VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

FESTA UNITARIA AC DIOCESANA
Oderzo, domenica 21 aprile

La felicità va condivisa per essere piena

 
La felicità si deve prendere sul serio! Forse questa frase sembrerà paradossale, ma non è così se pensiamo alla felicità come una dimensione essenziale che ogni uomo sulla terra ricerca per la propria vita. Ogni uomo è alla ricerca di quella sorgente di felicità alla quale attingere, come la donna samaritana al pozzo di Sicar.
L’uomo credente scopre che quella sorgente di felicità, continuamente zampillante, si trova proprio nella fede nel Signore risorto. Così, infatti, è accaduto agli apostoli nel giorno di Pasqua, quando “gioirono al vedere il Signore”(Gv 20): gli apostoli vissero il giorno di Pasqua felici e credenti.
 
Il credere in Dio e la felicità vanno a braccetto, la gioia e la fede si sostengono a vicenda.
Con la festa unitaria di quest’anno, l’Azione Cattolica Diocesana desidera annunciare che è possibile vedere il Signore vivo e risorto, è possibile incontrarlo nel quotidiano, tanto da essere felici di credere in Lui. Non per bearci nell’illusione, per evadere dalle fatiche quotidiane, per fingere che tutto vada bene e non esista la tristezza, ma proprio per ricordarci che illusione, fatica e tristezza non ci toglieranno la nostra gioia, se ci fidiamo di Dio e delle sue promesse.
 
La festa unitaria sarà dunque un “cenacolo” speciale, dove negli incontri con tutte le persone che parteciperanno si realizzerà, in modo misterioso e concreto allo stesso tempo, l’incontro con il Signore Gesù vivo e presente nel suo corpo che è la Chiesa.
La felicità deve essere condivisa per essere piena: ecco il motivo principale per il quale alla festa sono invitati non solo gli aderenti all’Azione Cattolica, ma anche tutta la Chiesa diocesana.
 
Con questi obiettivi di fondo, durante la festa, i ragazzi dell’ACR spenderanno le loro forze, fino all’ultimo briciolo, per dare spettacolo di questa felicità credente, perché è come l’evangelica lampada che deve fare luce a tutta la casa; i giovani dimostreranno come la felicità vera può lasciare il segno profondo di una bellezza eterna sui nostri volti; e gli adulti saranno per tutti custodi di una felicità da trasmettere e testimoniare con la credibilità delle piccole e grandi scelte di ogni giorno.

 
di Don Andrea Dal Cin
L’Azione, 21 aprile 2013

 
DOWNLOAD: