VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Domenica 25 Giugno

NEWS ACVV

Campi Estate 2017
Mercoledì 14 giugno si apre l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo che vede la presenza di 58 ragazzi di quarta e quinta elementare. Provenienti da 17 parrocchie, conosceranno da vicino le vicende di Davide, cantautore di Dio. Saranno guidati dal capocampo Daniele e dall'assistente don Adriano, con Lorenzo come cuoco e Stefano capocasa. Mercoledì 21 giugno è partito il secondo campo dell'estate che vede la presenza di 81 ragazzi di prima e seconda media, provenienti da 25 parrocchie. Sono guidati dalla capocampo Silvia, dall'assistente don Angelo, con Lisetta cuoca e Nicolò capocasa. Mercoledì 28 giugno 85 bambini di quarta e quinta elementare riempiranno Casa Cimacesta per il loro camposcuola. Provenienti da 16 parrocchie avranno Stella come capocampo, don Federico assistente, Annarita cuoca e Valerio capocasa.

Nuovo indirizzo email
Il nuovo indirizzo di posta elettronica dell'Azione Cattolica diocesana che è: "segreteria@acvittorioveneto.it". Sostituisce il precedente.

EVENTI

#AC150FuturoPresente Chi Ama Educa 2017 Tempo Estate Eccezionale 2017 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

CAMPISCUOLA: LA PROPOSTA PER I RAGAZZI DI 4^-5^ ELEMENTARE

Pietro vieni, seguimi!

 
Ebbene si, quest’anno sarà San Pietro ad accompagnare i ragazzi di quarta e quinta elementare nel percorso formativo proposto durante i campiscuola Acr.
Come Gesù invitò Pietro a seguirlo allora, così oggi, proprio attraverso la figura di Pietro, chiama i ragazzi a seguirne le orme.
 
Ma perché scegliere proprio San Pietro a fare da guida a ragazzi di 9-10 anni?
San Pietro non ha avuto una vita facile! Il Maestro lo ha chiamato e gli ha chiesto di seguirlo con una proposta fuori dalla normalità, ma Pietro ha avuto fiducia, ha lasciato tutto ed è diventato suo discepolo. Certo lo ha anche rinnegato e non una, ma ben tre volte!
 
Guardando la sua storia e conoscendolo nella sua umanità, si capiscono le sue debolezze, i suoi dubbi e le sue paure. Queste fragilità sono poi diventate la sua forza, grazie all’amore, al perdono e alla fiducia che Gesù ha riposto in lui. Le debolezze di Pietro sono uguali alle nostre, proprio per questo ci assomiglia molto.
 
Le difficoltà e gli ostacoli che si mettono sul nostro cammino sono gli stessi che ha incontrato lui. È stato uno dei migliori amici di Gesù, eppure lo ha rinnegato e dal suo pentimento è nato il perdono. Pietro è la dimostrazione del fatto che errare è umano ma nel momento stesso in cui riconosciamo di aver sbagliamo,Lui ci ha già perdonato.
 
Anche noi, insieme ai ragazzi, dovremmo imparare a perdonare, e forse questo è l’ostacolo più alto da abbattere, ma così possiamo diventare “amici di Pietro” e di conseguenza “amici di Gesù”.
Saremo suoi discepoli, il suo amore infinito ci aiuterà a compiere piccoli e grandi miracoli, ogni giorno, con gli amici, in famiglia. Aiutati dalla preghiera riusciremo ad arrivare a chi ancora non ha la vera gioia, la felicità che solo Dio dona.
 
Il campo per i ragazzi sarà l’inizio di un cammino in salita, su una strada non sempre dritta, con ostacoli e prove da superare, in cui loro potranno essere “portatori sani” della Buona Novella.
San Pietro ci fa proprio puntare in alto, ma a noi piace così perché sappiamo che la strada in salita poi apre a paesaggi mozzafiato. E allora FIDIAMOCI!

 
di Francesca Cenedese
L’Azione, 24 giugno 2012