VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

dicembre 2018
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31EC

NEWS ACVV

Veglia associativa
Venerdì 7 dicembre, alla vigilia della solennità dell’Immacolata, nella chiesa di Tezze di Piave, con inizio alle 20.30, presieduta dal Vescovo Corrado, ci sarà la Veglia associativa diocesana. Sono invitati giovani ed adulti, responsabili, educatori e quanti vogliono prepararsi con intensità alla festa dell’Immacolata.

8 dicembre, festa dell’adesione
Nel giorno dell’Immacolata l’Azione Cattolica celebra la giornata dell’adesione. Le associazioni parrocchiali festeggiano nei modi più diversi, ma il momento comune e più significativo resta la benedizione delle tessere durante la Santa Messa.

Incontro Coordinamento foraniale e presidenti di Conegliano e Vittorio Veneto
I presidenti parrocchiali e il coordinamento foraniale di Conegliano e Vittorio Veneto si incontrano con la presidenza diocesana martedì 11 dicembre, alle 20.30, nella parrocchia di San Rocco a Conegliano.

Convegno nazionale educatori
"Chiamati a scoprire il sapore" il tema del Convegno nazionale educatori Acr che si svolge a Roma dal 14 al 16 dicembre prossimi. Accompagnati da don Paolo Astolfo, assistente diocesano Acr, vi parteciperanno 5 educatori della nostra diocesi.

Minicampo invernale
"Sogna, vinci, scegli" il titolo del mini campo invernale per 18enni e giovani dai 19 ai 30 anni. Si svolge a Nebbiù, nella Casa Apina Bruno e Paola Mari da venerdì 28 a sabato 29 dicembre. E' una nuova opportunità per vivere insieme un momento di formazione e festa, anche alla luce del Sinodo appena concluso. Per info: Ufficio Ac 0438/940374; Mirko 349/0059503.

EVENTI

Sogna, Vivi, Scegli Sinodo dei Giovani 2018 Toniolo 100 #TempoEstateEccezionale2018 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

CAMPISCUOLA: LA PROPOSTA PER I RAGAZZI DI 4^-5^ ELEMENTARE

Pietro vieni, seguimi!

 
Ebbene si, quest’anno sarà San Pietro ad accompagnare i ragazzi di quarta e quinta elementare nel percorso formativo proposto durante i campiscuola Acr.
Come Gesù invitò Pietro a seguirlo allora, così oggi, proprio attraverso la figura di Pietro, chiama i ragazzi a seguirne le orme.
 
Ma perché scegliere proprio San Pietro a fare da guida a ragazzi di 9-10 anni?
San Pietro non ha avuto una vita facile! Il Maestro lo ha chiamato e gli ha chiesto di seguirlo con una proposta fuori dalla normalità, ma Pietro ha avuto fiducia, ha lasciato tutto ed è diventato suo discepolo. Certo lo ha anche rinnegato e non una, ma ben tre volte!
 
Guardando la sua storia e conoscendolo nella sua umanità, si capiscono le sue debolezze, i suoi dubbi e le sue paure. Queste fragilità sono poi diventate la sua forza, grazie all’amore, al perdono e alla fiducia che Gesù ha riposto in lui. Le debolezze di Pietro sono uguali alle nostre, proprio per questo ci assomiglia molto.
 
Le difficoltà e gli ostacoli che si mettono sul nostro cammino sono gli stessi che ha incontrato lui. È stato uno dei migliori amici di Gesù, eppure lo ha rinnegato e dal suo pentimento è nato il perdono. Pietro è la dimostrazione del fatto che errare è umano ma nel momento stesso in cui riconosciamo di aver sbagliamo,Lui ci ha già perdonato.
 
Anche noi, insieme ai ragazzi, dovremmo imparare a perdonare, e forse questo è l’ostacolo più alto da abbattere, ma così possiamo diventare “amici di Pietro” e di conseguenza “amici di Gesù”.
Saremo suoi discepoli, il suo amore infinito ci aiuterà a compiere piccoli e grandi miracoli, ogni giorno, con gli amici, in famiglia. Aiutati dalla preghiera riusciremo ad arrivare a chi ancora non ha la vera gioia, la felicità che solo Dio dona.
 
Il campo per i ragazzi sarà l’inizio di un cammino in salita, su una strada non sempre dritta, con ostacoli e prove da superare, in cui loro potranno essere “portatori sani” della Buona Novella.
San Pietro ci fa proprio puntare in alto, ma a noi piace così perché sappiamo che la strada in salita poi apre a paesaggi mozzafiato. E allora FIDIAMOCI!

 
di Francesca Cenedese
L’Azione, 24 giugno 2012