VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Domenica 25 Giugno

NEWS ACVV

Campi Estate 2017
Mercoledì 14 giugno si apre l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo che vede la presenza di 58 ragazzi di quarta e quinta elementare. Provenienti da 17 parrocchie, conosceranno da vicino le vicende di Davide, cantautore di Dio. Saranno guidati dal capocampo Daniele e dall'assistente don Adriano, con Lorenzo come cuoco e Stefano capocasa. Mercoledì 21 giugno è partito il secondo campo dell'estate che vede la presenza di 81 ragazzi di prima e seconda media, provenienti da 25 parrocchie. Sono guidati dalla capocampo Silvia, dall'assistente don Angelo, con Lisetta cuoca e Nicolò capocasa. Mercoledì 28 giugno 85 bambini di quarta e quinta elementare riempiranno Casa Cimacesta per il loro camposcuola. Provenienti da 16 parrocchie avranno Stella come capocampo, don Federico assistente, Annarita cuoca e Valerio capocasa.

Nuovo indirizzo email
Il nuovo indirizzo di posta elettronica dell'Azione Cattolica diocesana che è: "segreteria@acvittorioveneto.it". Sostituisce il precedente.

EVENTI

#AC150FuturoPresente Chi Ama Educa 2017 Tempo Estate Eccezionale 2017 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

PROFESSIONE PERPETUA DI SUOR ALESSANDRA

Grazie per essere pietra viva

 
Suor Alessandra, che ha fatto la professione perpetua come suora di carità “Maria Bambina” domenica 24 novembre scorso, racconta cosa ha significato nella sua storia l’incontro con l’AC .
 
«Quelli che troverete, chiamateli»: la frase evangelica che segna il cammino dell’Azione Cattolica in quest’anno associativo esprime anche l’inizio della mia esperienza nell’associazione, in quanto anch’io sono stata trovata e chiamata: una mia compagna di classe in terza media, infatti, mi invitò a partecipare al camposcuola diocesano quattordicenni, aprendomi così la porta di quella bellissima stanza che l’Ac è nella grande casa della Chiesa.
 
Il camposcuola era per me una realtà del tutto nuova, in quanto non avevo mai fatto l’esperienza di una settimana di vita comune con coetanei, né di un gruppo diverso dalla classe di scuola o di catechismo; è stato perciò una provocazione, non priva di fatiche e timori. Forse sperimentavo in modo più forte l’uscire da me stessa e l’essere messa in gioco; dico “essere messa” perché quando sei al camposcuola sei effettivamente “in campo”, l’altro ti è accanto e ti provoca a una risposta, ti lancia la sfida della relazione, con lui e con te stessa, ti stimola a “metterti” in gioco attivamente, a prendere parte, a scoprire le tue carte. In quell’occasione ho avvertito quella provocazione come scomoda, ma probabilmente qualcosa di vero stava bussando alla mia vita, qualcosa a cui sentivo in qualche modo di dover rispondere se, pur non avendo in parrocchia un gruppo giovanissimi di appartenenza, l’anno dopo decisi di partecipare ancora al camposcuola; così la strada del coinvolgimento era intrapresa.
 
È l’immagine delle “pietre vive” che ha segnato un passaggio decisivo nel mio cammino: nel mio secondo campo giovanissimi mi sono sentita spinta ad impegnarmi come pietra viva nella comunità e, al ritorno, insieme a un’amica, mi sono proposta al parroco come educatrice ACR, ricevendo una risposta piena di entusiasmo e fiducia. Da quel momento ho potuto conoscere sempre di più l’associazione, allargare e approfondire le relazioni, assumerne più consapevolmente gli impegni, apprezzarne maggiormente la passione per le persone e per la Chiesa.
 
Riprendendo l’immagine della stanza e della casa, posso dire che l’Ac è stata per me esperienza di relazioni, come quelle che si vivono o si dovrebbero vivere in casa, cioè vere, profonde, che fanno crescere. Non posso allora che ringraziare il Signore per le persone che ho incontrato, le amicizie nate e coltivate nel tempo e che, nonostante le strade si siano divise, rimangono; Lo ringrazio per gli educatori e gli assistenti che mi hanno mostrato il volto di cristiani gioiosamente impegnati a camminare insieme nella fede e a collaborare alla costruzione della Chiesa; Lo ringrazio, infine, perché nell’Ac ho incontrato chi mi ha guidato con pazienza e saggezza nel discernimento vocazionale, aprendomi la strada che mi ha condotto ad abbracciare il dono di essere suora di carità.
Questo ventaglio di relazioni lascia intravedere anche altre due dimensioni che l’Ac mi ha dato la possibilità di coltivare: la relazione con il Signore Gesù e quella con me stessa; del resto, questi tre aspetti sono sempre intrecciati e crescono insieme. L’Ac è stata, infatti, anche luogo di preghiera, di condivisione della fede, di ascolto del mio cuore e di confronto per decifrarne i desideri, le inquietudini, le spinte, le passioni.
 
L’Ac è stata una grande esperienza e palestra di ecclesialità; essere nella chiesa locale cristiani sempre in formazione, per collaborare con i pastori al bene di tutta la comunità è una tensione, un impegno che ho intensamente respirato e gustato e che ho ritrovato in seguito anche nei giovani e negli adulti della parrocchia in cui ho vissuto la prima esperienza come suora. Questo senso di Chiesa è un cuore veramente “cattolico”, cioè aperto a tutti, è una mano laboriosa nel costruire, è il grembiule (per usare un’immagine di don Tonino Bello) di chi si mette a servizio del sogno di Dio di fare di tutti gli uomini l’unica famiglia dei Suoi figli.
 
Grazie, Azione Cattolica, per avermi insegnato che siamo tutti “pietre vive” e perché anche per merito tuo oggi posso gioire e benedire il Signore per aver trovato la strada in cui esserlo secondo il Suo progetto! Ti auguro di essere fedele al sogno che Egli ha oggi su di te, di continuare a chiamare tutti quelli che trovi, specialmente se ai margini delle strade, e con loro collaborare all’edificazione del Regno.

 
di Sr alessandra uliana
L’Azione, 8 dicembre 2013