VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2018
Mercoledì 13 giugno è iniziata l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo con la presenza di più di 80 ragazzi. E' un campo "doppio" ovvero bambini delle prime tre classi elementari ( i sei/otto) e ragazzi di quarta e quinta elementare condivideranno lo spazio e i momenti comuni, ma faranno un percorso specifico in base all'età.18 sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Daniele Bolpet capocampo, don Paolo Astolfo assistente, Lorenzo Rizzi cuoco,e Michela Pasini e Olivo Bazzo capicasa. Mercoledì 20 giugno è iniziato un campo di prima e seconda media con la presenza di più di 80 ragazzi. Il percorso formativo, dal titolo "#iostoconGesù", vuole aumentare la conoscenza e la relazione non solo con il Signore, ma anche tra tutti i ragazzi presenti. Attenzione particolare verrà dato al contatto con la natura e all'uso del tempo, aiutando i partecipanti a non sprecarlo ma a valorizzarlo in autonomia. Il gioco sarà strumento assiduo ed indispensabile in ogni giornata. Venti sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Elisabetta Grazian capocampo, don Angelo Arman assistente, Erminia Della Bella cuoca e Valerio De Rosso capocasa. Il vescovo Corrado celebrerà la messa domenica 17 giugno con i genitori e i familiari dei ragazzi presenti. Mercoledì 27 giugno al via un campo di quarta e quinta elementare con la presenza di 84 ragazzi. Ventitre sono le parrocchie di provenienza, una decina gli educatori con Silvia Tubiana capocampo, don Adriano Zanette assistente, Franca Muner cuoca e Fanny Mion capocasa.

EVENTI

Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

Shahbaz, ricordo di un amico

 
Di Shahbaz Bhatti in questi giorni abbiamo sentito parlare molto, tanto che riprendendo in mano i fili della sua esistenza mi è sembrato quasi di ricordare un amico di vecchia data. Eppure è passato ormai un anno dalla sua tragica scomparsa. Ma che significato ha per noi rileggere la vita di questo cristiano che ha pagato con la morte il suo essere fedele a Cristo?
Shahbaz fin da giovanissimo ha deciso di non volersi risparmiare di fronte alle insidie della società che lo circondava, quel Pakistan che purtroppo sentiamo nominare più per gli episodi di intolleranza religiosa che per la sua bellezza culturale e naturale. È stato un uomo che si è battuto per i diritti dei più deboli e bisognosi d’aiuto, affrontando il problema sempre in modo non violento e trovando possibilità di dialogo in situazioni disperate, come ad esempio la raccolta di auti in seguito al terremoto avvenuto nel suo Paese nel 2005.
È stato un Politico con la p maiuscola, una persona capace di mettersi a servizio, onorando una responsabilità ricevuta, senza cercare favori personali. Ha dedicato la sua vita a migliorare la situazione delle minoranze religiose, non solo quella cristiana, in un Paese dove esse di fatto vengono sottoposte a forti pressioni e minacce a causa dall’intolleranza. Ha sperato con tutto il cuore di lasciare un Pakistan migliore di quello che aveva trovato, in cui fosse finalmente possibile vivere liberamente e pacificamente, conoscendosi e non evitandosi, in particolare per quei poveri di tutte le fedi che ogni giorno bussavano alla sua porta.
Ma Shahbaz è stato soprattutto un cristiano che ha saputo essere fedele nella prova, sempre consapevole dei rischi che la sua vocazione comportava, desideroso di imitare quel Cristo che amava a costo della sua stessa vita. A volte si dice che alla nostra esperienza di cristiani contemporanei manchino figure di riferimento, persone che sappiano infiammare l’immaginazione come una specie di supereroi: ebbene qui non c’è un supereroe; c’è solo un semplice uomo, che attraverso la fede ha fatto della sua esistenza un vero e proprio capolavoro.
Con i bambini dell’ACR, l’Azione Cattolica diocesana ha impostato l’operazione SIP di quest’anno proprio a favore della fondazione Bhatti: quale segno più bello che siano proprio dei bambini, gli indifesi, tra i primi a contribuire all’opera di carità cristiana intrapresa da Shahbaz?

 
di Manuel Faccin
L’Azione, 11 marzo 2012