VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Tempo Estate Eccezionale 2017
L'attività dell'estate dell'Ac continua incessante per tutto il mese di agosto. Dal 6 al 13 del mese, più di 50 diciottenni condividono gli spazi di casa Cimacesta con gli adulti per un campo in contemporanea. Dopo l'Estiamo insieme previsto dal 13 al 16 agosto, giorni tranquilli di ferie per famiglie, riprendono i campiscuola: per Giovanissimi dal 16 al 23 agosto, per ragazzi di prima e seconda media in contemporanea con un altro gruppo Giovanissimi dal 23 al 30 agosto, poi altri due campi, di bambini ACR dei Sei/otto e ragazzi 14/15enni dal 30 agosto al 6 settembre. Il Campanac, fine settima di formazione per gli educatori ACR, Giovani ed Adulti in vista del nuovo anno associativo, previsto dall'8 al 10 settembre, concluderà l'estate 2017.

Chiusura Ufficio diocesano
L'Ufficio diocesano chiude per ferie da lunedì 7 agosto a lunedì 14 agosto. Per ogni comunicazione rivolgersi a Casa Cimacesta, tel. 0435/97013.

Nuovo indirizzo email
Il nuovo indirizzo di posta elettronica dell'Azione Cattolica diocesana che è: "segreteria@acvittorioveneto.it". Sostituisce il precedente.

EVENTI

#AC150FuturoPresente Chi Ama Educa 2017 Tempo Estate Eccezionale 2017 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

PERLE DAL CONCILIO

Un modo nuovo di vivere la speranza cristiana

 
Ricordo ancora la grande impressione che mi fece, la sera dell’11 ottobre del 1962, il famoso “discorso della luna” con cui Giovanni XXIII commentò l’inizio del Concilio davanti ad una folla immensa convenuta in Piazza San Pietro. Quel vecchio papa, dall’aspetto così casalingo e dalla voce calda, mi sembrò incarnare e prospettare a tutta la Chiesa un modo di vivere la speranza cristiana confidente e aperto, amorevole e gioioso.
 
Questa intuizione fu confermata dagli esiti del Concilio, in particolare dalla riforma liturgica e dalla valorizzazione del ruolo dei laici nella chiesa. L’uso della lingua corrente nelle celebrazioni, l’altare rivolto al popolo e le nuove forme della musica sacra furono per me innovazioni naturali e bellissime, perché rendevano possibile una adesione più consapevole ed attiva di tutto il popolo cristiano alle azioni liturgiche.
 
Fu una stagione esaltante, soprattutto per noi giovani, che ci sentimmo chiamati da una serie vivacissima di iniziative ecclesiali a diventare protagonisti nella vita della comunità. Grazie ai Gruppi liturgici e di Azione Cattolica, ai Campi Estivi, alla SPAL ed a tante altre aggregazioni ed attività, la fede si è radicata in molti di noi, resistendo meglio alle tentazioni del materialismo pratico favorito dal benessere.
 
Signore, dacci occhi per vedere e cuore grato nel riconoscere!

 
di Gianni Cella
L’Azione, 7 aprile 2013