VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

Domenica 25 Giugno

NEWS ACVV

Campi Estate 2017
Mercoledì 14 giugno si apre l'estate nella Casa Cimacesta di Auronzo con il primo campo che vede la presenza di 58 ragazzi di quarta e quinta elementare. Provenienti da 17 parrocchie, conosceranno da vicino le vicende di Davide, cantautore di Dio. Saranno guidati dal capocampo Daniele e dall'assistente don Adriano, con Lorenzo come cuoco e Stefano capocasa. Mercoledì 21 giugno è partito il secondo campo dell'estate che vede la presenza di 81 ragazzi di prima e seconda media, provenienti da 25 parrocchie. Sono guidati dalla capocampo Silvia, dall'assistente don Angelo, con Lisetta cuoca e Nicolò capocasa. Mercoledì 28 giugno 85 bambini di quarta e quinta elementare riempiranno Casa Cimacesta per il loro camposcuola. Provenienti da 16 parrocchie avranno Stella come capocampo, don Federico assistente, Annarita cuoca e Valerio capocasa.

Nuovo indirizzo email
Il nuovo indirizzo di posta elettronica dell'Azione Cattolica diocesana che è: "segreteria@acvittorioveneto.it". Sostituisce il precedente.

EVENTI

#AC150FuturoPresente Chi Ama Educa 2017 Tempo Estate Eccezionale 2017 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

NEWS ACI

Corsivo

LA BEAUTY FARM DELL’ANIMA

 
Secondo me, quelle che chiamo intuizioni altro non sono che idee del Signore: perché è strano che riesca a cogliere l’intima essenza delle cose senza dover ricorrere al ragionamento! Ecco perché so che ciò che mi ha spinto a partecipare agli Esercizi Spirituali è stata un’intuizione! Al tempo, ricordo che ad ogni occasione i Responsabili proponevano questi Esercizi e pensavo: “Ci devo andare, potrebbe essere interessante!”; poi però, ragionandoci, concludevo: “Li faccio già in parrocchia, in Avvento e Quaresima, mi serve proprio un altro turno?!”; finché, una volta, ho lasciato che il mio intuito prendesse il sopravvento sul ragionamento, tanto da impormi di andare e tentare! Questo succedeva tre anni fa e ora, alla vigilia degli esercizi del 16-18 marzo, mi torna in mente un vecchio detto: “Chi bella vuol apparir un po’ ha da soffrir!”. Il Padre mi guarda e non si fissa sul vestito, il trucco, i capelli; guarda la mia anima, per la quale non ci sono sotterfugi da utilizzare per renderla “più bella”: occorre avere volontà e soffrire (un pochino): confrontarsi con lo sguardo di Dio Padre per capire a che punto si è del nostro cammino non è mai semplice, perché Lui vede il nostro io più profondo; quello che a volte celiamo all’altro per paura di esporci troppo! Un po’ di sofferenza, però, ha l’effetto di una beauty farm… per l’anima!

 
di Martina De Nadai
L’Azione, 18 marzo 2012