VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

dicembre 2018
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31EC

NEWS ACVV

Veglia associativa
Venerdì 7 dicembre, alla vigilia della solennità dell’Immacolata, nella chiesa di Tezze di Piave, con inizio alle 20.30, presieduta dal Vescovo Corrado, ci sarà la Veglia associativa diocesana. Sono invitati giovani ed adulti, responsabili, educatori e quanti vogliono prepararsi con intensità alla festa dell’Immacolata.

8 dicembre, festa dell’adesione
Nel giorno dell’Immacolata l’Azione Cattolica celebra la giornata dell’adesione. Le associazioni parrocchiali festeggiano nei modi più diversi, ma il momento comune e più significativo resta la benedizione delle tessere durante la Santa Messa.

Incontro Coordinamento foraniale e presidenti di Conegliano e Vittorio Veneto
I presidenti parrocchiali e il coordinamento foraniale di Conegliano e Vittorio Veneto si incontrano con la presidenza diocesana martedì 11 dicembre, alle 20.30, nella parrocchia di San Rocco a Conegliano.

Convegno nazionale educatori
"Chiamati a scoprire il sapore" il tema del Convegno nazionale educatori Acr che si svolge a Roma dal 14 al 16 dicembre prossimi. Accompagnati da don Paolo Astolfo, assistente diocesano Acr, vi parteciperanno 5 educatori della nostra diocesi.

Minicampo invernale
"Sogna, vinci, scegli" il titolo del mini campo invernale per 18enni e giovani dai 19 ai 30 anni. Si svolge a Nebbiù, nella Casa Apina Bruno e Paola Mari da venerdì 28 a sabato 29 dicembre. E' una nuova opportunità per vivere insieme un momento di formazione e festa, anche alla luce del Sinodo appena concluso. Per info: Ufficio Ac 0438/940374; Mirko 349/0059503.

EVENTI

Sogna, Vivi, Scegli Sinodo dei Giovani 2018 Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

A GAIARINE, IL SALUTO DEL PRESIDENTE AC
AL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE

“Continuate a sostenere l’AC nella parrocchia!”

 
Saluto in occasione dell’ultimo Consiglio Pastorale al termine del mandato di presidenza parrocchiale dell’Azione Cattolica.
 
Egregi consiglieri,
era il 19 maggio del 2006 quando partecipai per la prima volta al consiglio pastorale della nostra parrocchia.
Lo feci da esterno, per proporre la nascita anche da noi di un gruppo di Azione Cattolica che aiutasse la parrocchia nelle sue attività pastorali.
Da allora sono passati più di sette anni, durante i quali ho partecipato a questo consiglio in quanto responsabile parrocchiale dell’associazione, ma il secondo e ultimo mandato termina in questi giorni, come da statuto, e sento il desiderio di congedarmi con questa nota.
La prossima volta al mio posto ci sarà un’altra persona, e questo mi da l’occasione per sottolineare come sia giusto e bello avere occasioni di ricambio anche in questo ambito; non dobbiamo avere paura, non dobbiamo sentirci insostituibili, siamo “servi inutili” nelle mani di colui che è unica sorgente di Speranza.
Questa con voi è stata un’esperienza che mi ha aiutato a crescere nel confronto e nel dialogo con gli altri, è stata un’esperienza di condivisione e di comunione.
Spero di aver dato anch’io un contributo positivo al consiglio.
Ma la mia personale esperienza è ben poca cosa rispetto a quello che è avvenuto in questi anni per merito delle tante persone che hanno creduto e credono in questo progetto; famiglie intere, singoli, giovani, ragazze e ragazzi che hanno costruito e condiviso un’esperienza ritenendola importante per tutta la parrocchia.
Con i suoi limiti, con tanta fatica, ma con entusiasmo e con tantissima buona volontà, il progetto è cresciuto ed ha coinvolto molte persone, di ogni età.
C’è senz’altro da migliorare, ne abbiamo parlato molte volte e ne parleremo ancora, ma il movimento creatosi ha portato sicuramente dei benefici alla comunità.
Pertanto tutte le persone che qui rappresento per l’ultima volta vi chiedono, e chiedono alla nostra parrocchia, di proseguire nel sostegno a questa associazione, di continuare a credere nel progetto, di aiutarci a radicarla nella comunità cristiana affinchè essa sia sempre più strumento efficace per i ragazzi, i giovani, e, speriamo con fede, gli adulti. Grazie a tutti.

 
di Stefano Andreetta
3 dicembre 2013