VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

dicembre 2018
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31EC

NEWS ACVV

Veglia associativa
Venerdì 7 dicembre, alla vigilia della solennità dell’Immacolata, nella chiesa di Tezze di Piave, con inizio alle 20.30, presieduta dal Vescovo Corrado, ci sarà la Veglia associativa diocesana. Sono invitati giovani ed adulti, responsabili, educatori e quanti vogliono prepararsi con intensità alla festa dell’Immacolata.

8 dicembre, festa dell’adesione
Nel giorno dell’Immacolata l’Azione Cattolica celebra la giornata dell’adesione. Le associazioni parrocchiali festeggiano nei modi più diversi, ma il momento comune e più significativo resta la benedizione delle tessere durante la Santa Messa.

Incontro Coordinamento foraniale e presidenti di Conegliano e Vittorio Veneto
I presidenti parrocchiali e il coordinamento foraniale di Conegliano e Vittorio Veneto si incontrano con la presidenza diocesana martedì 11 dicembre, alle 20.30, nella parrocchia di San Rocco a Conegliano.

Convegno nazionale educatori
"Chiamati a scoprire il sapore" il tema del Convegno nazionale educatori Acr che si svolge a Roma dal 14 al 16 dicembre prossimi. Accompagnati da don Paolo Astolfo, assistente diocesano Acr, vi parteciperanno 5 educatori della nostra diocesi.

Minicampo invernale
"Sogna, vinci, scegli" il titolo del mini campo invernale per 18enni e giovani dai 19 ai 30 anni. Si svolge a Nebbiù, nella Casa Apina Bruno e Paola Mari da venerdì 28 a sabato 29 dicembre. E' una nuova opportunità per vivere insieme un momento di formazione e festa, anche alla luce del Sinodo appena concluso. Per info: Ufficio Ac 0438/940374; Mirko 349/0059503.

EVENTI

Sogna, Vivi, Scegli Sinodo dei Giovani 2018 Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

PERLE DAL CONCILIO

Un modo nuovo di vivere la speranza cristiana

 
Ricordo ancora la grande impressione che mi fece, la sera dell’11 ottobre del 1962, il famoso “discorso della luna” con cui Giovanni XXIII commentò l’inizio del Concilio davanti ad una folla immensa convenuta in Piazza San Pietro. Quel vecchio papa, dall’aspetto così casalingo e dalla voce calda, mi sembrò incarnare e prospettare a tutta la Chiesa un modo di vivere la speranza cristiana confidente e aperto, amorevole e gioioso.
 
Questa intuizione fu confermata dagli esiti del Concilio, in particolare dalla riforma liturgica e dalla valorizzazione del ruolo dei laici nella chiesa. L’uso della lingua corrente nelle celebrazioni, l’altare rivolto al popolo e le nuove forme della musica sacra furono per me innovazioni naturali e bellissime, perché rendevano possibile una adesione più consapevole ed attiva di tutto il popolo cristiano alle azioni liturgiche.
 
Fu una stagione esaltante, soprattutto per noi giovani, che ci sentimmo chiamati da una serie vivacissima di iniziative ecclesiali a diventare protagonisti nella vita della comunità. Grazie ai Gruppi liturgici e di Azione Cattolica, ai Campi Estivi, alla SPAL ed a tante altre aggregazioni ed attività, la fede si è radicata in molti di noi, resistendo meglio alle tentazioni del materialismo pratico favorito dal benessere.
 
Signore, dacci occhi per vedere e cuore grato nel riconoscere!

 
di Gianni Cella
L’Azione, 7 aprile 2013