VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

settembre 2018
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

NEWS ACVV

Chiusura per ferie dell'Ufficio
L'ufficio diocesano di Azione Cattolica di Vittorio Veneto chiude per ferie dal 10 al 21 settembre. Riaprirà regolarmente lunedì 24 settembre.

Avvio del nuovo anno associativo
Per vivere insieme e nella gioia l’inizio dell’anno associativo, questi gli appuntamenti: venerdì 28 settembre alle 20.30, a Conegliano, nelle aule parrocchiali di Madonna delle Grazie, la presentazione dei cammini formativi di adulti, giovani e ragazzi. Sabato 6 ottobre dalle 17.30 a Pieve di Soligo, Patronato Careni: SPIRIT HAPPENING, Happening diocesano dei giovani. sabato 6 ottobre alle 20.30, auditorium Battistella Moccia di Pieve di Soligo: Premio Giuseppe Toniolo III edizione. "Pace e cooperazione internazionale: il grande sogno di Giuseppe Toniolo, l'impegno quotidiano di uomini e donne di buona volontà". Domenica 7 ottobre alle 11.00, nel Duomo di Pieve di Soligo, solenne Celebrazione Eucaristica presieduta da S.Em. Mons. Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

Incontro di inizio anno del MSAC
Il Movimento studenti di Azione Cattolica è pronto per ripartire! Invitiamo tutti gli studenti che hanno a cuore la propria scuola e vogliono viverla in maniera attiva e propositiva all'incontro di inizio anno, sabato 22 settembre a Pieve di Soligo, Collegio Balbi, dalle 15.30 alle 17. Sarà un'occasione per conoscersi e far conoscere in modo divertente cos'è il MSAC, presentando anche le idee che abbiamo per il nuovo anno scolastico appena iniziato. Per info: Carlo 349/6927995; Federico 342/098697.

EVENTI

Sinodo dei Giovani 2018 Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Toniolo è beato!
La sua festa il 7 ottobre

 
Giuseppe Toniolo è finalmente beato! La proclamazione, attraverso la voce del cardinale Salvatore De Giorgi è arrivata alle 10.55, con questa formula: “Concediamo che il venerabile servo di Dio Giuseppe Toniolo, padre di famiglia, laico di Azione cattolica, sapiente educatore dei giovani nella ricerca della verità, testimone del regno di Dio nel campo della cultura, dell’economia e dell’economia ‘d’ora in poi sia chiamato beato e che si possa celebrare la sua festa nei luoghi e secondo le regole stabilite dal diritto, ogni anno il 7 ottobre, giorno in cui è nato al cielo”.
 
E la basilica di San Paolo fuori le Mura vè esplosa in un applauso di gioia, ricco di emozione. L’economista di Pieve di Soligo, l’ideatore delle Settimane sociali e fondatore dell’Università Cattolica, il padre di famiglia è da oggi nella schiera dei beati riconosciuti ufficialmente dalla Chiesa univesale. Le sue parole «Voglio farmi santo» assumono in questa giornata un significato tutto speciale, per la Chiesa tutta ma anche per l’Italia, che in un periodo di forte crisi economica vede la beatificazione di un economista, di uno che credeva in una economia dal volto umano.
 
Sono una decina i cardinali concelebranti, insieme al cardinale di Palermo Salvatore De Giorgi, che presiede la celebrazione. C’è il presidente della Cei Angelo Bagnasco e il cardinale emerito di Milano Dionigi Tettamanzi. Ci sono moltissimi vescovi, tra cui naturalmente l’assistente generale dell’Azione cattolica italiana monsignor Domenico Sigalini.
 
Ci sono anche autorità civili e personaggi del mondo della cultura, dal ministro della Salute Renato Balduzzi alla vicepresidente della Camera Rosi Bindi, dal senatore a vita Emilio Colombo a Giancarlo Abete, presidente della Federcalcio. E poi altri parlamentari, da Buttiglione a Casini.
 
Un momento particolarmente emozionante della cerimonia di beatificazione, quello in cui Francesco Bortolini, il giovane di Pieve di Soligo, paese natale anche di Giuseppe Toniolo, depone le reliquie del nuovo beato accanto all’altare. “Sono molto emozionato” ci ha detto Francesco prima della celebrazione. “Se sono qui è grazie a Giuseppe Toniolo, mi sento solo di dirgli grazie!” ha aggiunto.

 
di Ada Serra
AC Nazionale, 29 aprile 2012