VANGELO DEL GIORNO

Il Vangelo del giorno

CALENDARIO

dicembre 2019
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031EC

NEWS ACVV

"Anche Si....gnore" Smartbox spiritualità
L 'ultima settimana di novembre e la prima di dicembre vedono realizzarsi, nelle foranie, gli incontri di accostamento alla Parola del Signore per ragazzi di prima, seconda, terza superiore. Questo il calendario: venerdì 29 novembre, ore 20.30 nell'oratorio di Ponte della Priula per la forania La Colonna; sabato 30 novembre, ore 17.30 nell'oratorio di Gaiarine per la forania Pontebbana; domenica 1 dicembre,  dalle 15.00 alle 17.00 dalle suore Saveriane di Ceggia per la forania Torre di Mosto; sabato 14 dicembre, ore 17.00 nell'oratorio di Sacile per la forania Sacilese.

Work in progress
Per gli educatori ACR più giovani sono stati pensati degli incontri di formazione a livello locale. Queste la date del primo appuntamento: sabato 7 dicembre a Ceggia dalle 17 alle 18.30 per le foranie Mottense e Torre di Mosto; domenica 15 dicembre a San Polo di Piave dalle 9 alle 10.30 per la forania Pontebbana, con partecipazione alla Santa Messa a conclusione dell'incontro.

Veglia associativa diocesana
Sabato 7 dicembre, alla vigilia della solennità dell'Immacolata, alle 20.30, nella chiesa parrocchiale di Colle Umberto, l'Azione Cattolica si ritrova in preghiera. "La casa di Maria", il filo conduttore della tradizionale veglia, che riconduce al verbo "abitare", tema associativo dell'anno.

8 dicembre, festa dell’adesione
Nel giorno dell’Immacolata, l’Azione Cattolica celebra la giornata dell’adesione. Le associazioni parrocchiali festeggiano in molti modi diversi, ma è la benedizione delle tessere durante la Santa Messa il momento più significativo.

EVENTI

Mini-Campo 18enni e Giovani 2019 ACRcinquanta AC Vittorio Veneto on Facebook AC Vittorio Veneto on Instagram AC Vittorio Veneto on Twitter AC Vittorio Veneto on YouTube

GIUSEPPE TONIOLO

La targa dell’Azione Cattolica nella casa di Pieve

 
L’Azione Cattolica parrocchiale di Pieve di Soligo si sta preparando con grande impegno all’appuntamento in Roma del prossimo 29 aprile, per la solenne beatificazione del grande economista e sociologo Giuseppe Toniolo. E intanto saluta con soddisfazione i tanti segnali di rinnovata attenzione per la figura dell’esemplare sposo e padre, docente universitario e guida del movimento cattolico tra fine ‘800 e inizi del ‘900. Ad esempio, il recente convegno su “Toniolo innovatore e santo”, svoltosi al teatro Careni di Pieve con la partecipazione tra gli altri del ministro Ornaghi e del Vescovo Pizziolo, ha visto presenti oltre 350 persone da tutta la diocesi, ed è stato molto apprezzato per i contenuti e lo stile. La comunità cristiana pievigina sente il privilegio del profondo legame umano e spirituale con il Toniolo, che il 4 settembre 1878 sposò la concittadina Maria Schiratti nella chiesa intitolata a S. Maria Assunta. Pieve di Soligo divenne da allora il luogo delle ferie annuali della famiglia Toniolo, nell’antica dimora dell’attuale piazza Umberto I, a pochi passi dal Duomo, dove il futuro Beato si raccoglieva spesso in preghiera e contemplazione, presenziava alla S. Messa quotidiana e indossava come associato della Confraternita del Santissimo la cappa bianco-rossa per le processioni. E proprio su un tratto delle mura esterne della casa abitata dai Toniolo, l’Azione Cattolica di Pieve intende porre nel 2012, anno della beatificazione, una targa a futura memoria, in segno di gratitudine per un cristiano laico anticipatore del Concilio e promotore dell’azione ecclesiale e sociale dei cattolici. Come ricorda nei suoi scritti il vice presidente adulti AC Pietro Furlan, appassionato studioso del Servo di Dio, Toniolo affermò più volte in vita: “Desidero essere seppellito a Pieve di Soligo, così gli umili della campagna verranno a deporre qualche Requiem sulla mia tomba”. Così è stato, ed oggi il sepolcro in Duomo è meta costante di fedeli e pellegrini, che nello stesso luogo possono ancora leggere l’iscrizione posta dai giovani di Azione Cattolica della diocesi di Vittorio Veneto nel 75° di fondazione dell’Associazione: “Come ad un altare pellegrinanti qui ci rechiamo, quasi a sciogliere un voto e a trarre gli auspici per i cimenti futuri”.

 
di Mariaregina Dal Ben
L’Azione, 8 aprile 2012