VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

ISCRIZIONI CAMPI ESTATE 2019
Sono aperte le iscrizioni ai campi per i ragazzi e i giovani iscritti all'Azione Cattolica. Vi attendiamo, nel desiderio di accogliere al meglio ogni richiesta di partecipazione ai campi, perché questo è l'obiettivo del Tempo Estate Eccezionale!

A Susegana adorazione eucaristica nella notte del Giovedì santo
Anche quest’anno l’Azione Cattolica di Susegana e Crevada propone l’Adorazione Eucaristica notturna, dopo la Messa del giovedì Santo, 18 aprile, nella chiesa di Susegana, dalle ore 22 alle 7 del mattino successivo. Il tema “Dio chiama chi ama..." aiuterà ad approfondire diversi episodi del Vangelo, in particolare alcune chiamate fatte da Gesù. Spunti e riflessioni sono proposti dai giovani.

Si riapre Casa Cimacesta
Al via, nei weekend 25-26 maggio e 1-2 giugno a Cimacesta, gli interventi per riaprire la Casa dell’Azione Cattolica diocesana. Chiunque volesse rendersi disponibile lo comunichi in ufficio. tel 0438.940374 o e-mail: segreteria@acvittorioveneto.it. Grazie.

EVENTI

Festa Unitaria 2019 - Sapore di Sale Estate Eccezionale 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

IL CAPITELLO DI LILIANA ED EZIO

La fede all’opera

 
Ci sono gesti e segni di fede che hanno il timbro del ricordo e della memoria di persone care con cui abbiamo condiviso la vita: questo è il significato del capitello che Liliana ha fatto erigere nel giardino di casa a Ponte della Priula, dedicato a Maria, Regina della famiglia.
 
Ezio Battistella, suo sposo e padre di Carlo e Sara, è morto 2 anni fa; da allora Liliana ha custodito nel cuore un sogno incompiuto di Ezio: costruire, nella borgata dove abitano, un capitello che diventasse punto di riferimento per le famiglie e quel capitello doveva intitolarsi appunto a Maria Regina delle famiglie. Questo era un gesto che era cresciuto nel cuore di Ezio grazie alla sua dedizione e passione per la chiesa e la vita delle persone.
 
Era stato per tanti anni presidente parrocchiale di Ac e aveva sempre accompagnato questa appartenenza con gesti significativi di attenzione verso i malati e chiunque fosse nel bisogno. Il tema della famiglia era stata spesso al centro di tanti confronti negli anni di cammino del gruppo adulti di Ac e il Concilio gli era penetrato dentro le viscere anche grazie alle belle testimonianze di sacerdoti e laici che aveva incontrato.
 
L’esempio di uomini e donne che nella vita ordinaria hanno dato la vita secondo il Vangelo suscitava in lui sempre grande commozione e stimolo a fare altrettanto. Liliana, come la vedova nel Vangelo, non ha tanti mezzi ma tutto quello che ha decide, insieme ai figli, di metterlo a disposizione: cerca qualcuno che le possa dare una mano a costruire un piccolo capitello nel giardino di casa, dove non servono tante autorizzazioni, alimentata dalla stessa speranza di Ezio: che diventi occasione anche per le famiglie di oggi di riscoprire la bellezza dei piccoli gesti di fede.

 
di Carolina Sordon
L’Azione, 23 giugno 2013

 
 

TEMPO ESTATE ECCEZIONALE 2013

A Cimacesta, dal servizio la fede

 
 

Fede Word Clouds

 
La prima volta che mi è stato chiesto di prestare servizio a Cimacesta, dopo un’iniziale esitazione, ho sentito che quella decisione aveva un grande valore umano perché si trattava di vivere un’esperienza di comunità: mi sono affidato, ho ascoltato chi mi chiamava.
 
Nella vita giungono varie “chiamate”: a volte per fare scelte importanti, altre per semplici scelte quotidiane che lasciano comunque il segno e danno testimonianza della propria persona. Per rispondere bene a una chiamata bisogna che avvenga il movimento di “andare verso”, di uscire da sé, in una parola di affidarsi. Così è stato. Ho sperimentato come vivere dentro l’esperienza di Cimacesta, con tante persone che mettono al centro la relazione, nasca naturale quella fiducia che ti sostiene e senza la quale ti trovi solo, mentre così esisti attraverso l’altro.
 
Prestare il proprio servizio nella gratuità ti libera da molti vincoli e permette di creare forti legami tra persone che non si conoscono, persone che vogliono camminare insieme, creando così una grande ricchezza di sentimenti, una fraternità che abbraccia tutti. Riconosci nell’altro una risorsa, lo consideri degno di fiducia, perché vedi che vive con te, cercando attraverso il servizio, il bene. Si costruiscono legami che continuano nella vita delle persone, anche una volta tornati a casa.
 
Il servizio a Cimacesta genera fraternità e attenzione nei confronti dei ragazzi e di qualsiasi altra persona partecipi al campo; diventa non solo dare ma anche ricevere. E nel ricevere ci accorgiamo che siamo destinatari di una grazia che ci riempie il cuore oltre ogni aspetto umano. Gesù annunciava Dio come Padre e il suo Regno, facendo sperimentare alle persone che incontrava, in maniera molto semplice e diretta, la fede-fiducia che Dio ha verso l’uomo.
 
Il fondamento della fede cristiana è «l’incontro con un avvenimento, con una Persona che dà alla vita un nuovo orizzonte e con ciò la direzione decisiva».
Vogliamo, come Gesù, ridiventare più esperti del movimento del dare e ricevere fiducia, dentro la vita di tutti i giorni, per aprirci di nuovo al credere in Dio. La fede, come rapporto con Dio, si innesta e cresce dentro un cuore che sa vivere la fiducia nei confronti dell’altro e della vita.

 
di Graziano Salamon
L’Azione, 23 giugno 2013