VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

NEWS ACVV

Campi Estate 2019
Che l'Ac diocesana non vada in vacanza lo confermano i campi che si aprono ancora davanti: dal 7 al 14 agosto la settimana per adulti ed adultissimi, con una tre giorni dedicata in special modo alle famiglie, dall'11 al 14 di agosto. Dopo un breve spazio dedicato ad un tempo di distensione con l'Estiamo insieme, dal 19 al 26 agosto si avviano due campi in contemporanea, uno di 14/15enni e uno di giovanissimi. Si proseguirà poi con l'ultimo campo ACR, che prevede la presenza sia di ragazzi di prima e seconda media che di piccoli delle elementari. Il Campanac, dal 6 all'8 di settembre, tradizionale appuntamento di formazione per gli educatori, chiuderà il Tempo Estate Eccezionale 2019 per aprirsi al nuovo anno associativo 2019/2020.

EVENTI

Estate Eccezionale 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

VERSO IL CONVEGNO DIOCESANO – GRUPPI AL LAVORO

La riflessione dei consiglieri comunali di Codognè e Vazzola

 
Su invito dell’Azione Cattolica, martedì’ 10 gennaio a Vazzola si sono trovati per un secondo incontro i membri dei consigli comunali di Vazzola e Codogne’. Si erano in precedenza incontrati a Codogne’ il 29 novembre scorso per iniziare una riflessione sul secondo ambito del Convegno diocesano… con l’attenzione d’illuminare il loro servizio attraverso il confronto con la Parola, il Magistero, la Costituzione e l’ascolto di alcuni testimoni. Insieme a sindaci, assessori e consiglieri era presente il vicario generale, mons Martino Zagonel, che nella sintesi finale ha sottolineato alcuni aspetti emersi. Ha ribadito come sia stata una buona occasione di incontro, che permette di tessere relazioni, sperimentando un confronto pacato e vero pur tra persone con opinioni diverse.
Ha presentato poi la realtà della crisi attuale come opportunità per aiutare tutti a riscoprire quei valori autentici che sono alla base di una vita buona. Da questa stessa situazione di difficoltà nasce l’esigenza di un confronto per cercare e trovare insieme soluzioni nuove, orientate al bene di tutti; proposte che educhino le persone alla necessità dei “doveri” e non solo alla pretesa dei “diritti” per una convivenza civile e pacifica.
E’ emersa anche la domanda: che fare quando manca un progetto condiviso? Forse il trovarsi insieme in un clima di ascolto e rispetto reciproco aiuta nella ricerca di quel filo rosso che, partendo dalla sensibilità e storia di ciascuno, conduce a pensare strategie di “cura” per tutti, soprattutto per i più deboli.

 
L’Azione, 15 gennaio 2012