VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

GIUSEPPE TONIOLO

Verso la beatificazione

 
Sono ormai solo quindici giorni a separarci dal grande evento della Beatificazione di Giuseppe Toniolo, laico, sposo, padre e docente, al servizio della società il cui messaggio mantiene anche oggi tutta la sua freschezza, sia per la Chiesa che per la società italiana.
 
Ci piace pensare che le oltre 400 persone già iscritte che dalla nostra diocesi partiranno per Roma vivano l’orgoglio di accompagnare a questa grande festa un fratello nella fede che “ce l’ha fatta! Lui davvero ha saputo realizzare i talenti che il Signore aveva posto nelle sue mani e fare della sua vita un capolavoro” (Giovanni Paolo II).
 
E’ interessante guardare, soprattutto in questi giorni, ad una affermazione di Mons. Sorrentino, postulatore per la causa di beatificazione: “Toniolo seppe ‘interrogarsi’ di fronte agli eventi della sua generazione, da quelli economici a quelli politici, e seppe insieme ‘interrogare’ i suoi contemporanei, chiamandoli alla serietà dello studio e dell’azione. Di fronte allo scenario complesso e inquietante in cui ci siamo cacciati, dovremmo imitarlo nel porci con umiltà la domanda: ‘Dove abbiamo sbagliato? E da dove dobbiamo ricominciare?”
 
E di certo questo tempo pasquale e la concomitanza con questo momento di crisi aiuteranno quanti si recheranno a Roma a chiedere, per sua intercessione, la virtù della Speranza: ”Toniolo aveva paura proprio del crollo della speranza – aggiunge Mons. Sorrentino – ai cattolici riconosceva il compito di essere, per tutti, un ”serbatoio” di speranza, se non altro per la loro fede. Meglio ancora, per una fede vissuta anche nella concretezza dell’impegno storico. Sono perfettamente d’accordo con lui, nel ritenere che possiamo ripartire, e con speranza. Che egli, economista, venga beatificato nel pieno di una crisi economica mondiale, mi sembra di buon auspicio”.

 
di Diego Grando
L’Azione, 15 aprile 2012