VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

settembre 2019
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30EC

NEWS ACVV

Campi Estate 2019
Che l'Ac diocesana non vada in vacanza lo confermano i campi che si aprono ancora davanti: dal 7 al 14 agosto la settimana per adulti ed adultissimi, con una tre giorni dedicata in special modo alle famiglie, dall'11 al 14 di agosto. Dopo un breve spazio dedicato ad un tempo di distensione con l'Estiamo insieme, dal 19 al 26 agosto si avviano due campi in contemporanea, uno di 14/15enni e uno di giovanissimi. Si proseguirà poi con l'ultimo campo ACR, che prevede la presenza sia di ragazzi di prima e seconda media che di piccoli delle elementari. Il Campanac, dal 6 all'8 di settembre, tradizionale appuntamento di formazione per gli educatori, chiuderà il Tempo Estate Eccezionale 2019 per aprirsi al nuovo anno associativo 2019/2020.

EVENTI

Estate Eccezionale 2019 AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

VERSO IL CONVEGNO DIOCESANO – GRUPPI AL LAVORO

Gli animatori alle prese con l’emergenza educativa

 
Una sera di dicembre, un tavolo, alcuni giovani. Riuscire a trovare una sera nella quale incontrarci è faticoso, dobbiamo dribblare impegni già fissati, riunioni di associazione e riunioni parrocchiali. Sederci in cerchio e aprire una conversazione intorno ad un tema è decisamente nelle corde di noi giovani di Azione Cattolica, perciò il clima non fatica ad entrare subito nel vivo.
Quest’incontro non è una riunione ordinaria, è un incontro extra-ordinario che vuole a pieno titolo coinvolgerci nel percorso del convegno diocesano “Abita la terra e vivi con fede”. Abbiamo scelto il tema dell’educare, tanto caro a noi educatori, ma anche e soprattutto a noi giovani. Siamo molto sensibili a questa tematica e siamo convinti che far emergere anche la nostra voce nel panorama diocesano sia importante e desiderato. L’emergenza educativa che stiamo vivendo ci interroga e ci mette in discussione in primis come persone. Sperimentiamo soprattutto la consapevolezza che tale emergenza non deve essere vissuta soltanto come argomento di una tavola rotonda, ma che a partire da qui deve essere compiuto un cammino significativo, che deve fare la differenza, che deve ridare il senso del rapporto educativo. Questa è una relazione che ha necessità di riacquistare valore e spessore. La difficoltà nell’organizzare gli incontri, la difficoltà nell’attuare i buoni propositi che scaturiscono dalle nostre riflessioni sono piccoli e grandi ostacoli che fanno parte di questo nostro percorso. Sin da questo primo appuntamento si è respirata l’energia positiva e propositiva che fa del cammino nel convegno un trampolino di lancio per il nostro essere educatori e giovani di Azione cattolica che vivono questo tempo, un tempo sì di fatiche, ma anche l’unico che ci è dato. Ecco che il convegno ci apre all’approfondimento di una tematica così importante, con una prospettiva che abbracciamo completamente: quella di individuare i passi che siamo chiamati a fare come Chiesa per accogliere l’invito ad abitare la nostra terra e a vivere la nostra fede.

 
Erika Buso
L’Azione, 15 gennaio 2012