VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

aprile 2018
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30EC

NEWS ACVV

Consiglio diocesano
Lunedì 23 aprile, alle 20.30, a Cimavilla, si incontra il Consiglio diocesano. All'ordine del giorno continua la riflessione su "Responsabili e custodi del... futuro", per ripensare e rinnovare la nostra presenza.

Convegno nazionale delle Presidenze
Dal 27 al 29 aprile, a Roma, nella Domus Pacis, si svolgerà il Convegno Nazionale delle Presidenze diocesane dal tema: "Un popolo per tutti" a cui parteciperanno quattro membri della presidenza di Vittorio Veneto. All'interno del convegno ci saranno tre ambiti di riflessione su: la Religiosità popolare, la Parrocchia popolare, un'Ac popolare.

EVENTI

Toniolo 100 Giuseppe Toniolo. La storia è Futuro Chi Ama Educa 2018 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

VERSO LE ASSEMBLEE ELETTIVE

“In questa storia c’entro anch’io”

 
In questa storia c’entro anch’io” recitava uno slogan dell’AC di qualche anno fa. Siamo parte della storia: mi ha sempre provocato questo fatto; sono parte della storia della mia famiglia; sono parte della storia della mia comunità; sono parte anche, della storia dell’Azione Cattolica. Queste appartenenze determinano il mio modo di camminare nella storia: più sono consapevole più dunque mi impegno affinché la traccia che lascio sia significativa, coerente e vera.
 
Il mio essere aderente all’AC mi rende uno dei tanti tasselli preziosi del grande mosaico associativo ed ecclesiale. Lo sono, innanzitutto, con la tessera: essa rappresenta la mia volontà di dire “sì” ad un cammino formativo, ad una storia associativa, al radicamento nella mia comunità parrocchiale.
 
Sono un tassello anche perché posso esprimere, in modo democratico, con il mio voto, la preferenza per le persone che guidano l’associazione… Non c’è luogo più privilegiato di democraticità, di condivisione, di corresponsabilità, della assemblea elettiva, che si svolge ogni tre anni nelle nostre parrocchie. Ecco allora l’importanza di vivere in pienezza questo momento.
 
Infine, da presidente parrocchiale, non mi spendo solo per il bene dell’Azione Cattolica, ma stando di diritto dentro al Consiglio Pastorale, cammino con tutta la mia comunità.
L’assemblea è di fatto un grande impegno nell’itinerario associativo dell’Azione Cattolica, ma sempre e comunque, una grande opportunità che l’AC si è data per rendere più viva l’associazione all’interno e con le comunità parrocchiali. Perché permette di interrogarsi continuamente sui passi da compiere, con scadenza fissa, triennale. Perché in questo modo garantisce un provvidenziale ricambio generazionale. Perché, nell’avvicendamento dei responsabili, favorisce la crescita umana e di fede di tante persone. Perché tutto avviene grazie alla rete preziosa di relazioni sulla quale l’associazione poggia il suo operare. Perché si mettono insieme ragazzi, giovani e adulti e si prendono cura gli uni degli altri.
 
Al termine di un triennio sento la responsabilità di questo momento, di questo passaggio della nostra storia. Accompagnare adeguatamente le persone che ci sono state affidate verso l’assemblea Elettiva diventa allora, innanzitutto, un motivo di affidamento nella preghiera.
 
Il presidente parrocchiale, e i responsabili accompagnano infatti tutta l’associazione verso l’assemblea, per cogliere l’importanza di questo momento; nulla deve essere lasciato al caso ma tutto deve essere pensato e curato. Soprattutto nell’ascolto e nel confronto reciproco. I “Sì” e i “No” che le persone elette esprimeranno durante l’assemblea sono determinati dal modo in cui sono state coinvolte, ascoltate ed accompagnate nelle scelte. Una responsabilità in Azione Cattolica non è scontata, solo perché si è presenti, solo perché si fa parte di un gruppo o perché si è animatori o educatori. Si diventa responsabili se si è pronti a dire di Sì. Se si è consapevoli del servizio da compiere e si è pronti ad accogliere la sfida: la sfida cioè a fidarsi e affidarsi al Signore per accompagnare il cammino di altre persone verso Lui. Si diventa anche responsabili, e credo non sia banale, perché in quell’attimo di storia si è la persona giusta per ciò che l’associazione sarà chiamata a vivere: la fatica di rinnovare un impegno nel quotidiano, un maggiore radicamento nelle scelte fondanti, l’entusiasmo associativo, la volontà di camminare insieme con e nella diocesi per la parrocchia.
 
Buon cammino assembleare allora; che sia davvero un cammino ricco della Grazia del Signore, per la mia parrocchia, e per tutte le associazioni parrocchiali della diocesi.

 
di Michele Nadal
L’Azione, 1 dicembre 2013