VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

gennaio 2020
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031EC

NEWS ACVV

Consiglio diocesano
Alle date già stabilite in calendario si aggiunge un incontro del consiglio diocesano giovedì 9 gennaio 2020, alle 20.30, nell'oratorio di Lutrano. All'OdG l'approvazione del bilancio 2018/19.

Orchestriamo la Pace
Anche quest'anno l'Azione Cattolica di Vittorio Veneto propone una serata in cui giovani e adulti si scambiano idee e speranze di pace attraverso i segni e i suoni del mondo musicale. L'appuntamento Orchestriamo la Pace, giunto alla sua nona edizione, è sabato sera 11 gennaio 2020, nell'aula magna del Seminario a Vittorio Veneto.

Assemblee foraniali
Seconda tappa del percorso verso la XVII assemblea elettiva, nel mese di gennaio vengono eletti i cordinamenti foraniali. Queste le date fin qui stabilite: forania Sacilese venerdì 10 gennaio a Sacile; forania La Vallata, lunedì 13 gennaio a Valmareno; forania Opitergina, lunedì 13 gennaio ad Oderzo; forania La Colonna, lunedì 13 gennaio a Vazzola; forania Mottense, venerdì 17 gennaio, a Cessalto. Per tutti: inizio alle 20.30.

Percorso etico
Secondo incontro del percorso etico 2019/2020 "Abitare la vita. Dal concepimento alla morte naturale". L'appuntamento è ad Oderzo, sala del Campanile, giovedì 23 gennaio, ore 20.30. Sul tema: "Le buone pratiche di chi accoglie, cura e accompagna la vita" intervengono suor Carmelita Follador della Casa Mater Dei di Vittorio Veneto, Francesco Benazzi, direttore generale AULSS 2 Marca Trevigiana, Paola Paiusco, direttore UOC Cure Palliativa AULSS 2, Maria Eufrasia Valori, vice presidente ADVAR Treviso. Coordina Marco Zabotti, direttore scientifico Istituto Beato Toniolo. Le vie dei Santi.

EVENTI

Cammino Assembleare 2020 Orchestriamo la Pace 2020 Mini-Campo 18enni e Giovani 2019 ACRcinquanta AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Instagram AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Chi ben comincia…

 
In questi mesi tutte le parrocchie hanno dato il via all’attività dell’ACR con i primi incontri e con le feste del Ciao. Nella fase iniziale, gioca un ruolo fondamentale il modo in cui vengono invitati i ragazzi a partecipare al gruppo. Nei tratti distintivi dell’esperienza associativa offerta dall’Azione Cattolica, ci sono le relazioni che si creano tra i ragazzi e i loro coetanei, con gli educatori, con gli adulti e con la realtà comunitaria in cui vivono, sperimentando così la dimensione della fraternità, dell’amicizia e dei legami tra le persone.
 
Proprio in quest’ottica si è attivata la parrocchia di Menarè. Già da un paio d’anni gli educatori hanno adottato la modalità del “porta a porta”: chi prendendo una pausa dallo studio e chi un permesso dal lavoro, hanno suonato i campanelli e sono entrati nelle case dei ragazzi, dedicando una giornata intera all’invito all’ACR. In questo modo, oltre a consegnare il foglietto con le indicazioni scritte, hanno parlato direttamente con i ragazzi, i loro genitori e si sono fatti conoscere. Quest’anno poi, hanno esteso l’invito alla vicina parrocchia di Scomigo. «In quella parrocchia non c’è l’ACR, quindi abbiamo chiesto al parroco di invitare i ragazzi a partecipare – ci racconta Monica responsabile ACR di Menarè – consegnando a lui gli inviti in modo che potesse poi farli avere alle famiglie. Non conoscendoli personalmente ci sembrava un po’ troppo andare a suonare casa per casa. Li abbiamo invitati a partecipare alle attività di gruppo nella nostra parrocchia. La risposta è stata buona, oltre ai 37 ragazzi di Menarè se ne è aggiunto anche qualcuno di Scomigo».
 
Questa attenzione non si è fermata lì, ma è continuata con l’incontro “ACR sotto le stelle”, dove sono stati invitati i genitori dei ragazzi per far conoscere l’attività dell’Azione Cattolica, con l’aiuto di responsabili associativi diocesani. La collaborazione con le famiglie infatti è molto importante per l’esperienza educativa proposta dall’ACR. Creare delle relazioni con loro, consente di instaurare un rapporto di reciproca fiducia e permette di guardare all’interezza della vita del ragazzo. Insomma come dice un vecchio detto “chi ben comincia è a metà dell’opera”.

 
di Chiara Basei
L’Azione, 10 novembre 2013