VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Domenica 24 Giugno

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

JORGE MARIO BERGOGLIO ELETTO PAPA

Grazie Papa Francesco

 
L’annuncio delle dimissioni di Benedetto XVI è giunto inatteso, come fulmine a ciel sereno.
A chi mi chiedeva che cosa ne pensassi ho sempre risposto che bisognava pregare molto, invocare lo Spirito Santo perchè custodisse il papa emerito ed illuminasse i cardinali elettori nella scelta.
 
Durante l’attesa spesso sono stata sollecitata a fare il “toto papa”, a dire chi avrei voluto vedere rivestire i panni del successore di Pietro.
Fino all’ultimo mi sono sforzata di indicare solo i tratti di un profilo: espressione dell’universalità della Chiesa, pensiero rigoroso unito ad un’umanità che facesse trasparire e rimandare a Gesù Cristo, incarnato, morto e risorto per amore dell’umanità.
 
Quando mercoledì scorso è apparso alla loggia delle benedizioni papa Francesco ho riconosciuto in lui questi tratti. Prima di tutto un uomo che saluta con un buonasera, che ringrazia dell’accoglienza, che augura buon riposo.
Un vescovo, pastore della sua Chiesa, alla quale chiede di essere benedetto prima di benedire.
 
Un papa che vuole camminare insieme a tutto il popolo di Dio, che indica la fratellanza come finalità prima della Chiesa.
Grazie papa Francesco, lo Spirito Santo ti è venuto a prendere quasi alla fine del mondo, ma ora sei qui con noi, ci hai subito riscaldato il cuore divenendo segno visibile di un Vangelo di speranza per tutti gli uomini e le donne di buona volontà.

 
di Francesca Zabotti
L’Azione, 24 marzo 2013