VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

dicembre 2019
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031EC

NEWS ACVV

"Anche Si....gnore" Smartbox spiritualità
L 'ultima settimana di novembre e la prima di dicembre vedono realizzarsi, nelle foranie, gli incontri di accostamento alla Parola del Signore per ragazzi di prima, seconda, terza superiore. Questo il calendario: venerdì 29 novembre, ore 20.30 nell'oratorio di Ponte della Priula per la forania La Colonna; sabato 30 novembre, ore 17.30 nell'oratorio di Gaiarine per la forania Pontebbana; domenica 1 dicembre,  dalle 15.00 alle 17.00 dalle suore Saveriane di Ceggia per la forania Torre di Mosto; sabato 14 dicembre, ore 17.00 nell'oratorio di Sacile per la forania Sacilese.

Work in progress
Per gli educatori ACR più giovani sono stati pensati degli incontri di formazione a livello locale. Queste la date del primo appuntamento: sabato 7 dicembre a Ceggia dalle 17 alle 18.30 per le foranie Mottense e Torre di Mosto; domenica 15 dicembre a San Polo di Piave dalle 9 alle 10.30 per la forania Pontebbana, con partecipazione alla Santa Messa a conclusione dell'incontro.

Veglia associativa diocesana
Sabato 7 dicembre, alla vigilia della solennità dell'Immacolata, alle 20.30, nella chiesa parrocchiale di Colle Umberto, l'Azione Cattolica si ritrova in preghiera. "La casa di Maria", il filo conduttore della tradizionale veglia, che riconduce al verbo "abitare", tema associativo dell'anno.

8 dicembre, festa dell’adesione
Nel giorno dell’Immacolata, l’Azione Cattolica celebra la giornata dell’adesione. Le associazioni parrocchiali festeggiano in molti modi diversi, ma è la benedizione delle tessere durante la Santa Messa il momento più significativo.

EVENTI

Mini-Campo 18enni e Giovani 2019 ACRcinquanta AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Instagram AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

TESSERAMENTO 2014

Le strade dell’adesione

 
Due voci per raccontare le ragioni attraverso le quali si è arrivati a scegliere di far parte dell’Ac.
 
“Mi chiamo Sonia e sono aderente adulta all’AC da due anni; il mio è un percorso un po’ particolare, che mi ha portato a ricevere i sacramenti dell’iniziazione cristiana in età adulta, dopo una scelta più consapevole dei valori del Vangelo. Le motivazioni che mi portano oggi ad essere parte del progetto di AC, invece, risalgono a quando un’altra aderente, Prisca, mi propose di partecipare alle riunioni del gruppo adulti: certo, conoscevo l’ACR – da bambina l’avevo frequentata e ne conoscevo i valori – ma non sapevo che questo cammino di crescita cristiana potesse continuare anche dopo.
Così mi sono ritrovata catapultata in una cerchia di persone che, come me, cercano di far maturare in continuazione la propria fede cristiana: la parte più bella è proprio la condivisione delle domande forti che interrogano l’uomo a qualsiasi età e che questa ricerca viene fatta da persone contente di essere cristiane. Ecco: per me essere in AC è un modo di essere felice e credente, ma in modo continuativo.”
 
 
“Sono Federico, ho 24 anni, appartengo alla parrocchia di Farra di Soligo e qualche giorno fa mi sono laureato in giurisprudenza presso l’Università di Trento, discutendo una tesi di diritto ecclesiastico sul ruolo delle conferenze episcopali.
Durante gli anni di studio, tra le cose belle che mi sono capitate, forse la più bella, è stata conoscere la FUCI. E non lo dico solo perché grazie alla federazione degli universitari cattolici ho riscoperto il metodo ed il senso dello studio, ma perché ho sperimentato in concreto la fraternità che può nascere dalla condivisione in gruppo di cultura, idee ed esperienze di fede.
Aderire all’AC ora mi è sembrato lo sbocco naturale di quell’impegno dei laici che nel mondo, ecclesiale e civile, si esprime in vari modi. I percorsi di formazione proposti dall’associazione credo continueranno ad aiutarmi a crescere come laico adulto che, alla scuola dell’unico Maestro, sa esprimere, in ogni ambito ed in prima persona, un pensiero critico capace di interpretare questa storia e di ridarle speranza. Esiste uno stretto legame, anche statutario, tra ACI e FUCI e per questo lavorare in Azione cattolica è continuare l’impegno per far crescere comunità all’interno del nostro, sempre più frantumato, contesto sociale.”

 
L’Azione, 29 dicembre 2013