VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

“L’Italia della speranza,
della concordia, della creatività”

 
Si è svolto la mattina di giovedì 11 novembre la storica visita di Papa Francesco al Quirinale. Intenso e forte il messaggio al Paese lasciato dal Santo Padre e dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano (il testo del Papail testo del capo dello Stato)
 
 

“Due messaggeri di speranza”

 
Il commento del presidente nazionale Ac Franco Miano
 
L’incontro tra due messaggeri di speranza. Ecco ciò che è stato l’abbraccio tra papa Francesco e il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Quella di oggi è stata più che una visita di Stato: non solo due istituzioni che si confrontano, l’una laica e l’altra religiosa, ma il plastico sancire di una sintonia totale tra due personalità che hanno a cuore il futuro dell’Italia e della sua gente.
 
Dopo mezzo secolo dalla visita al Quirinale di un altro papa della speranza, Giovanni XXIII, ecco papa Francesco salire al Colle, con la semplicità dell’amicizia e il sorriso della condivisione che sempre accompagnano il suo andare, per abbracciare idealmente l’intera Italia e il suo presidente, colui che in una stagione politica ed economica difficilissima per il nostro Paese non ha mai indietreggiato nella difesa e nella salvaguardia delle istituzioni democratiche, restando sempre vicino con la sua azione di garante supremo ai cittadini e ai loro problemi quotidiani.
 
È significativo che il primate d’Italia, il figlio di italiani “venuto dai confini del mondo”, e il presidente della Repubblica, insieme nella “casa comune di tutti gli italiani”, abbiano innanzitutto parlato e concordato sulla centralità della questione antropologica, posta da un’umanità che ha cambiato il modo di guardare e percepire se stessa. Che porta non a caso i due nostri protagonisti, papa Francesco e il presidente Napolitano, ciascuno nella propria azione, a una forte considerazione della persona, di ciascuna persona che si incontra nel proprio andare verso le periferie dell’uomo contemporaneo. Un’attenzione fatta di un amore semplice e per tutti, per il proprio Paese, per la comunità dei popoli e per la Chiesa universale. Un amore per il prossimo che è denunzia contro ogni forma di egoismo, ogni tentazione al particolarismo.
Papa Francesco e il presidente Napolitano non dimenticano gli ultimi, e chiedono a noi di non dimenticarli. Sono con loro, con i migranti in cerca di un domani migliore, con i poveri che non hanno da mangiare, con i lavoratori senza lavoro, con le famiglie senza tutele e mai apprezzate abbastanza nel loro ruolo di cellula primaria di ogni società umana degna di dirsi tale.
 
La misericordia di Dio e generose risposte anche politiche sono ciò che solo apre a un futuro di speranza per l’Italia, per l’Europa e per il mondo intero. Un’Italia a cui il figlio di italiani venuto dai confini del mondo augura di ritrovare creatività e armonia, nel solco della sua tradizione migliore, per promuovere il bene comune e la dignità di ogni persona, e per offrire il suo contributo per la pace e la giustizia. Questo è ciò che si augura, ne siamo certi, anche il presidente Napolitano, che per questo si impegna quotidianamente; questo è ciò che si augurano i ragazzi, i giovani e gli adulti dell’Azione cattolica italiana che per questo continueranno a impegnarsi quotidianamente nel loro essere accanto ad ogni persona, in ogni spicchio anche il più piccolo e lontano del nostro amato Paese.

 
14 novembre 2013