VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

gennaio 2020
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031EC

NEWS ACVV

Consiglio diocesano
Alle date già stabilite in calendario si aggiunge un incontro del consiglio diocesano giovedì 9 gennaio 2020, alle 20.30, nell'oratorio di Lutrano. All'OdG l'approvazione del bilancio 2018/19.

Orchestriamo la Pace
Anche quest'anno l'Azione Cattolica di Vittorio Veneto propone una serata in cui giovani e adulti si scambiano idee e speranze di pace attraverso i segni e i suoni del mondo musicale. L'appuntamento Orchestriamo la Pace, giunto alla sua nona edizione, è sabato sera 11 gennaio 2020, nell'aula magna del Seminario a Vittorio Veneto.

Assemblee foraniali
Seconda tappa del percorso verso la XVII assemblea elettiva, nel mese di gennaio vengono eletti i cordinamenti foraniali. Queste le date fin qui stabilite: forania Sacilese venerdì 10 gennaio a Sacile; forania La Vallata, lunedì 13 gennaio a Valmareno; forania Opitergina, lunedì 13 gennaio ad Oderzo; forania La Colonna, lunedì 13 gennaio a Vazzola; forania Mottense, venerdì 17 gennaio, a Cessalto. Per tutti: inizio alle 20.30.

Percorso etico
Secondo incontro del percorso etico 2019/2020 "Abitare la vita. Dal concepimento alla morte naturale". L'appuntamento è ad Oderzo, sala del Campanile, giovedì 23 gennaio, ore 20.30. Sul tema: "Le buone pratiche di chi accoglie, cura e accompagna la vita" intervengono suor Carmelita Follador della Casa Mater Dei di Vittorio Veneto, Francesco Benazzi, direttore generale AULSS 2 Marca Trevigiana, Paola Paiusco, direttore UOC Cure Palliativa AULSS 2, Maria Eufrasia Valori, vice presidente ADVAR Treviso. Coordina Marco Zabotti, direttore scientifico Istituto Beato Toniolo. Le vie dei Santi.

EVENTI

Cammino Assembleare 2020 Orchestriamo la Pace 2020 Mini-Campo 18enni e Giovani 2019 ACRcinquanta AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Instagram AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

LETTERA DEL VESCOVO AI GIOVANI

“I care about… you!”

 
Chi di noi nell’ultimo anno ha ricevuto una lettera da un familiare o da un amico? Immagino che le mani alzate non siano state molte. Effettivamente non scopriamo certo oggi che la scrittura “estesa” è pressoché sparita dal panorama della comunicazione giovanile, ma non solo. Le proprie sensazioni, emozioni, esperienze viaggiano nello spazio di un tweet, di un post, di un paio di messaggi di testo. E allora che senso ha, vi chiederete, scrivere una lettera?
È un’operazione archeologico-nostalgica o nasconde un significato più profondo? È innanzitutto una prova di attenzione e interesse che il mittente regala al destinatario, investendo del tempo (risorsa preziosa in quanto, ahi noi, non rinnovabile) nel comunicargli ciò che sente, ciò che si augura, ciò che in un dato momento ha attraversato i suoi pensieri. Nel caso del Vescovo Corrado i suoi pensieri siamo… noi!
 
Noi giovani che ci troviamo a essere tali in una congiuntura storica che rende difficile continuare a sognare, desiderare, entusiasmarsi, pregare… Insomma rende difficile essere giovani! Continuando a manifestare una cura davvero particolare nei nostri confronti il Vescovo raggiunge anche quest’anno noi giovani con una lettera per farci sentiti amati, pensati, curati per il “semplice” fatto che siamo inseriti nel progetto di Dio. Le lettere sono anzi due, una per i giovani under 20, che sono alla ricerca del loro posto nel mondo mentre ancora stanno prendendo forma e una per quelli che hanno superato questa età e si trovano vivere la difficoltà di dover fare i conti con l’ambiente del lavoro e di raggiungere le proprie aspirazioni familiari e personali.
 
L’invito che il Vescovo ci fa è quello di non lasciarci rubare la speranza, di essere consapevoli che «accogliere Gesù Cristo è davvero quella via che può realizzare quel cambiamento che anche tu desideri per la tua vita e per il mondo». Fa risuonare nella nostra coscienza dei grandi interrogativi: che cosa ti sta a cuore? Che cosa ti spinge a dedicare del tempo? Che cosa ti interessa? A me, scrive il Vescovo, interessi tu, con la tua vita, i tuoi pensieri, i tuoi sogni. E interessi anche a Dio, che incarnandosi ha cambiato il corso della Storia (anche della tua!) e non smette di parlare al nostro cuore. Abbiamo ancora la capacità di farci interrogare, provocare, entusiasmare, interessare dal messaggio del Vangelo? Il Vescovo, sulla base anche della Visita Pastorale, pensa di sì. E tu?

 
di Fabio Vettorello
8 dicembre 2013