VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

ISCRIZIONI CAMPI ESTATE 2019
Sono aperte le iscrizioni ai campi per i ragazzi e i giovani iscritti all'Azione Cattolica. Vi attendiamo, nel desiderio di accogliere al meglio ogni richiesta di partecipazione ai campi, perché questo è l'obiettivo del Tempo Estate Eccezionale!

A Susegana adorazione eucaristica nella notte del Giovedì santo
Anche quest’anno l’Azione Cattolica di Susegana e Crevada propone l’Adorazione Eucaristica notturna, dopo la Messa del giovedì Santo, 18 aprile, nella chiesa di Susegana, dalle ore 22 alle 7 del mattino successivo. Il tema “Dio chiama chi ama..." aiuterà ad approfondire diversi episodi del Vangelo, in particolare alcune chiamate fatte da Gesù. Spunti e riflessioni sono proposti dai giovani.

Si riapre Casa Cimacesta
Al via, nei weekend 25-26 maggio e 1-2 giugno a Cimacesta, gli interventi per riaprire la Casa dell’Azione Cattolica diocesana. Chiunque volesse rendersi disponibile lo comunichi in ufficio. tel 0438.940374 o e-mail: segreteria@acvittorioveneto.it. Grazie.

EVENTI

Festa Unitaria 2019 - Sapore di Sale Estate Eccezionale 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

ORDINAZIONE SACERDOTALE DI DON DOMENICO E DON PAOLO

Preti nell’Anno della Fede

 
Cari amici, sabato è iniziato il vostro cammino di preti, e come ben ha detto il nostro Vescovo, preti nell’anno della fede. Ed è proprio la fede che ci ha fatto incontrare e percorrere insieme un pezzo di strada.
 
Non ho potuto non ripensare ai momenti forti ed importanti che ho vissuto con voi: con don Domenico una settimana di camposcuola e con don Paolo, che è in servizio nella mia parrocchia, il cammino di preparazione dei ragazzi al sacramento della Cresima. Sono state esperienze in cui la grazia del Signore si è riversata su tutti noi e che hanno fatto emergere la bellezza del vostro sì convinto e gioioso alla Sua chiamata.
 
Vi confesso che la vostra determinazione in questa scelta di vita mi ha interrogato e provocato sulle mie scelte, e su quanto queste siano guidate e suggerite da Lui. Mi avete aiutato a capire che solo attraversando deserti, resistendo ai fiumi in piena della vita si può scoprire la grande gioia che si trova se si ha lo sguardo alla croce.
 
Con stupore ho colto il vostro stare in mezzo alle persone, piccoli e grandi, con gioia, come guide che indicano la vera via. Gli uomini di oggi hanno un grande bisogno di verità; hanno bisogno di fare discernimento nella confusione. L’umiltà con la quale state ed andate incontro ad ognuno è d’aiuto a me e lo sarà per tutte le persone che incontrerete nel vostro servizio.
 
So che con cura preparerete l’incontro con Lui in maniera sempre nuova, ma nello stesso tempo con quella “abitudinarietà” che è segno di fedeltà per qualcosa di vero e di bello. Non posso che ringraziare il Signore, perché due amici che si nutrono della Parola, oggi possono celebrare l’Eucarestia ogni giorno. Grazie per la freschezza e l’originalità con cui testimoniate e ci parlate di Gesù che in maniera speciale ha toccato le vostre vite.

 
di Antonella Bozzetto
L’Azione, 2 giugno 2013

 
 

PERCORSO “LA FEDE NELL’ARTE”

In viaggio tra fede e arte

 
Con la visita in notturna alla Basilica di San Marco si chiude il percorso annuale (alla riscoperta del nostro patrimonio d’arte).
 
Venezia città d’arte, ci accoglie sabato 25 maggio, immersa in un cielo che pare una tela. Nubi bianco-grigio cariche di pioggia si stagliano nel cielo. Nel canale una nave se ne va, metafora di “un viaggio di vita nella fede”, laddove, la visita alla Basilica di San Marco, è un tassello, posto a chiudere il mosaico del percorso annuale de “La fede nell’arte”.
 
Ci guida a conoscere il patrimonio artistico di questa “cappella ducale”, inizialmente riservata al culto delle famiglie dei Dogi, edificata tra il 1063 e il 1617, don Giorgio Maschio. La pianta della chiesa, a croce greca, le cappelle principali che consentono di leggere la storia della salvezza da est a ovest, ci presentano Cristo come “sole perpetuo” che, in Maria, la cui figura ci accoglie dal portale d’ingresso, si fa uomo, e “compagno di strada dell’uomo”, sino a diventare, nella storia, specchio con il quale anche i dogi erano chiamati a confrontarsi, modello da imitare nell’attività di governo della città.
 
Ogni scena dell’estesa superficie musiva della Basilica, 4000 mq. circa, è immersa nell’oro, simbolo della luce nella tradizione orientale, dà forma ad una catechesi per immagini, che, sin dall’atrio, riesce a collegare gli eventi e i personaggi dell’Antico Testamento – profeti, patriarchi, re – alla vicenda umana di Gesù – le tentazioni, il bacio di Giuda, la Passione, l’Ascensione, la Pentecoste – per raccontarne il “compimento”, tanto da diventare un ripetuto interrogativo: “che cosa è l’uomo perché te ne ricordi e il figlio dell’uomo perché te ne curi?” (Sal. 8).
 
La figura del Cristo Pantocratore ricorda il valore escatologico del suo annuncio, insegna a porci in dialogo con Dio sapendoci “creature”. Lo stesso invito ci viene dall’icona bizantina della “Madonna Nicopeia”, giunta a Venezia dopo la quarta crociata, che ci lasciamo alle spalle uscendo. E’ Lei il tassello che chiude un tratto della strada tra arte e fede, fede e arte.

 
di Valeria Biasotto
L’Azione, 2 giugno 2013