VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

A GAIARINE, IL SALUTO DEL PRESIDENTE AC
AL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE

“Continuate a sostenere l’AC nella parrocchia!”

 
Saluto in occasione dell’ultimo Consiglio Pastorale al termine del mandato di presidenza parrocchiale dell’Azione Cattolica.
 
Egregi consiglieri,
era il 19 maggio del 2006 quando partecipai per la prima volta al consiglio pastorale della nostra parrocchia.
Lo feci da esterno, per proporre la nascita anche da noi di un gruppo di Azione Cattolica che aiutasse la parrocchia nelle sue attività pastorali.
Da allora sono passati più di sette anni, durante i quali ho partecipato a questo consiglio in quanto responsabile parrocchiale dell’associazione, ma il secondo e ultimo mandato termina in questi giorni, come da statuto, e sento il desiderio di congedarmi con questa nota.
La prossima volta al mio posto ci sarà un’altra persona, e questo mi da l’occasione per sottolineare come sia giusto e bello avere occasioni di ricambio anche in questo ambito; non dobbiamo avere paura, non dobbiamo sentirci insostituibili, siamo “servi inutili” nelle mani di colui che è unica sorgente di Speranza.
Questa con voi è stata un’esperienza che mi ha aiutato a crescere nel confronto e nel dialogo con gli altri, è stata un’esperienza di condivisione e di comunione.
Spero di aver dato anch’io un contributo positivo al consiglio.
Ma la mia personale esperienza è ben poca cosa rispetto a quello che è avvenuto in questi anni per merito delle tante persone che hanno creduto e credono in questo progetto; famiglie intere, singoli, giovani, ragazze e ragazzi che hanno costruito e condiviso un’esperienza ritenendola importante per tutta la parrocchia.
Con i suoi limiti, con tanta fatica, ma con entusiasmo e con tantissima buona volontà, il progetto è cresciuto ed ha coinvolto molte persone, di ogni età.
C’è senz’altro da migliorare, ne abbiamo parlato molte volte e ne parleremo ancora, ma il movimento creatosi ha portato sicuramente dei benefici alla comunità.
Pertanto tutte le persone che qui rappresento per l’ultima volta vi chiedono, e chiedono alla nostra parrocchia, di proseguire nel sostegno a questa associazione, di continuare a credere nel progetto, di aiutarci a radicarla nella comunità cristiana affinchè essa sia sempre più strumento efficace per i ragazzi, i giovani, e, speriamo con fede, gli adulti. Grazie a tutti.

 
di Stefano Andreetta
3 dicembre 2013