VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

gennaio 2020
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031EC

NEWS ACVV

Consiglio diocesano
Alle date già stabilite in calendario si aggiunge un incontro del consiglio diocesano giovedì 9 gennaio 2020, alle 20.30, nell'oratorio di Lutrano. All'OdG l'approvazione del bilancio 2018/19.

Orchestriamo la Pace
Anche quest'anno l'Azione Cattolica di Vittorio Veneto propone una serata in cui giovani e adulti si scambiano idee e speranze di pace attraverso i segni e i suoni del mondo musicale. L'appuntamento Orchestriamo la Pace, giunto alla sua nona edizione, è sabato sera 11 gennaio 2020, nell'aula magna del Seminario a Vittorio Veneto.

Assemblee foraniali
Seconda tappa del percorso verso la XVII assemblea elettiva, nel mese di gennaio vengono eletti i cordinamenti foraniali. Queste le date fin qui stabilite: forania Sacilese venerdì 10 gennaio a Sacile; forania La Vallata, lunedì 13 gennaio a Valmareno; forania Opitergina, lunedì 13 gennaio ad Oderzo; forania La Colonna, lunedì 13 gennaio a Vazzola; forania Mottense, venerdì 17 gennaio, a Cessalto. Per tutti: inizio alle 20.30.

Percorso etico
Secondo incontro del percorso etico 2019/2020 "Abitare la vita. Dal concepimento alla morte naturale". L'appuntamento è ad Oderzo, sala del Campanile, giovedì 23 gennaio, ore 20.30. Sul tema: "Le buone pratiche di chi accoglie, cura e accompagna la vita" intervengono suor Carmelita Follador della Casa Mater Dei di Vittorio Veneto, Francesco Benazzi, direttore generale AULSS 2 Marca Trevigiana, Paola Paiusco, direttore UOC Cure Palliativa AULSS 2, Maria Eufrasia Valori, vice presidente ADVAR Treviso. Coordina Marco Zabotti, direttore scientifico Istituto Beato Toniolo. Le vie dei Santi.

EVENTI

Cammino Assembleare 2020 Orchestriamo la Pace 2020 Mini-Campo 18enni e Giovani 2019 ACRcinquanta AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Instagram AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

Le parole per dirlo…

 
Quante volte ci capita di non trovare le parole per dirlo… per dare voce a pensieri, sensazioni, emozioni?
Spesso, è davvero difficile dare un nome ai movimenti dell’anima, e corpo a idee convinte e consapevoli, ed è difficile comunicare tutto questo tanto più se si rimane in una dimensione logico-razionale che procede per schemi mentali rigidi ed è soggetta a pregiudizi e preconcetti che ne condizionano la rappresentazione e l’espressione.
In un setting laboratoriale di gruppo si attiva una sorta di energia circolare che muove sentimenti, trova tempo e luogo di ascolto il racconto di ciascuno agli altri, le immagini interne emergono e si manifestano in uno spazio espressivo accogliente e non giudicante. Ed ecco che ci si sposta da una dimensione razionale che blocca, trattiene, condiziona, e si viaggia in una dimensione altra, analogica, indiretta, dove la fantasia e la creatività offrono itinerari nuovi da percorrere ed esplorare, così che si può cercare e trovare altri significati, altre consapevolezze da comunicare, dire a se stessi e ai compagni di viaggio.
Nel gruppo, ci si incontra con lo sguardo, si trova posto nella narrazione reciproca, si dà forma e colore, e senso, a qualcosa di nuovo.
Nel gruppo, si ri-scopre quella parte “bambina” che è dentro di noi, tutti noi, sempre, ad ogni età, ed è il luogo dell’immaginario, della creatività, dello stupore e della gioia.
Per questo, nel percorso etico proposto dall’Azione Cattolica, sia il primo che il secondo incontro, sul tema della felicità l’uno, della pace e della giustizia l’altro presentati da mons. Luciano padovese, sono stati seguiti, in date successive, da laboratori esperienziali modulati secondo quanto detto sopra. Così, i tre gruppi che si sono formati hanno lavorato proficuamente, con un conduttore che ha “facilitato” le dinamiche comunicative ed espressive, lungo un itinerario che proponeva, come contenuti da esplorare, i contributi del relatore e alcuni passaggi di canti, preghiere, salmi e passi del Vangelo, collegati con il tema di riferimento. Alcune domande, poche (2/3), poste come imput hanno orientato lo sviluppo del lavoro, senza però costringere, chiudere, bloccare. Viceversa, i gruppi hanno proceduto dinamicamente, privilegiando la narrazione e l’ascolto nel primo laboratorio, l’espressione artistica e la rappresentazione grafica nel secondo.
E’ bello riportare qui i titoli dati ai lavori prodotti nel secondo laboratorio, un cartellone per ciascun gruppo, sintesi dei singoli contributi, messi assieme creativamente, partecipati e compartecipati:

  • “Il coraggio di impegnarsi”
  • “Giustizia è, prima di tutto, essere e sentirsi fratelli”
  • “Costruiamo la casa della giustizia, insieme, con misericordia, umiltà e responsabilità”

 
di Clelia Anna Abbruzzese
L’Azione, 29 gennaio 2012