VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Sabato 20 Aprile
aprile 2019
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930EC

NEWS ACVV

ISCRIZIONI CAMPI ESTATE 2019
Sono aperte le iscrizioni ai campi per i ragazzi e i giovani iscritti all'Azione Cattolica. Vi attendiamo, nel desiderio di accogliere al meglio ogni richiesta di partecipazione ai campi, perché questo è l'obiettivo del Tempo Estate Eccezionale!

A Susegana adorazione eucaristica nella notte del Giovedì santo
Anche quest’anno l’Azione Cattolica di Susegana e Crevada propone l’Adorazione Eucaristica notturna, dopo la Messa del giovedì Santo, 18 aprile, nella chiesa di Susegana, dalle ore 22 alle 7 del mattino successivo. Il tema “Dio chiama chi ama..." aiuterà ad approfondire diversi episodi del Vangelo, in particolare alcune chiamate fatte da Gesù. Spunti e riflessioni sono proposti dai giovani.

Si riapre Casa Cimacesta
Al via, nei weekend 25-26 maggio e 1-2 giugno a Cimacesta, gli interventi per riaprire la Casa dell’Azione Cattolica diocesana. Chiunque volesse rendersi disponibile lo comunichi in ufficio. tel 0438.940374 o e-mail: segreteria@acvittorioveneto.it. Grazie.

EVENTI

Festa Unitaria 2019 - Sapore di Sale Estate Eccezionale 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Don Ilario Antoniazzi,
nuovo Vescovo di Tunisi

 
Abbiamo accolto con grande gioia la nomina a Vescovo di Tunisi, di don Ilario Antoniazzi, nostro sacerdote conterraneo.
Nel recente pellegrinaggio dell’Azione Cattolica in Terra Santa, lo abbiamo incontrato a Nazareth nella concelebrazione con mons. Marcuzzo e il nostro vescovo Corrado. Ci ha raccontato la sua testimonianza di parroco da molti anni di Rameh e da poco tempo responsabile delle scuole cattoliche del Patriarcato in Terra Santa.
 
Abbiamo apprezzato la sua semplicità, l’umiltà, la gioia di essere prete in luoghi difficili per la fede cristiana. Ci ha parlato con passione ed orgoglio delle “sue” scuole, aperte non solo ai cattolici, ma anche agli altri cristiani, ai musulmani e agli ebrei, dove tutti recitano quotidianamente il Padre Nostro e tutti ricevono in dono il Vangelo come ricordo del percorso scolastico.
 
In particolare ci ha raccontato di quella appena inaugurata, dopo un’odissea durata18 anni, a Rameh, la sua parrocchia, nel nord della Galilea, un paese di 8000 abitanti di cui il 51% cristiani, il 29% drusi e il 20% musulmani. La scuola, vero cuore pulsante della comunità, ha un ruolo fondamentale per l’unità dei suoi abitanti poiché non è solamente un luogo di apprendimento, ma di dialogo tra le religioni e la cultura, al servizio dell’uomo e della costruzione di ponti di amicizia e d’amore tra tutti. Abbiamo salutato don Ilario il 2 gennaio: forse custodiva già nel suo cuore la chiamata di Papa Benedetto.
 
Don Ilario, preghiamo per lei e per la popolazione che il Signore le ha affidato.
 
Arrivederci a Tunisi!

 
di Dante Dal Cin
L’Azione, 3 marzo 2013