VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2019
Che l'Ac diocesana non vada in vacanza lo confermano i campi che si aprono ancora davanti: dal 7 al 14 agosto la settimana per adulti ed adultissimi, con una tre giorni dedicata in special modo alle famiglie, dall'11 al 14 di agosto. Dopo un breve spazio dedicato ad un tempo di distensione con l'Estiamo insieme, dal 19 al 26 agosto si avviano due campi in contemporanea, uno di 14/15enni e uno di giovanissimi. Si proseguirà poi con l'ultimo campo ACR, che prevede la presenza sia di ragazzi di prima e seconda media che di piccoli delle elementari. Il Campanac, dal 6 all'8 di settembre, tradizionale appuntamento di formazione per gli educatori, chiuderà il Tempo Estate Eccezionale 2019 per aprirsi al nuovo anno associativo 2019/2020.

EVENTI

Estate Eccezionale 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

LESSICO ASSEMBLEARE

Intergenerazionalità

 
Nella vita tutto si tiene, ama ripetere un mio carissimo amico. E tutti si tengono anche in Azione Cattolica. Quei tutti sono i bimbi ed i ragazzi, i giovanissimi e i giovani, gli adulti e gli adultissimi che compongono la famiglia associativa. La proposta formativa è pensata e strutturata a misura di ciascuna età, ma la vita associativa è unica ed i motivi di incontro e di dialogo tra le generazioni sono continui ed essenziali.
 
Ognuno cammina con il proprio passo, ora incerto, ora veloce, ma a tutti, nessuno escluso è chiesto di fare strada insieme. I ragazzi, nuovi alla vita e al mondo, agli adulti che li accompagnano con fiducia e coraggio, donano freschezza ed energia. I giovani, a volte di difficile decifrazione ed interpretazione, offrono stimoli e provocazioni per cercare e pensare in grande. Gli adulti, nell’impegno quotidiano di vivere la maturità umana e cristiana, diventano punti di riferimento e tessitori di relazioni. Gli adultissimi, ai quali la vita ha regalato numerosi giorni, sono fonte inesauribile di fede incarnata, di speranza tenace e di carità a fondo perduto.
Ritrovarsi ed appartenere alla medesima associazione diventa oggi più che mai un segnale in controtendenza.
 
Le età rigorosamente divise e separate non solo negli spazi e nei luoghi, ma soprattutto nella comunicazione e nell’interazione. La difficoltà di ascoltare e di accogliere l’altro e gli altri. E noi ostinatamente a dirci Ciao, come stai? Facciamo strada Insieme.

 
di Francesca Zabotti
L’Azione, 2 novembre 2013