marzo 2013