VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

dicembre 2019
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031EC

NEWS ACVV

"Anche Si....gnore" Smartbox spiritualità
L 'ultima settimana di novembre e la prima di dicembre vedono realizzarsi, nelle foranie, gli incontri di accostamento alla Parola del Signore per ragazzi di prima, seconda, terza superiore. Questo il calendario: venerdì 29 novembre, ore 20.30 nell'oratorio di Ponte della Priula per la forania La Colonna; sabato 30 novembre, ore 17.30 nell'oratorio di Gaiarine per la forania Pontebbana; domenica 1 dicembre,  dalle 15.00 alle 17.00 dalle suore Saveriane di Ceggia per la forania Torre di Mosto; sabato 14 dicembre, ore 17.00 nell'oratorio di Sacile per la forania Sacilese.

Work in progress
Per gli educatori ACR più giovani sono stati pensati degli incontri di formazione a livello locale. Queste la date del primo appuntamento: sabato 7 dicembre a Ceggia dalle 17 alle 18.30 per le foranie Mottense e Torre di Mosto; domenica 15 dicembre a San Polo di Piave dalle 9 alle 10.30 per la forania Pontebbana, con partecipazione alla Santa Messa a conclusione dell'incontro.

Veglia associativa diocesana
Sabato 7 dicembre, alla vigilia della solennità dell'Immacolata, alle 20.30, nella chiesa parrocchiale di Colle Umberto, l'Azione Cattolica si ritrova in preghiera. "La casa di Maria", il filo conduttore della tradizionale veglia, che riconduce al verbo "abitare", tema associativo dell'anno.

8 dicembre, festa dell’adesione
Nel giorno dell’Immacolata, l’Azione Cattolica celebra la giornata dell’adesione. Le associazioni parrocchiali festeggiano in molti modi diversi, ma è la benedizione delle tessere durante la Santa Messa il momento più significativo.

EVENTI

Mini-Campo 18enni e Giovani 2019 ACRcinquanta AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Instagram AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

PERLE DAL CONCILIO

La novità del Concilio…

 
Vivo in una parrocchia che è sorta dopo il Concilio Vaticano II e si è costituita come comunità che ha trovato nel suo formarsi e nel suo svilupparsi ispirazione nelle istanze poste dalla riforma conciliare.
 
Sulla base del rinnovamento della società cristiana come popolo di Dio che esprime la sua presenza attraverso ministeri e carismi, ha preso slancio una vita di comunione attorno ai sacerdoti che ha visto vivacizzarsi la presenza dei laici, in particolare delle donne.
Il fondamento per accogliere e comprendere ogni cambiamento è stato la Parola di Dio, con la possibilità di accostarsi alla lettura di tutta la Bibbia.
 
La riforma liturgica nei suoi segni di rinnovamento è stato l’aspetto che ogni comunità ha percepito di più. Nella chiesa della nostra parrocchia l’altare è sempre stato rivolto verso l’assemblea ed è al centro come tavola del banchetto eucaristico. L’ambone è diventato il luogo della lettura della Parola anche per le donne. L’uso della lingua italiana ha permesso la partecipazione al rito e ha fatto sparire tutto ciò che non confaceva alle celebrazioni (rosari e chiacchiere).
 
Per il catechismo sono coinvolti i laici e viene affidato loro il compito della trasmissione della fede.
Nella parrocchia si è costituito fin dall’inizio il Consiglio pastorale, eletto dai fedeli e non nominato solo dal Parroco.
 
In questo passaggio l’opera della formazione dell’Azione Cattolica ha svolto un ruolo significativo per l’inserimento dei fedeli laici con competenza nell’attuazione di un nuovo stile di vita comunitaria. Oggi sembrano situazioni ovvie, ma allora furono grandi novità che entusiasmarono i cristiani ad una partecipazione generosa, attiva e consapevole a fianco dei loro sacerdoti.

 
di Umbertina Zaia Rossetto
L’Azione, 28 aprile 2013